mercoledì 29 febbraio 2012

Roma, Trigoria: Greco vede il derby..!


Secondo allenamento settimanale per la Roma in vista del derby di domenica pomeriggio. Luis Enrique è alle prese con un dubbio a centrocampo: squalificato Gago, il favorito per completare il reparto insieme a De Rossi e Pjanic è Leandro Greco, fresco di rinnovo fino al 2015.
Marquinho ancora è lontano dalla forma migliore, Simplicio ha osservato dalla tribuna le ultime due partite, infine Perrotta si è fermato in allenamento per una contusione al piede destro..!

Seedorf su Eriksen: 'Bravo, ma resti all'Ajax...'..!


Clarence Seedorf si dice impressionato dal talento di Cristian Eriksen, centrocampista dell'Ajax. "Eriksen è un gran giocatore". Così si è espresso il milanista al quotidiano olandese Voetbalzone.
"Che l'Ajax si tenga stretto Cristian, è un talento che va preservato per ora. Sono impressionato dalla sua tecnica e dalla sua visione di gioco", ha poi proseguito Seedorf.
Su Eriksen nelle ultime ore si sono fatte più forti le voci di un interesse della Roma, squadra per la quale il danese fa il tifo sin da piccolo..!

La Roma fa ricorso: Speranze per Osvaldo..!


Lavoro al completo, invece, per Osvaldo e Cassetti, puniti con due turni di stop dopo le espulsioni ricevute nella gara con l'Atalanta. La Roma avrà tempo sino a lunedì per presentare ricorso per entrambi: un possibile errore nel referto dell'arbitro lascia qualche aperta qualche speranza di sconto per l'italo-argentino (che comunque dovrebbe essere multato)..!

Ancelotti ribadisce: 'Roma, ti allenerò'..!


Intervistato da Max, il tecnico italiano del PSG è tornato su un tema ormai vecchio. "Spero che Luis Enrique non si arrabbi...". Intanto Eriksen ha lanciato messaggi: "Sarei felice se la Roma mi cercasse"..!

lunedì 27 febbraio 2012

Roma, De Rossi: 'Nessuna lite con Kjaer, mi piace Luis Enrique. Scuse? No'..!


«Sono stato un po' disattento. Devo scusarmi? No». Così Daniele De Rossi commenta l'esclusione di Bergamo. Il centrocampista della Roma ha deciso di spiegare il clamoroso episodio di ieri dal ritiro della Nazionale. «Mi dispiace per quello che è successo - ha spiegato a Raisport 1 - non c'è niente da nascondere, so che a Roma si sta creando un po' di caos e questo mi dispiace. L'allenatore e la società hanno spiegato quello che è successo. Non ci sono state risse con Kjaer, non ho risposto male a nessuno. Non ho problemi con Luis Enrique, ieri ha dimostrato che non guarda in faccia a nessuno e questo mi piace. Mi sono sempre trovato bene con lui e continuo a fidarmi. Spero che anche i tifosi abbiano fiducia in lui. Dobbiamo solo pensare alla partita di domenica»..!

Roma, l'ira di Osvaldo: 'Tacchettata da Cigarini'..!


'Avevo ricevuto una tacchettata da Cigarini', racconta Osvaldo davanti al pullman che ha portato la Roma dallo stadio Atleti Azzurri d'Italia di Bergamo all'aeroporto di Linate. Non segna dal 21 dicembre, stessa data in cui si era fermato proprio il suo connazionale Denis, il giustiziere della Roma di ieri, con una tripletta da urlo. Dani sa che almeno due giornate gli toccheranno. Chissà quando sarà di nuovo titolare. Saprà prima di salire a bordo che Cesare Prandelli ha chiamato Borini e non lui per l'amichevole contro gli Usa di mercoledì sera a Marassi. Il cittì dell'Italia ha nuovamente applicato il codice etico..!

Difesa Roma: Occhi su Breno..!


Secondo alcune indiscrezioni provenienti dalla Germania, la Roma, in vista della prossima stagione, starebbe valutando la posizione di Breno, difensore centrale brasiliano del Bayern Monaco. Il giocatore a giugno andrà in scadenza e molto
probabilmente non rinnoverà con la società bavarese e così Luis Enrique starebbe valutando la possibilità di un'offerta..!

Luis Enrique-De Rossi, Prandelli: 'Sto col tecnico'..!


Sull’esclusione di Daniele De Rossi, Cesare Prandelli dice: "Sto tutta la vita con lui (Luis Enrique, ndr), tutti dovremmo stare con chi fa applicare le regole: E’ assurdo anche solo che se ne discuta. Alla Roma c’era un regolamento interno, e’ stato rispettato..."!!

La Roma sceglie il silenzio, ma i tifosi urlano...!


Un solo uomo al comando. Luis Enrique. L'asturiano detta le regole, Sabatini e Baldini le avallano senza condizioni. In principio fu Osvaldo. Cazzotto a Lamela ed escluso nella partita successiva a Firenze. Lo stesso metro di giudizio però non fu adottato con Cicinho, ritardatario ad un allenamento tre giorni prima della partita contro i viola: il brasiliano giocò addirittura titolare, tra lo stupore generale. La Roma perse 3-0, e sono molte le affinità con la debacle di Bergamo.
La squadra, privata prima del capocannoniere e poi di uno dei leader dello spogliatoio, si è rivelata in entrambe le occasioni fragile e nervosa. La Roma ha finito il match contro la Fiorentina in otto uomini, ieri in nove. Arbitro sempre Damato. Nel dopo Atalanta-Roma, Sabatini e Taddei si sono morsi la lingua per non parlare del fischietto di Barletta: 'Avrei qualcosa da ridire sulla direzione di gara, ma sto zitto per non venire meno alle regole che ci siamo imposti', le parole del ds. Taddei invece ha parlato di 'costante'. 'Abbiamo giocato malissimo, quindi non cerco giustificazioni, ma di mezzo c'è sempre Damato'.
C'è perplessita per la disparità di giudizio adottata, soprattutto sull'episodio Cigarini-Osvaldo: giallo per il bergamasco autore del fallo, rosso al romanista per la reazione; ma già nel primo tempo l'ammonizione a Moralez per una manata sul volto di Rosi (sostituito da Josè Angel) è apparsa una decisione molto clemente. La Roma ha scelto il silenzio. Oggi, molti tifosi le chiedono di alzare la voce: 'Qualcuno se ne sta approfittando', temono..!

venerdì 24 febbraio 2012

Luis Enrique: 'La Roma lo terrà a lungo'..!


Damiano Tommasi, ex centrocampista della Roma, e attuale presidente dell'AIC, ai microfoni di Esports COPE parla del tecnico giallorosso, Luis Enrique.
"Luis Enrique a Roma sta convincendo tutti che si può giocare al calcio in un'altra maniera, con spirito e pazienza. Immagino che la Roma lo sappia e stia già lavorando ad un accordo che possa trattenerlo nella capitale nei prossimi anni. Sta facendo qualcosa di diverso e la Roma crede in lui, lo ha fatto dal primo momento e lo ha difeso quando tutti lo criticavano".
Tommasi ha poi parlato anche di Pep Guardiola, suo ex compagno di squadra alla Roma. "Anche in Italia siamo in attesa di capire cosa farà Guardiola, perchè tutto il mondo vuole che rimanga nel suo paese, perchè è un grande allenatore e qualcosa di più nel calcio. Tutto il mondo sta aspettando di sapere quello che farà Pep, non soltanto il Barça. Ma lui sa bene che per fare un buon lavoro al Barcellona, deve essere motivato ed essere cosciente di quello che può fare perchè al Barça non si può sbagliare, c'è molta pressione e bisogna essere certi al 100% di voler proseguire"..!

Gago resta alla Roma: Contratto fino al 2016..!


La scorsa estate con il Real Madrid è stato fissato sulla parola, a poco più di 6 milioni di euro, il prezzo per riscattare il suo cartellino. L'operazione tra i due club va solo formalizzata, mentre manca ancora l'intesa economica sull'ingaggio del centrocampista. Grazie alla buonuscita del Real, quest'anno la Roma ha riconosciuto a Gago solo un milione e centomila euro lordi più premi, una cifra che dovrà almeno triplicarsi nel nuovo accordo quadriennale.
La società ha programmato lo sforzo, anche in questo caso con il placet di Luis Enrique. Da toppa messa l'ultimo giorno di mercato, Gago è diventato in fretta un titolare in un centrocampo che ha tanto bisogno di qualità. E ha pure ritrovato la Nazionale argentina..!

