domenica 18 novembre 2012

Gli esperti promuovono Wallace:Un fenomeno..!

Fate il nome di Wallace e vedrete che l'unione di pensiero vi condurrà in un'unica direzione. Perché l'ultimo nome di mercato spuntato sul taccuino di Sabatini (pronto a sbarcare nella capitale già nella prossima stagione), ha gia convinto tutti, almeno tra chi lo conosce bene. Forza, velocità, rapidità le caratteristiche del terzino brasiliano, che in patria definiscono già unico erede di Daniel Alves. Paragoni pesanti e importanti per un ragazzo inseguito da mezza Europa e acquistato definitivamente qualche settimana fa dal Chelsea. L'anno prossimo però il diciottenne giocherà nella Roma, aspettando che le forme contrattuali con il club inglese (tra riscatti e controriscatti) vengano definite ed ufficializzate. Per il momento quindi, i giallorossi si godono il primato di un'operazione già andata in porto, ricevendo i consensi generali di esperti vari e addetti ai lavori. «Wallace sarà un crack del mercato», il commento di Salvatore Bagni, che negli ultimi anni passati a guardare le nuove leve sudamericane, è convinto che il classe '94 non abbia rivali: «Di tutti i terzini che ho visto è sicuramente il più forte in circolazione. È un giocatore dotato di spinta, tecnica, velocità che riesce a sopperire sulla fase difensiva grazie ad un ottimo senso della posizione». Carenze difensive smentite anche dal consulente di mercato ed esperto di calcio brasiliano Stefano Paolini: «Il Chelsea lo seguiva da due anni, perchè tutti hanno notato lo straordinario margine di miglioramento di questo ragazzo anche in copertura. Credo sia perfetto per il 4-3-3 di Zeman, considerando che può ricoprire tutti i ruoli sulla fascia. Nel Fluminense Wallace ha cominciato la sua carriera da attaccante e questo dimostra quanto siano straordinarie le sue qualità tecniche». Se in Brasile la convinzione generale è che presto arriverà anche la chiamata della nazionale maggiore, di tempo per crescere ce ne sarà, soprattutto in Europa. Ne è convinto Stefano Borghi, telecronista televisivo, specializzato in calcio internazionale: «Se conferma le aspettative diventerà devastante». Daniele Adani, ex calciatore e commentatore sportivo professionista del settore sudamericano, si sbilancia: «A me ricorda Maicon. Se migliora anche in alcuni aspetti difensivi vi ricorderete presto il suo nome». La Roma lo ha già fatto.!

Roma, De Rossi va all'asta. Sabatini già cerca il sostituto..!

ROMA - Uno scatto sulla crisi: Baldini, Sabatini e Fenucci concentrati sull'allenamento, per avere una visione migliore di una squadra in piena recessione. Immagini nitide: diversi calciatori scontenti, qualcuno infortunato e altri consapevoli di avere un rendimento indecente. La Roma lavora incompleta e scarica. Il dopo derby sembra non finire mai, la gara con il Torino resta lontana, lunedì sera, e alcuni giocatori torneranno solo oggi a Trigoria dopo gli impegni in nazionale. Gli strascichi sono evidenti e fastidiosi, i sorrisi sono forzati e tiepidi. De Rossi non regala nemmeno quelli. Triste e isolato, Daniele non si fida ormai di nessuno, avendo capito che per il club giallorosso lui rimane soprattutto il grande problema di questa stagione, il più urgente da affrontare. Economicamente e tecnicamente. Se n'è accorto dai discorsi che due giorni fa gli hanno fatto Baldini e Sabatini. E dalle ricostruzioni di comodo offerte ai media. La Roma ha preso le distanze dal suo vice capitano. Oggi la debole sintonia tra Zeman e De Rossi è solo lo smascherato pretesto per avere in mano la giustificazione al momento dell'addio. I dirigenti, da tempo, vorrebbero che a esporsi fosse Daniele che, anche mercoledì, ha ribadito di essere contrario a fare questo passo, pur avendo preso atto di come l'aria sia cambiata a Roma, ancora di più dopo l'espulsione nel derby. Baldini e Sabatini, discutendo tra loro e anche con i procuratori di riferimento, si stanno muovendo per non azzerare il valore del cartellino che ha il prezzo giusto solo per il City, a cui però il calciatore ha già detto no due volte, l'ultima ad agosto. Baldini ha provato ad aprire l'asta, dieci giorni fa, ma l'effetto è stato desolante. Nessuno si è fatto vivo. Sabatini, invece, si sta occupando di trovare il nome del sostituto: il ds non ha ritenuto Verratti, l'anno scorso, giocatore da Roma e adesso, avendolo visto giocare in Champions con il Psg e mercoledì sera da titolare in nazionale, ha dovuto riconoscere l'errore imperdonabile. Lo poteva prendere ad una cifra accessibile. Ma non è tempo di tormentarsi sulle gaffe del passato. Conta solo il presente o, nella peggiore ipotesi, il futuro: individuare, in poche settimane, il sostituto di De Rossi, da prendere già nel mercato di gennaio, sa però tanto di pesca miracolosa. De Rossi resterà a guardare per tre partite, Tachtsidis, anche lui squalificato, salterà solo la prossima contro il Torino, come Burdisso. Lunedì sembrano scontati i ritorni di Castan e Pjanic che nelle ultime settimane si sono scontrati con Zeman, il brasiliano, atteso oggi a Trigoria (oltre a lui, ieri mancavano ancora Piris e Tachtsidis), alzò la voce in campo a Marassi durante la gara vinta contro il Genoa, il bosniaco ha insultato il tecnico in mondo visione dopo la rete alla Lazio. Il management giallorosso, su input della proprietà statunitense, ha il compito di assemblare i cocci, chiedendo a Zeman di far rispettare di più le regole interne e al tempo stesso di non scaricare in modo plateale giocatori per i quali sono stati fatti investimenti pesanti per il bilancio sempre più sofferente. E' il caso di Stekelenburg: Baldini e (soprattutto) Sabatini lo vogliono titolare. Il boemo è però deluso dal comportamento dell'olandese, lento nel rendersi di nuovo disponibile. Se fosse per Zdenek, contro il Torino confermerebbe Goicoechea. I suggerimenti si sprecano: Destro lo vorrebbero utilizzato con più continuità, anche con l'esclusione di Osvaldo che, per i dirigenti, non deve avere sempre o comunque il posto garantito. Un giorno sapremo perché.!