Roma, torna Osvaldo: Il re delle trasferte...!


Osvaldo torna dal primo minuto in una partita in trasferta. La notizia non è da sottovalutare se si pensa che l'attaccante italo-argentino ha risolto tutte le vittorie esterne della Roma maturate in stagione: in gol contro Parma, Novara, Napoli e Bologna.
Da quando si è infortunato la squadra ha rimediato lontano dall'Olimpico soltanto delusioni: Osvaldo è riapparso nell'ultimo scorcio di partita a Siena, con il risultato già compromesso. 'Voglio il gol' ha ripetuto più volte ai tifosi a fine allenamento. Lo stimolo di giocare contro la sua ex squadra - castigata già nella partita d'andata - e una forma migliore possono fare la differenza rispetto ai 70 minuti disputati in apnea contro il Parma..!

Marquinho titolare: Ha stregato Luis Enrique..!


Dopo l'esordio col Parma il brasiliano ha altre 14 gare per convincere la Roma a riscattarlo.
Luis Enrique stregato da Marquinho.
Sta conquistando sempre più la fiducia del tecnico: con l'Atalanta potrebbe giocare la prima gara da titolare.
In difesa avanza Kjaer: ci penserà De Rossi a proteggerlo.
Il danese è in crisi, ma Luis Enrique deve preservare Juan (diffidato) per il derby..!

giovedì 23 febbraio 2012

Roma, Trigoria: Lamela cerca il riscatto..!


Erik Lamela sta vivendo il suo primo periodo complicato della sua avventura a Roma: nel 2012 soltanto una doppietta in coppa Italia contro la Fiorentina, poi il crollo iniziato proprio nel turno successivo contro la Juventus. L'espulsione e le ramanzine di Luis Enrique e Sabatini lo hanno oscurato nel rendimento.
Sostituito nelle tre partite successive contro Bologna, Cagliari e Inter, ha disputato 90 minuti a Siena, per essere successivamente spedito addirittura in panchina contro il Parma. Luis Enrique vuole maggior impegno da parte sua durante gli allenamenti: 'Borini gioca perchè dà il 100% anche quando dorme', ha dichiarato domenica scorsa in conferenza stampa, lanciando un segnale all'argentino. Domenica prossima a Bergamo si gioca un posto con Pjanic come vice-Totti. Si decide a Trigoria...!

Roma: Osvaldo prende tutto..!


ll primo gol del 2012, il derby, la Champions e l'Europeo: l'Osvaldo ambizioso è pronto a ripartire dopo l'infortunio. Finito il rodaggio contro Siena e Parma (90 minuti in tutto) vuole riprendere la mitraglietta e tornare a segnare. Un desiderio confessato due giorni fa proprio dall'attaccante italo-argentino ai suoi ex-compagni dell'Espanyol a cui Osvaldo ha fatto visita approfittando del giorno libero concesso alla squadra da Luis Enrique. Mentre si allenava con Pandiani e compagni, l'italo-argentino ha svelato i suoi obiettivi.
Il primo, e più ravvicinato, riguarda il ritorno al gol che manca ormai dal 21 dicembre scorso (contro il Bologna). La mira è puntata in direzione Bergamo dove, domenica, formerà il trio d'attacco con Lamela e Borini (Totti è squalificato). Quest'ultimo, oltre a sostituirlo in Nazionale (Prandelli lo convocherà in vista dell'amichevole con gli Usa), lo ha raggiunto in cima alla classifica dei marcatori giallorossi con sette gol. Un digiuno di due mesi, quello di Osvaldo, dovuto a un infortunio muscolare che lo ha costretto ai box per oltre un mese proprio nel suo momento migliore, ovvero pochi giorni dopo il debutto in maglia azzurra.
Osvaldo però ha recuperato a tempo di record proprio per farsi trovare pronto in quello che considera l'appuntamento più importante della stagione: il derby. Il suo gol all'andata (e quella maglia di sfottò mostrata troppo presto) servì solo ad aumentare i rimpianti ingigantiti dal gol a tempo scaduto di Klose. Osvaldo freme dalla voglia di rivalsa. 'Pagherebbe di tasca sua per segnare il gol-vittoria', fa sapere un amico dell'italo-argentino che a Trigoria ormai chiamano Johnny Depp (per via della somiglianza con l'attore americano)..!

Roma, Baldini: 'Sabatini? Resta quanto vuole'..!


"Le dimissioni di Reja? Non posso dare un giudizio su una storia che nemmeno si sa come va a finire. Prima si è dimesso, poi è volato a Madrid e quindi c'è ancora spazio per un ripensamento. Conosco personalmente Reja, lo stimo molto, è una buona persona, sana, e a me farebbe comunque piacere incontrarlo»" nel derby in programma tra meno di due settimane.
Così il direttore generale della Roma, Franco Baldini, in merito alle dimissioni presentate dal tecnico della Lazio, Edy Reja, e respinte dalla società biancoceleste. Il dirigente giallorosso, a margine della serata conviviale del Roma Club Montecitorio-Utr, si è soffermato anche sul deferimento del direttore sportivo, Walter Sabatini. "Il deferimento è molto formale, non di sostanza, e non abbiamo alcun tipo di preoccupazione - ha spiegato Baldini -. Il contratto? Non è mai stato in discussione, Sabatini resta quanto vuole, e credo voglia restare a lungo". Il ds ha il contratto in scadenza a fine stagione..!

Roma, Trigoria: Kjaer vede l'Atalanta..!


Primo allenamento setttimanale della Roma in vista del prossimo impegno di domenica prossima conro l'Atalanta. Luis Enrique ha testato la difesa. Juan è diffidato ed è a rischio derby. A tal proposito, durante il mini-torneo in famiglia disputato da tre squadre, è stata provata la coppia Kjaer-Heinze, con Josè Angel a sinistra. Lo spagnolo è in ballottaggio con Rodrigo Taddei..!

mercoledì 22 febbraio 2012

Roma su Vertonghen: È il nuovo Chivu...!


La Roma strizza l'occhio a Jan Vertonghen, difensore centrale capitano dell'Ajax e della Nazionale belga (maglia vestita già 35 volte). E' sul taccuino di Sabatini, piace molto per la sua bravura nell'impostare l'azione, qualità che ricorda molto l'ex giallorosso Christian Chivu ed è fondamentale nel gioco di Luis Enrique.
Vertonghen, classe '87, è conteso dalle migliori società della Premier. Il momento migliore per avanzare un passo decisivo è l'estate prossima. Ha il contratto in scadenza nel 2013 e si può acquistare sborsando una cifra intorno i 10 milioni di euro..!

Roma: In tre si giocano il futuro..!


Le premesse perché non sia affatto noioso, in fondo, ci sono tutte: tre ballerini che sembravano potessero zompettare come Fred Astaire e invece si ritrovano costretti a non toppare più nulla perché si sono già giocati tutti i bonus. Simon Kjaer, Josè Angel Valdés e Bojan Krkic hanno 14 partite per mostrare alla Roma di che pasta sono fatti e convincerla a poter contare su di loro anche per il futuro. Una missione molto impegnativa per il danese e un pochino più agevole, per una serie di motivi, per i due spagnoli.
Kjaer, non è un mistero, è quello che finora ha fatto peggio e ha la strada in salita. La lunga lista di errori commessi, inaugurata con il rigore più espulsione su Brocchi nel derby d'andata e terminata (per ora) con quel piede lasciato colpevolmente all'insù su Destro a Siena, e i sette milioni, da aggiungere ai tre versati per il prestito, da girare al Wolsfburg in caso di riscatto, non aiutano. Ma finché c'è vita, c'è speranza. E in questo caso c'è una speranza lunga 14 partite. Kjaer, scontato il turno di squalifica con il Parma e superati i piccoli dolori articolari (con febbre) dei giorni scorsi, tornerà a disposizione con l'Atalanta.
José Angel, invece, può contare su un'alleata di non poco conto per sfangare una riconferma al termine della stagione: una carta d'identità che dice solo 22 anni. A Trigoria, nonostante la netta involuzione dopo un inizio passabile e il sorpasso di Taddei nelle gerarchie di Luis Enrique, restano convinti dei mezzi e delle potenzialità del terzino spagnolo. Il finale di campionato, però, sarà un test probante anche per il Cote, chiamato almeno a lanciare dei segnali di miglioramento.
Il destino di Bojan, infine, dipenderà anche da una formula - e da un Barcellona che non ha obbligo e urgenza di riscattarlo - che potrebbe allungare il ballo della verità per un altro anno. Ma l'enfant prodige della cantera blaugrana si gioca ugualmente tanto. L'unico suo momento di gloria romano, guarda caso, durò 34 giorni, fruttò tre gol e inizio proprio nella gara d'andata con l'Atalanta. Un piccolo revival nel girone di ritorno, insomma, non guasterebbe affatto..!

Muriel: Nome nuovo per la Roma..!


Tra gli obiettivi di mercato la sorpresa potrebbe essere il colombiano che gioca a Lecce ma è di proprietà dell'Udinese.
Roma: nel futuro c'è Muriel.
Il procuratore Wennin: "Sarebbe felicissimo di giocare in giallorosso". Già avviati i contatti. E da Udine fanno sapere: "Costa 10 milioni".
Dopo il derby l'agenda di Sabatini prevede un blitz in Sudamerica..!

martedì 21 febbraio 2012

La Roma sogna Borini: Leonardi 'La comproprietà...'!


L'Amministratore Delegato del Parma, Pietro Leonardi, ai microfoni di Te la do io Tokyo (centro suono sport 101.5, Roma) parla di Fabio Borini.
Cosa ci dice di Borini?
Sta dimostrando quello che aveva iniziato a fare con il Parma. Ora ha subito una crescita esponenziale dimostrando quelle qualità che ha sempre avuto, è determinato, caparbio un giocatore di prospettiva, che non ha paura di confrontarsi in palcoscenici importanti come quello di Roma.
Com'è la situazione contrattuale del giocatore fra Roma e Parma ?
Molto semplice, la Roma è una società quotata in borsa ed ha tutto scritto. Noi lo avevamo dato a titolo temporaneo oneroso con diritto di riscatto a fine stagione per una cifra di 7 milioni. Poi la Roma ha deciso di anticipare i tempi e a gennaio ha acquistato la comproprietà per una cifra di circa 3.5 milioni. Non è fissato alcun prezzo per il riscatto della seconda metà, mi auguro che si valorizzi ancora di più a fine stagione per interesse nostro e anche del giocatore.
Probabile un rinnovo della comproprietà a fine stagione?
Sono valutazioni premature, se ne parlerà a maggio, c'è un ottimo rapporto fra le parti, non ci dimentichiamo che noi abbiamo preso anche Okaka, che è un giocatore in prospettiva in comproprietà con la Roma. Bisogna vedere l'evoluzione dei due giocatori. Okaka per me è un ragazzo con una struttura fisica importante ma ancora un po' acerbo, da non dimenticare che è stato per sei mesi fermo, non ha fatto nulla. E' stato catapultato nella Roma a 16 anni, e considerato subito un grande talento poi sballottato da una parte all'altra, magari un calciatore ha bisogno di certezze. Ha delle qualità per diventare un giocatore importante e mi auguro che il Parma possa rivelarsi giusto per lui.
Com'è possibile che un giocatore di qualità come Borini sia finito a parametro zero?
I grandi club a volte sono un pochino disattenti, si sopravvalutano, bisogna essere attenti al campionato di serie B, un altro esempio del Chelsea è Sala che ora gioca con l'Amburgo. A volte nelle seconde squadre si trovano ragazzi promettenti che magari hanno voglia di confrontarsi di nuovo con l'Italia. Sono squadre molto potenti economicamente ma magari disattente sul mercato.
Giovinco?
Stessa cosa di Borini, si parla sempre di un progetto Giovinco per la Juve, ma è per il 50% del Parma e non si può prescindere da noi per il progetto.
Cosa pensa di Lamela?
Un fenomeno, un talento secondo me. Se avessi avuto l'opportunità l'avrei preso subito, era nelle note dei nostri osservatori. Importantissimo per la Roma, che ha fatto degli investimenti importantissimi in questi giocatori come con Pjanic, chiaro che magari all?inizio possono riscontrare qualche difficoltà ma quello è normale..!

La Roma pensa già al derby: i casi Juan e Gago..!


'Ci stiamo avvicinando al derby'. Luis Enrique commenta la bella prestazione dei suoi contro il Parma riconducendola al desiderio della squadra di presentarsi al meglio alla stracittadina del prossimo 4 marzo. In mezzo la partita contro l'Atalanta e due calciatori in diffida: Juan e Gago. Kjaer può insidiare il posto del brasiliano a Bergamo, nell'estremo tentativo di salvare la propria stagione individuale, riscattarsi dopo il rigore causato nel derby d'andata e ritornare a sperare nell'acquisto del club giallorosso al termine del campionato.
Più difficile ipotizzare un'assenza di Gago. Il centrocampo composto dall'argentino, da De Rossi e da Pjanic ha sempre in vinto in campionato, e i rincalzi Greco e Simplicio sono in netto calo atletico. Nell'ultima partita si sono accomodati addirittura in tribuna. A proposito, saranno da valutare i progressi fisici di Marquinho nei prossimi allenamenti. Dieci minuti contro il Parma, un gol sfiorato. Almeno in partenza, ha occupato la posizione del bosniaco, per poi spingersi molto spesso nella zona dell'attaccante di fascia. Va disciplinato tatticamente.
Domani la squadra tornerà ad allenarsi a Trigoria. Luis Enrique dovrà scegliere prima di tutto chi sostituirà Totti (Pjanic o Lamela i favoriti), e da quella decisione a cascata cadranno di conseguenza le altre scelte. Il capitano ha ammesso in mixed zone di aver cercato il cartellino giallo per garantirsi la partita contro i biancocelesti; mentre in panchina siede un tecnico che ha sempre dichiarato di porsi un obiettivo 'di settimana in settimana', dunque nessun ragionamento a posteriori. Tradotto: Juan e Gago sono due titolari e domenica giocheranno, nonostante siano in diffida-derby: versione official. E para amigos...!

Roma, Borini: Il bomber autodidatta..!


Quello che anche quando dorme dà il 100% è un ragazzo di neanche ventun anni con la testa sulle spalle che si è fatto goleador da solo. La storia di Fabio Borini, sette gol (come Osvaldo) da inizio stagione e cinque nelle ultime sei partite, è quella di un self-made bomber: prima, ai tempi del Bentivoglio 85, correva tanto e basta, poi ha iniziato a segnare con le giovanili del Bologna e non ha smesso più. Corsa, rabbia, voglia di sgobbare e senso del gol: un campionario del genere non poteva passare inosservato.
Frank Arnesen e Carlo Jacomuzzi del Chelsea ne parlarono con papà Roberto, mamma Cinzia e il sedicenne Fabio: 'Se vieni da noi diventerai un calciatore'. Dieci minuti dopo, Borini aveva già detto 'yes' per quattro anni. Il centro d'allenamento di Cobham, le partite con la squadra riserve dei Blues, poche apparizioni con Ancelotti (un altro suo ammiratore) in prima squadra e poi tre mesi in prestito allo Swansea (sei gol in dodici partite). L'estate del 2011, e un contratto non rinnovato con il Chelsea, lo porta al Parma, poco distante da casa e da una famiglia di atleti (con una mamma maratoneta e una sorella, Gloria, che pratica il salto in lungo).
Il mercato, dopo 58 giorni parmensi, lo fa traslocare di nuovo alla Roma. Il resto è attualità: un gol al Genoa, uno alla Fiorentina in Coppa Italia, uno al Cesena, uno al Cagliari, due all'Inter e uno al Parma. sette reti che hanno già trasformato quello che era un prestito in una comproprietà e fanno già iniziare a parlare di Nazionale di Prandelli (non dell'Under 21, di cui Borini è già un pilastro)..!

Roma su Garay: Conferme dal Portogallo..!


La stampa portoghese conferma l'interesse della Roma per Garay: il difensore argentino del Benfica è in comproprietà col Real Madrid e ha una clausola di rescissione da 20 milioni di euro..!

Luis Enrique: 'Non torna a Barcellona'..!


Baldini nega che una clausola possa liberare l'allenatore per il Barcellona.
"Luis Enrique non si muove!".
"Resta fino al 2013, non ha clausole e non c'è neppure l'idea di metterlo in discussione". Ma in Spagna insistono...!!

lunedì 20 febbraio 2012

Roma, Otamendi il prescelto, può fare bene in due posizioni!


Una bella vittoria che ha spazzato via le scorie di Siena e la delusione per la sconfitta contro la formazione di Sannino. La Roma di Luis Enrique reagisce e vince uno a zero contro il Parma, un risultato che avrebbe potuto essere più largo viste le tante occasioni avute dalla formazione di Luis Enrique. Il gol del solito Borini è la conferma che con il tecnico asturiano giocano tranquillamente i giovani. Ha convinto la cintura di centrocampo formata da De Rossi centrale e il duo Gago-Pjanic accanto. Lamela non ha fatto molto, Totti ha cercato di organizzare la manovra d'attacco suggerendo un assist al bacio per Marquinho non sfruttato dal brasiliano che avrebbe potuto segnare all'esordio con la Roma. La vittoria ha permesso alla Roma di scavalcare l'Inter e di arrivare a meno quattro punti dal terzo posto occupato dal duo Udinese-Lazio. E tra due giornate ci sarà il derby capitolino contro la Lazio. In fase difensiva nessun passaggio a vuoto, la coppia Juan-Heinze garantisce solidità dietro, difficile per Kjaer entrare nella formazione titolare soprattutto perchè il danese è davvero lontano dalla forma migliore. A destra timida partita di Rosi, terzino giallorosso che ha ormai preso i galloni di titolare. Walter Sabatini, direttore sportivo della Roma, pensa al calciomercato della prossima stagione. Vuole un giocatore importante per la difesa che, bisogna ricordare, sente la mancanza di Nicolas Burdisso che resterà fuori ancora per molto. Nei giorni scorsi si sono fatti tanti nomi, il prescelto dalla dirigenza giallorossa è quello di Nicolas Otamendi, difensore argentino del Porto classe 88'. Otamendi in Argentina è considerato il vero erede di Samuel, ma a differenza dell'attuale difensore dell'Inter ed ex della Roma, è più duttile tatticamente. Oltre a essere un ottimo centrale difensivo può tranquillamente gioca a destra come terzino. Otamendi è forte fisicamente e bravo in marcatura, a destra riesce a spingere senza scoprire la propria fascia di competenza. Sarebbe un investimento importante per il futuro della Roma. Il Porto lo ha acquistato dal Velez per 4 milioni di euro nell'estate nel 2010, soffiandolo a molti club stranieri. La Roma vorrà certamente acquistarlo in estate ma dovrà a tutti i costi battere le resistenze del Porto che per il calciatore sudamericano chiede almeno il doppio.Otamendi sarebbe perfetto accanto al connazionale Burdisso (o Heinze) oppure accanto a Juan, ma la Roma potrebbe utilizzarlo anche come terzino destro e rinforzare quella zona del campo che al momento vede il solo Rosi..!

Calciomercato Roma, occhi su Balzano. Sabatini promuove Marquinho..!


Archiviato il successo sul Parma, in casa Roma si continua a pensare al mercato che verrà. Secondo le ultime indiscrezioni, riferite dal portale TuttoB.com, pare che i giallorossi abbiano messo gli occhi sul terzino del Pescara Antonio Balzano. Il 25enne difensore è uno dei giocatori che si stanno mettendo maggiormente in mostra tra gli abruzzesi, guidati da quell'ineffabile stratega che è Zdenek Zeman. A Trigoria si fidano ciecamente del boemo, che ha allenato la Roma dal 1997 al 1999, valorizzando al massimo Francesco Totti e sfoderando tante partite-spettacolo. Il mister è un mago nel lanciare i giovani e nel rivalutare giocatori dalle carriere non eccelse: è il caso, quest'ultimo, dello stesso Balzano, che quest'anno sembra letteralmente esploso sotto la sua guida, dopo qualche annata senza infamia e senza lode. Gli osservatori giallorossi lo hanno già seguito in diverse occasioni, compilando delle relazioni assolutamente positive. Tra le fila del Pescara, piace anche il gioiellino Marco Verratti, talento di centrocampo classe 1992, accostato, negli ultimi mesi, a diversi club nostrani. Manovre d'estate, naturalmente. L'unica manovra d'inverno, per la Roma, è stata l'acquisto del mancino brasiliano Marquinho, che ieri ha fatto il suo esordio all'Olimpico contro il Parma. L'ex-Fluminense ha giocato solo pochi minuti, ma ha fatto intravedere delle buone capacità tecniche, meritandosi a fine gara il plauso di Luis Enrique. "Ha fatto un buon esordio in una partita difficile", è stato il parere dello spagnolo, che ne ha elogiato l'esperienza e la sua potenziale utilità per la squadra. Sulla carta, Marquinho potrebbe essere un ottimo vice-Pjanic, un giocatore da impiegare sul centro-sinistra della mediana, con buone doti di palleggio e di inserimento. La sua condizione fisica, al momento, è all'80% secondo l'allenatore. Ieri, dopo qualche istante dal suo ingresso in campo, ha pure sfiorato la rete con una conclusione di sinistro, neutralizzata dal portiere gialloblù Mirante. "Se avesse segnato sarebbe stato subito preso in simpatia dalla gente", ha sottolineato il direttore sportivo Walter Sabatini, secondo il quale il brasiliano "è quello che stavamo cercando".
Un'arma in più, insomma, per una Roma che ha ripreso a correre. E che stavolta non vuol fermarsi più..!

Roma, Luis Enrique nel mirino del Barcellona, spunta una clausola... !


I cinque gol rifilati al Camp Nou dal Barcellona al Valencia sono serviti ai tifosi del Barcellona per ammirare ancora una volta Lionel Messi, campione indiscusso del Barcellona autore di quattro gol. L'argentino è a un solo gol da "Pichichi" Cristiano Ronaldo. Messi ancora una volta trascina il Barcellona che ritorna a meno dieci punti dal Real Madrid. Il discorso Liga sempre ormai chiuso anche se nel calcio tutto può succedere. Ma a Barcellona si parla soprattutto del futuro di Guardiola. Il tecnico catalano non ha ancora rinnovato il contratto con i catalani, il suo attuale accordo con il Barcellona scadrà a giugno. Solitamente Guardiola ama firmare contratti annuali, lo scorso anno aveva già rinnovato il proprio contratto con il Barcellona, quest'anno si sta prendendo più tempo. Lo stesso tecnico del Barça ha dichiarato di non essere ancora convinto di rinnovare per un'altra stagione. I tifosi del Barcellona sono ovviamente preoccupati, con Guardiola sono arrivati titoli in quantità industriale, il tecnico spagnolo ha saputo plasmare un gruppo fantastico che in questi anni ha dominato in Spagna e in Europa. Guardiola potrebbe anche scegliere di provare un'esperienza all'estero, magari in Italia dove l'Inter farebbe carte false per averlo. La notizia principale del giorno arriva dal quotidiano Ecodiario.es che ha rivelato la lista dei sei possibili sostituti di Guardiola: Ernesto Valverde, Luis Enrique, Oscar Garcia, Arsene Wenger, Joachim Löw e Marcelo Bielsa. Sei nomi di tecnici che piacciono alla dirigenza catalana. L'ordine dei nomi è importante perchè Ernesto Valverde, attuale tecnico dell'Olympiakos, è la prima scelta per il dopo Guardiola. Valverde dopo aver allenato il Villareal è volato in Grecia dove ha rivinto il campionato con l'Olympiakos. Il secondo nome della lista del Barcellona è quello di Luis Enrique, ex allenatore del Barcellona B e attuale tecnico della Roma. Secondo il quotidiano spagnolo nel contratto tra il tecnico asturiano e la Roma c'è una clausola che permetterebbe a Luis Enrique di liberarsi in caso di chiamata del Barcellona. Il tecnico giallorosso non ha mai fatto mistero del sogno di allenare il Barcellona. Con il Barcellona B ha raccolto grandi soddisfazioni, a Roma sta mostrando un calcio innovativo e l'ambiente comincia ad avere grande fiducia in lui.
Il Barcellona potrebbe chiamare Luis Enrique per il dopo Guardiola. Certo tutto dipenderà dalla scelta di Guardiola che dovrà decidere se rimanere o meno al Barcellona o tentare l'avventura da un'altra parte..!

Roma, De Rossi: Con lui preso un solo gol..!


Non è un caso, ma sono numeri, se nelle quattro partite di campionato del 2012 in cui De Rossi ha giocato la Roma ha preso solo un gol, a Catania, peraltro da palla inattiva (testa di Legrottaglie su calcio d'angolo). E non è un caso, invece, se nelle quattro in cui è stato assente per infortunio (Cesena, Bologna e Cagliari) o squalifica (Siena) le reti incassate dai giallorossi diventano sette, da quella ininfluente subita contro i romagnoli (battuti 5-1) a quelle pesanti prese con Bologna (1-1 all'Olimpico), Cagliari (4-2 in Sardegna) e Siena, sul campo del quale persero su rigore ma ballarono moltissimo, rischiando di prendere un'altra imbarcata.
Contro il Chievo, l'Inter e il Parma, invece, De Rossi c'è stato e agli avversari la Roma ha concesso al massimo tre palle-gol in altrettante partite. Il dato statistico lo riferiamo alle otto gare di campionato giocate dopo la sosta natalizia poiché in quelle precedenti De Rossi ha sempre giocato e, dunque, non abbiamo la controprova per valutare il rendimento difensivo della squadra con lui e senza di lui..!

Roma, Sabatini: 'Terzi? De Rossi non sbaglia'..!


Prima della finale della Viareggio Cup, ha parlato il direttore generale della Roma, Walter Sabatini: "Orgoglio smisurato essere qui in finale, impresa bellissima, frutto di tanti anni di lavoro. Sarebbe ingeneroso per me appropriarmi di questo traguardo, che non è mio, ma di Bruno Conti e di tutti quelli che hanno lavorato nel settore giovanile per tanti anni".
"Gruppo di ragazzi straordinario, guidato da Alberto De Rossi, un gruppo del quale siamo tutti orgogliosi - prosegue Sabatini -. Il risultato finale poi deve essere quello di spingere i ragazzi in prima squadra. Roma esprime molti giovani calciatori, abbiamo un bacino enorme".
Sulla prima squadra: "Luis Enrique è un mostro, bravissimo. Ma non abbiamo ancora fatto niente. Abbiamo solo creato dei presupposti per poter fare qualcosa di grande. Sono un sognatore, senza sognare non si può andare avanti. Borini in Nazionale? Prematuro, ma è stata una scelta azzeccata da parte di tutti noi. Obiettivo della Roma terzo posto come ha detto Daniele De Rossi? Daniele De Rossi non sbaglia mai"..!

Isla-Roma: 'Appena guarito ne parliamo...'..!

Muaricio Isla, intervistato dal Corriere dello Sport, ribadisce l'interesse per la Roma: "E’ tanto tempo che leggo dell’interesse della Roma per me, ringrazio i dirigenti giallorossi, è una grande squadra. In questo momento, però, l’importante è curarmi. Quando sarà tutto superato, parlerò con l’Udinese"
"Luis Enrique? Mi piace il suo gioco, in Italia si lavora bene ma ora noto che c’è più spazio per i giovani, in generale. Penso a giocatori come Cavani, che a vent’anni già segnava tanti gol, Jovetic, El Shaarawy. Tutto questo pur essendo il campionato più difficile del mondo"
Il giocatore cileno è seguito anche da Man United, Liverpool, Inter e Juve..!

sabato 18 febbraio 2012

AS Roma - I migliori gol del 2010-2011 (Top 10)

venerdì 17 febbraio 2012

Roma, Sabatini: 'Sulle tracce di top player'..!


il ds della Roma Walter Sabatini si è sbottonato ieri nella conferenza stampa di presentazione del nuovo acquisto Marquinho. Sabatini ha parlato di una Roma che "ha fretta di crescere. La qualificazione in Champions darebbe voglia alla società di spendere, ma il club non ci ha comunque fissato paletti. Sono già sulle tracce di diversi giocatori di alto profilo". I nomi? Otamendi, Manolas, Capuano, Vandenborre, Manolev, Ghoulam, Demidov, Tomecak, Tomic, Jankovic, Isla, Cirigliano e Ocampos. Una lista davvero lunga...!!

Roma su Demidov: Costa quattro milioni..!


La Roma ha messo gli occhi su Vadim Demidov, difensore centrale norvegese in forza da quest'anno alla Real Sociedad. Classe '86, arrivato dal Rosenborg, si è ambientato subito nel calcio spagnolo, e vanta già 20 presenze tra Liga e Coppa del Re.
Ha le caratteristiche adatte al gioco di Luis Enrique: può giocare sia sul centro-destra che sul centro-sinistra, è forte nei contrasti e nel gioco aereo. Oltrettutto ha una buona capacità di impostare il gioco, per questo motivo molto più spesso viene utilizzato come regista, alla De Rossi. Vanta dodici presenze nella Nazionale norvegese. Ha un contratto con la Real Sociedad fino al 2013, il suo cartellino vale quattro milioni di euro..!

Roma, tutti bene: Luis Enrique può scegliere..!


La Roma esce dall'emergenza. Hanno svolto regolarmente l'ultimo allenamento sia Juan che Pjanic. Il brasiliano ha smaltito la contusione all'anca, mentre il centrocampista è guarito in tempo di record da una piccola bolla sul piede.
Luis Enrique può schierare la miglior formazione domenica contro il Parma. Rispetto alla partita contro il Siena torneranno dal primo minuto Taddei, De Rossi, Gago e Osvaldo. Marquinho può trovar spazio in panchina..!

Isla: 'Io alla Roma? Magari...'!


Dopo aver 'chiamato' l'Inter, Mauricio Isla strizza l'occhio alla Roma. Il centrocampista cileno dell'Udinese, reduce da un intervento chirurgico al legamento crociato anteriore del ginocchio destro, ha dichiarato: "Come sto? Mi sento bene, anche se è un peccato questo infortunio nel momento cruciale della stagione, ma questo è il calcio e sono cose che capitano. Se ho sentito qualcuno di Roma o Inter? No, della Roma ho sentito solo Pizarro. Prendere il suo posto in giallorosso? Magari... Certo che mi piacerebbe, ma ora penso solo a recuperare il prima possibile"..!

giovedì 16 febbraio 2012

VOGLIA DI STRINGERSI UN PO'.....AS ROMA IO NON VIVO SENZA TE...

Sabatini non rinnova? 'Roma, è marginale'..!


All'interno della conferenza stampa di Maqruinho anche il DS della Roma Walter Sabatini ha risposto ad alcune delle domande da parte dei cronisti presenti a Trigoria.
Ho come l’impressione che la Roma in questa stagione viva una sorta di discrasia: fattura 140 milioni, ,40 milioni sul mercato staff e dirigenza di grande profilo, però è una sorta di “anno zero”. Arrivati a questo punto della stagione, questa Roma può ambire alla zona Champions League?
“La Roma deve ambire ad essere un “qualcosa” nel panorama calcistico e ci stiamo riuscendo. Deve proporre temi di gioco, proposta che ci stiamo riuscendo. Abbiamo voluto questa cosa e l’allenatore è stato da noi scelto proprio perché portatore di un’idea alternativa. Questo non vuol dire che non si debbano vincere le partite. Non si deve parlare di un anno di transizione. Un risultato importante lo stiamo ottenendo ossia che giochiamo un calcio “esclusivo” in Italia in questo momento. Siamo vittime di qualche rovescio e dobbiamo saperlo sopportare. Le sconfitte sono dolorose però sono fondamentali per creare una grande squadra, ma siamo molto fiduciosi”
Ci spiega la “soluzione Marquinho” ? Ha in mente di rimanere più anni a Roma?
“La soluzione dell’acquisto di Marquinho è stata voluta da noi per cautelarci. Il mio contratto la considero una cosa molto marginale, non ho avuto offerte da parte di nessuno, salvo che dalla mia società. Sono orgogliosamente il direttore sportivo della Roma fino a giugno, non c’è necessità impellente di rinnovare. Voglio firmare il contratto quando sarò convinto di aver lavorato bene perché la Roma bisogna guadagnarsela”
La carta d’identità ha sempre detto che non è importante, ma nelle prossime trattative cercherà di portare giocatori con più esperienza?
“Sono convinto che non conti la carta d’identità, conta il valore e la caratura dei giocatori anche se l’esperienza non guasta”
Le è arrivato l’input dalla proprietà”di stilare un budget per costruire una Roma che possa lottare per lo scudetto?
“E’ impegnativa la risposta, mi sembra oggi improbabile poter prevedere uno scudetto. Io auspico la competitività e questo porterebbe ad un risultato molto importante. La proprietà è molto presente anche se è lontana. Abbiamo fatto una riunione con Baldini e Fenucci per vedere come possiamo potenziare la squadra. Ma oggi vogliamo vedere questa squadra. Bisogna avere un’identità di gioco e noi da questo punto di vista siamo soddisfatti. Siamo certi di combattere già quest’anno per ottenere qualcosa di importante. L’anno prossimo con quello che ci ha indicato la proprietà potremo diventare molto più forti”..!

Roma, ecco Marquinho: 'Da dicembre che soffro...'..!


Marquinho questa mattina ha parlato in conferenza stampa, prima di prendere la parola sono state mostrate immagini delle sue migliori giocate con la maglia della Fluminense. Ma ecco le parole del brasiliano:
Benvenuto a Roma, che tipo di giocatore sei? La squadra gioca un 433, tu in Brasile che modulo giocavi?
“Ho giocato come centrocampista interno, ma anche come laterale ma anche attaccante, non penso di aver problemi di adattamento”
Posso bastare 15 partite per essere riscattato?
“Non c è bisogno di fare 15 partite, l’importante è farsi vedere e far vedere che sono un giocatore importante”
Ti sei dato una spiegazione per la quale tu hai dovuto attendere i tuoi 25 anni per arrivare in un campionato importante?
“Oggi giocatore ha il suo cammino da percorrere. Alcuni vengono qui a 18 anni, ma non ha importante l’età. Io arrivo a 25 anni con un bagaglio di esperienza maggiore e sono già maturo”
Quando hai saputo per la prima volta che la Roma era interessata a te?
“A fine dicembre, la mia volontà è stata quella di venire il prima possibile qui per parlare con Sabatini e trovare l’accordo”
Cosa ti ha detto Luis Enrique? Pensi che la Roma potrà farti conquistare la nazionale brasiliana?
“Luis Enrique ha sempre parlato molto con me, per cercare di spiegarmi l’organizzazione di squadra e come lui mi vede in campo. Giocare nella nazionale è un sogno come lo è giocare con la Roma”
Tra quanto sarai pronto per giocare? Che idea ti sei fatto della stagione della Roma?
“Per essere pronto ci vorranno alcuni giorni, già contro il Parma potrei giocare, ma decide il mister. Per la stagione della Roma, la squadra merita un posto migliore di quello dove è ora. In queste ultime 15 partite riusciremo a salire”
Che ambiente hai trovato qui alla Roma? Come ti sei ambientato con la squadra?
“Non mi aspettavo niente di meglio. Sono stato ricevuto benissimo e sono molto felice e sono sicuro che continuerà così”
Luis Enrique ti ha già indirizzato in un ruolo specifico?
“Il mister mi chiede sempre dove io preferisca, ma poi è lui che sceglie. Dopo la prima partita vedremo insieme quale sarà la mia posizione migliore”
Ha trovato differenze nelle metodologie di allenamento di Luis Enrique rispetto a quelle del Fluminense?
“Gli allenamenti come in Brasile sono duri. In Brasile ci si allena per correre in tutto il campo, qui l’area è circoscritta”
Hai parlato con qualche brasiliano prima di venire a Roma, magari con Juan?
“Ho incontrato Juan a Rio de Janeiro ma a metà dell’anno scorso e non abbiamo parlato di Roma. Io penso che qui avrò molti amici non solo brasiliani”
C’è un giocatore al quale ti ispiri, magari della nazionale brasiliana?
“Sono sempre stato un fan di ottimi giocatori Ronaldinho e Zidane, sono giocatori diversi ai quali mi ispiro”..!

Roma, c'è il Parma: Riecco De Rossi e Osvaldo..!


A volte ritornano. Al momento giusto e nei posti giusti, per fortuna. La Roma sta per ritrovare due pezzi portanti della sua colonna vertebrale: De Rossi e Osvaldo. Il totem in mezzo al campo da cui dipende quasi tutto il resto e il primo, per numero di gol (7), terminale offensivo. Due che influiscono parecchio sulle sorti romaniste e che negli ultimi 45 giorni, causa infortuni seri, acciacchi da gestire e squalifiche, sono mancati o stati a mezzo servizio. Il peggio, però, è passato: da domenica Luis Enrique potrà finalmente contare di nuovo su tutti e due. L'ultima volta fu a Bologna, lo scorso 21 dicembre in una delle più belle interpretazioni stagionali, poi sono arrivati i guai.
Morale della favola: Luis Enrique non ha avuto a disposizione nessuno dei due in cinque gare (e un pezzetto di 25' più recupero a Catania) delle nove dall'inizio del 2012, ha potuto schierare solo De Rossi in tre occasioni (contro Chievo, Inter e nella prima tranche della sfida al catania) e solo Osvaldo per una mezz'oretta scarsa a Siena (...). Contro il Parma, invece, ci saranno tutti e due: De Rossi dal primo minuto, Osvaldo forse ma di sicuro con un minutaggio maggiore. Il biondo di Ostia, infatti, sta bene e ieri, dopo aver lavorato anche martedì a Trigoria, è tornato ad allenarsi regolarmente con il gruppo. Il peggio, insomma, sembra passato: il problemino all'adduttore continuerà ad essere monitorato e gestito dallo staff medico, ma da domenica Luis Enrique potrà riavere un De Rossi a pieno regime.
Anche Osvaldo, clinicamente e completamente guarito, scalpita per ritornare dal primo minuto: la mezz'oretta in campo nella gelida conca di Siena non ha lasciato strascichi e ieri il bomber italo-argentino si è allenato alla grande. La decisione sul quando e quanto impiegarlo, però, spetterà a Luis Enrique. Un Luis Enrique che ieri, prima dell'allenamento, ha chiacchierato con la squadra per una decina di minuti: niente ramanzine o requisitorie, ma solo una normale richiesta di maggiore attenzione e impegno per le prossime gare. 'Ogni partita da qui fino alla fine del campionato sarà un esame per capire chi può e chi non può far parte della Roma del futuro', il succo del discorso tra i due..!

Roma: in mano Manolas e Manolev..!


La società è sempre attiva sul mercato: nel mirino il centrale dell'Aek e il laterale del Psv, più flebile l'interesse per il difensore croato del Mechelen, Skvork.
Due nomi per la Roma: Manolas e Manolev.
Faccia a faccia tra Luis Enrique e la squadra dopo il ko di Siena: "Serve più grinta".
Juan migliora, ma quest'anno si rompe spesso. Tempestilli diventa dirigente: contratto triennale...!

Agente Kjaer: 'La Roma è tutto per lui'..!


La Roma perde e continua a essere incredibilmente discontinua. Tutti parrebbero essere sotto esame, ma più di tutti lo sono: Josè Angel e Simon Kjaer. I due difensori, acquistati nello scorso mercato estivo, non si stanno esprimendo secondo le aspettative e sembrano aver iniziato a perdere fiducia. Il centrale danese, fortemente voluto da Sabatini, era stato salutato come un grande acquisto, poiché era considerato uno dei migliori difensori emergenti del panorama calcistico europeo. Fin qui, però, le sue prestazioni hanno destato più di un dubbio nella mente degli addetti ai lavori e dei tifosi giallorossi. Il nazionale danese continua a professarsi sicuro dei suoi mezzi e del fatto che si riscatterà. A proposito di riscatto, si avvicina il momento in cui la Roma dovrà far valere il suo diritto nei confronti del Wolfsburg, per il quale dovrà sborsare 10 mln di euro. Il futuro romano di Simon, secondo varie fonti, non pare più così certo. La nostra redazione per fare maggior chiarezza, ha contattato il suo agente Mikkel Beck.
Come sta vivendo Simon questo momento, soprattutto alla luce delle critiche che sta ricevendo dai giornalisti e dai tifosi per le sue prestazioni?
Simon sa che sta giocando per un grandissimo club, dove la pressione dei tifosi e dei media è elevatissima. E’ ovvio che le opinioni sulle prestazioni di un giocatore qualche volta possono positive, mentre altre negative. La cosa, però, non lo sta influenzando. In questo momento, Kjaer sta ricevendo molti attestati di stima da Romanisti in Italia e nel mondo, e lui ne è molto felice. Le uniche critiche che gli interessano, quando gliene fa, sono quelle del suo allenatore.
Si dice che la Roma non sia più così sicura di riscattarlo. Lei cosa sa al riguardo?
Credo e spero che la Roma e Simon possano avere un lungo e radioso futuro insieme. Simon è entusiasta della sua avventura a Roma e con la Roma, un’avventura che è solo al suo inizio. La sua fermissima volontà è quella di rimanere a Roma e continuare a indossare la maglia giallorossa.
E’ mai stato contattato da altri club durante questi mesi?
No, assolutamente. E la cosa non ci interesserebbe, perché Simon sta vestendo la maglia della Roma, e ha troppo rispetto per il suo club per mettersi ad ascoltare altre offerte. E’ totalmente preso dalla Roma, che è e rimane la sua priorità.
Simon è ancora convinto di aver fatto la scelta giusta, scegliendo Roma?
Nulla è cambiato nella sua testa. Simon è felicissimo di poter giocare nella Roma, avere grandi campioni come compagni e il supporto dello stupendo pubblico romanista. Egli inoltre si trova benissimo a Roma ed è contento di essere tornato in Serie A, dove si gioca un calcio fantastico. Oltretutto, è orgoglioso di far parte di questo progetto-Roma, che sta sviluppando un nuovo stile di fare calcio e costruendo per il futuro una super-squadra. Infine, ha uno stupendo rapporto con Mr. Luis Enrique, che è fonte giornaliera di grande ispirazione per Simon per il suo modo di insegnare calcio e per le sue innovative idee calcistiche..!

mercoledì 15 febbraio 2012

Roma, Lamela gioca: La caviglia è ok..!


Erik Lamela sarà disponibile contro il Parma. L'attaccante è uscito dal 'Franchi' di Siena con una fasciatura rigida applicata alla caviglia sinistra e si è temuto un suo forfait per la partita di domenica prossima di campionato.
Ieri la caviglia era ancora gonfia, ma l'argentino è riuscito in poche ore a smaltire l'infortunio ed oggi si è allenato con il resto del gruppo, rinfrancato anche dalla prima convocazione con la Nazionale argentina..!

Roma, guai in difesa: Dubbio Juan, c'è De Rossi..!


Difesa contata. La decisione di non intervenire nel mercato di gennaio, quando invece a novembre nell'immediato post-gara di Udine la volontà trapelata era diversa - 'Colmeremo le lacune', le parole del ds Sabatini - rischia ora di trasformarsi in un pericoloso boomerang. Con Kjaer squalificato per un turno e Juan non al meglio, Luis Enrique si ritrova in emergenza. In teoria contro il Parma potrebbe esser riproposto anche Cassetti, ma come rilanciare un calciatore (tra l'altro in un ruolo che non ha mai sentito suo) che non gioca dal 25 novembre (...) e che in campionato ha racimolato solamente cinque presenze? Fortuna vuole che domenica rientrerà De Rossi (che anche ieri si è allenato senza avvertire nessun problema), pronto a far coppia con Heinze qualora Juan non recuperi.
In realtà, l'arretramento del centrocampista potrebbe anche non servire, visto che le condizioni del brasiliano vengono date in sensibile miglioramento. Trattandosi di un problema articolare e non muscolare (provocato da un contrasto fortuito con un avversario e accentuato dal fatto che il difensore ha continuato a giocare per altri dieci minuti) il recupero non appare una chimera. Dopo i primi accertamenti effettuati ieri a Trigoria, la situazione continuerà ad essere monitorata in giornata, quando la Roma, dopo il giorno di riposo concesso da Luis Enrique, tornerà ad allenarsi.
Da valutare anche le condizioni di Lamela che dalla partita in terra toscana è tornato con una caviglia gonfia (la sinistra, quella infortunata al Mondiale Under 20 a fine agosto). Buone notizie arrivano da Gago: out contro il Siena, l'argentino ha smaltito la contrattura muscolare e torna a disposizione..!

La Roma 'cinguetta': Kjaer a rapporto..!


'Tanti calciatori hanno giocato sotto il loro livello. Quello che in settimana proviamo, e bene, in campo viene fatto male'. Per la prima volta, Luis Enrique ascrive le ragioni della sconfitta ai propri calciatori. Non è uno scaricarsi di responsabilità: gli stessi uomini scesi in campo contro il Siena sono consapevoli dei loro errori e ne hanno parlato molto durante il viaggio di ritorno nella capitale. Un confronto molto acceso tra alcuni senatori e e i giovani, in particolare con Kjaer e Josè Angel, che ascoltavano a testa bassa, cinguettando. Il richiamo dei più grandi è ad una maggiore personalità e attenzione durante le partite: è delittuoso perdere dei punti così. Oggi, a Trigoria la squadra si ritroverà per il primo allenamento stagionale, ma i confronti non sono terminati.
Sabatini parlerà con Kjaer: il tweet del danese non è piaciuto alla società, che si è imposta il silenzio sulle decisioni arbitrali. Oltretutto dopo certe prestazioni sarebbe stato più opportuno chiedere scusa, anziché lasciarsi andare ad una reazione isterica. Il club non ha operato a gennaio per puntare su di lui (tre milioni il prestito oneroso), ma se non ci sarà la scossa nelle prossime partite a giugno tornerà nel Wolfsburg. Lo stesso discorso vale per Josè Angel: in questo caso il cartellino è interamente della Roma. Verrebbe messo sul mercato, ma l'ultima parola spetterà a Luis Enrique..!

Roma, quattro rinforzi: Kjaer fa già le valigie..!


La conta di promossi e bocciati è presto fatta. A salvarsi, tra prestazioni altalenanti, finora sono in nove: Stekelenburg, Taddei, Heinze, Pjanic, Gago, Lamela, Borini, Totti, Osvaldo e Burdisso. Poi De Rossi, senza il quale la Roma non riesce a vincere. Il rendimento senza il regista è eloquente: in 8 gare la Roma ha ottenuto 7 punti e una sola vittoria (col Cesena). La dirigenza ripartirà da questi undici e passerà in estate alla seconda fase del progetto che coinvolgerà in particolar modo la difesa.
Sabatini da venti giorni sta lavorando in gran silenzio per individuare quattro elementi di grande livello: due centrali (Subotic e Bocchetti) e due esterni (Isla e Bastos). Il primo a fare le valigie sarà Kjaer che oggi, tra l'altro, sarà redarguito dalla società per il messaggio pubblicato ieri notte su Twitter, con un commento piuttosto eloquente: 'Non era rigore. Mi sento truffato'.
La dichiarazione di Kjaer stride con la volontà della società di non commentare i fatti arbitrali e col rendimento del difensore che sul pullman, di ritorno da Siena, è stato anche ripreso da alcuni compagni di squadra. Parole grosse nel post-partita sarebbero volate anche nei confronti di Josè Angel e Bojan, gli altri due flop del mercato giallorosso (l'attaccante era stato ripreso in settimana da Luis Enrique per alcune uscite notturne di troppo). In odore di bocciatura sono anche Juan e Simplicio mentre Perrotta, Cicinho e Cassetti sono da tempo ai margini..!

venerdì 10 febbraio 2012

CENTROSUONOSPORT SAW 5 IL TRAILER DERBY ROMA LAZIO 2 0 TOTTI TOTTI

Roma, punta in arrivo: Il sogno è Barrios...!


Una punta veloce e già pronta per il campionato italiano. Luis Enrique ha bisogno di due ali scattanti in attacco per rendere più brillante ed imprevedibile il suo gioco. Una l'ha già in casa ed è Bojan, mentre Lamela è destinato ad arretrare la propria posizione a centrocampo (o almeno si farà un tentativo).
Il sogno del tecnico è poter arrivare a Lucas Barrios del Borussia Dortmund. Il paraguayano è cercato dal Real Madrid, dal Manchester City e dallo Zenit Pietroburgo. Obiettivo difficile, ma utile a capire che tipo di caratteristiche sta cercando la Roma per il proprio reparto offensivo..!

Gago e Viviani ko: Roma, Greco con il Siena?!


Gago e Viviani ancora non hanno smaltito l'infortunio dei giorni scorsi, e sono in forte dubbio per la partita di lunedì contro il Siena. A queste probabili assenze (lo staff medico nutre forti dubbi soprattutto sull'argentino), si aggiunge quella sicura di De Rossi, che salterà il prossimo impegno di campionato a causa della squalifica.
Luis Enrique rischia seriamente di presentarsi a Siena senza il volante di centrocampo: in caso di doppio forfait è pronto Greco, già utilizzato in quella posizione contro la Juventus..!

Non solo Jankovic: Roma, Cirigliano e Pezzella..!


'Largo ai giovani'. In Italia qualcuno ci crede davvero, ed è la Roma. Dopo Borini, Lamela, Pjanic, Bojan, Angel e Nico Lopez, infatti, la società giallorossa ha messo le mani su Filip Jankovic. Trequartista, 17 anni appena compiuti e un futuro da campione. 'È un top-player, uno di quelli che nascono una volta ogni 20 anni', ha assicurato Borozan, agente Fifa. E a vedere la vera e propria insurrezione dei tifosi della Stella Rossa alla notizia della sua cessione c'è da credergli. La Roma, infatti, ha sfruttato la clausola rescissoria da tre milioni e ottenuto in gran segreto il 'sì' del ragazzo (e dei suoi genitori) già a novembre quando Sabatini si è recato a Belgrado per assistere al derby con il Partizan bruciando sul tempo Real e Liverpool.
'Non lo daremo via', ha tuonato il presidente Lukic per placare la furia dei tifosi serbi. Il regolamento però è dalla parte della Roma, che ha già trovato un lavoro in Italia ai genitori di Jankovic. A giugno a fare compagnia al nuovo Procinecki saranno Cirigliano e Pezzella, dal River Plate. Il primo è considerato l'erede di Mascherano ed è stato cercato anche dalla Lazio. Il secondo vanta già una convocazione in Nazionale, pur non avendo mai giocato in prima squadra. Senza contare i sondaggi per Ocampos (sempre del River), Marco Perrotta (Pescara) e Casemiro (San Paolo).
A Trigoria sono già 45 i milioni spesi per acquistare giocatori under 21. Senza contare i ragazzi della Primavera: Piscitella è il quinto esordiente in serie A quest'anno e con Borini e Lamela ha formato il tridente più giovane della storia (soltanto il Bari nel '99 aveva fatto meglio con la coppia Cassano-Eniynnaya, 17 e 18 anni)..!

Roma su Sahin: Che mediana con Pjanic!

Sahin è il nuovo obiettivo della Roma per la prossima stagione. Il dg Franco Baldini sta muovendo i primi passi per sondare la disponibilità del club madrileno a lasciar libero il centrocampista, acquistato la scorsa stagione dal Borussia Dortmund per dieci milioni di euro. Turco, classe '88, può essere utilizzato sia davanti alla difesa sia come mediano a sinistra nel 4-3-3 di Luis Enrique, e si amalgherebbe alla perfezione in una linea completata da De Rossi e Pjanic.
Appena 23 i minuti giocati in stagione contro l'Osasuna: Sahin non riesce a trovare spazio con Mourinho. L'ingaggio è alla portata della Roma: 2,5 milioni a stagione..!

mercoledì 8 febbraio 2012

Roma, il Barcellona richiama Luis Enrique per il post-Guardiola..!


Interessante indiscrezione di mercato circolante questa mattina in Spagna. Il quotidiano sportivo El Mundo ha infatti riportato il rumor secondo cui Luis Enrique, attuale allenatore della Roma, potrebbe tornare a breve in Catalogna, nel suo Barcellona. Sembra infatti che i bluagrana stiano iniziando a pensare ad un futuro post-Guardiola. L’allenatore campione d’Europa e del mondo, che a Barcellona ha vinto tutto quello che poteva e anche di più, ha il contratto in scadenza al 30 giugno del 2012 e nel contempo sarebbe attirato dalle sirene estere. Sulle sue tracce vi è infatti l’Inter, con un Massimo Moratti da sempre grande estimatore, nonché il Chelsea, che pare sia già stufo dello Special Two, Villas Boas. Luis Enrique, attuale allenatore della Roma, verrebbe quindi richiamato alla base dopo il buon lavoro svolto in quel di Trigoria. Il tecnico asturiano non ha mai giurato amore eterno alla Roma parlando del rinnovo del contratto, per cui non sono da escludere clamorose mosse a sorpresa durante la prossima estate. Intanto si inizia a muovere anche il mercato della Roma in vista della prossima estate. Sistemato il nodo De Rossi il direttore sportivo Walter Sabatini starebbe ora concentrandosi sugli esuberi. Il primo da piazzare dovrebbe essere il terzino destro brasiliano Cicinho. Il giocatore ex Real Madrid sembrava destinato a lasciare Trigoria a gennaio ma il tutto è poi decaduto e ogni discorso rimandato a luglio. Il piazzamento in patria del verdeoro è però possibile prima dell’estate e da tale mossa i capitolini risparmierebbero circa 1,5 milioni di euro di ingaggio lordo fino a giugno. Nel contempo si potrebbe prolungare il contratto di Greco, spesso e volentieri utilizzato da Luis Enrique. La fumata bianca è stata praticamente già raggiunta: contratto fino al 2015 e stipendio a partire da 700mila euro netti all'anno con annessi ricchi premi a seconda del numero di presenze. Per ufficializzarla mancano solo le fatidiche firme. Attenzione anche a quello che succede in ottica entrata. Oltre a Jankovic Sabatini starebbe studiando un difensore e un centrocampista. Diversi i nomi sul taccuino del direttore sportivo giallorosso. Si tratta di una lista composta dai vari talenti Villalva, Pezzella, Cirigliano, Ocampos, Luque Casemiro e Romulo.Piacciono anche Ghulam del St. Etienne e Isla dell’Udinese..!

Mercato no-stop in casa Roma: si cerca di piazzare Cicinho, rinnovo alle porte per Greco e in estate assalto a Isla e Casemiro...!


In casa Roma il calciomercato non è ancora finito. Il ds Walter Sabatini sta provando a piazzare Cicinho in Brasile, mentre per Leandro Greco si attende solo l'ufficializzazione del rinnovo promesso. Il jolly di centrocampo prolungherà fino al 2015, con ingaggio da 700mila euro a stagione più i premi, stando a quanto riferito dal quotidiano 'Il Tempo'. Con Cicinho, invece, bisognerà accordarsi su un'eventuale buonuscita.
Per giugno i giallorossi cercano due esterni, un centrale difensivo ed un centrocampista. In Argentina piacciono Cirigliano, Ocampos e Villalva, in Brasile Casemiro e Romulo. Per le fasce i preferiti sembrano essere Isla dell'Udinese e Ghoulam del Saint-Etienne.
Sabatini guarda con molta attenzione anche al campionato cadetto: occhi puntati sul sampdoriano Obiang e sui pescaresi Verratti e Perrotta, che, secondo i bene informati, sarebbero già stati opzionati..!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Guadagna da casa tua

beruby.com - Guadagna acquistando online