Roma-Torino, probabili formazioni: Bradley farà il regista..!

Col prato dell'Olimpico prestato alla palla ovale, la Roma è costretta a giocare di lunedì contro il Torino . Fischio d'avvio alle ore 20.45. Per Zeman sembrano già iniziati i guai, svanito l'effetto dell'entusiasmo che aveva accompagnato il suo ritorno a Roma, la squadra ha già mostrato parecchi limiti. Il Toro ha invece iniziato molto bene il campionato e la sua difesa pare molto solida, sarà una sfida tra due concetti di calcio distanti. QUI ROMA - Tre giornate di squalifica per Daniele De Rossi. Il centrocampista giallorosso sarà quindi indisponibile per il match contro il Torino al pari di Burdisso e Tachtsidis, anch'essi appiedati dal Giudice Sportivo ma per un solo turno. In mediana potrebbero trovar spazio Pjanic e Bradley, mentre al centro della retroguardia tornerà titolare Castan. QUI TORINO - Dovrebbe finalmente rientrare in campo dal 1' minuto Ogbonna, infatti il tecnico Ventura ha fissato la trasferta di Roma come appuntamento per rivederlo in campo. In difesa conferme per D'Ambrosio sull'out di sinistra, mentre a centrocampo possibile schieramento a tre con l'inserimento di Vives dal 1' minuto anche se il centrocampista ieri non si è allenato per un attacco influenzale. In avanti allora tridente Cerci, Bianchi ed uno tra Sansone, Sgrigna e Meggiorini. CURIOSITA' - La Roma ha sempre segnato almeno un gol in ciascuna delle ultime 14 sfide ufficiali disputate in assoluto, peraltro tutte di campionato, per un totale di 33 reti all'attivo. L'ultimo digiuno giallorosso risale al primo maggio: 0-0 in casa del Chievo Verona. La Roma segna in casa da 28 confronti consecutivi ufficiali, in cui ha messo a segno 59 marcature. L'ultimo digiuno risale al 7 maggio 2011: Roma-Milan 0-0, in campionato. Il Torino è, assieme alla Juventus, una delle 2 squadre ancora senza sconfitte fuori casa. Il bilancio esterno dei granata è di una vittoria e 5 pareggi in 6 trasferte. L'ultima sconfitta esterna del Torino risale allo 0-2 di Pescara , in Serie B, del 12 maggio. PROBABILI FORMAZIONI Roma (4-3-3): Goicoechea; Piris, Marquinhos, Castan, Dodò; Pjanic, Bradley, Florenzi; Lamela, Osvaldo, Totti A disp.: Svedkauskas, Taddei, Balzaretti, Tallo, Romagnoli, Lucca, Perrotta, Marquinho, Lopez, Destro. All.: Zeman Squalificati: Guberti (fino ad agosto 2015), De Rossi (3), Burdisso (1), Tachtsidis (1) Indisponibili: Lobont, Stekelenburg Torino (4-2-4): Gillet; Darmian, Glik, Ogbonna, D'Ambrosio; Basha, Gazzi; Cerci, Bianchi, Sansone, Santana. A disp.: Gomis, Di Cesare, Agostini, Masiello, Rodriguez, Vives, Birsa, Basha, Sgrigna, Meggiorini, Verdi. All.: Ventura Indisponibili: Suciu

giovedì 8 novembre 2012

Cervone promuove Goico: 'Roma, Perin va al Milan'.!

'Goicoechea ha avuto un esordio positivo a Parma e domenica è andato bene. Mi sembra un ragazzo sveglio, che ha dato tranquillità al reparto difensivo. Ora come ora si può paragonare al primo Muslera, ha fatto vedere di avere le qualità giuste per essere un buon portiere'. L'ex portiere della Roma, Giovanni Cervone, promuove le recenti prestazioni del numero uno uruguaiano, candidato a giocare anche nel derby se Stekelenburg dovesse alzare bandiera bianca. 'Per esperienza posso dire che si sceglie il portiere titolare ad inizio stagione, però durante gli allenamenti sono i compagni a far sì che venga scelto un numero uno - spiega Cervone ai microfoni di Radio Incontro -. Quando la difesa decide che un portiere dà più tranquillità al reparto, lo fa capire, e se un mister è attento a queste cose ne trae le sue conseguenze. Domenica l'atteggiamento dei difensori ha dato questo tipo d'indicazione'. Per la prossima stagione, il ds Sabatini ha messo gli occhi su Perin. Cervone stravede per il ragazzo in prestito al Pescara, ma frena gli entusiasmi della piazza: 'È il Buffon del futuro. Seppur giovane sembra avere 100 partite sulle spalle. Da quello che mi risulta il suo futuro sarà nel Milan'.!

Tifosi della Roma a Trigoria: 'Baldini, Sabatini e Zeman: De Rossi non si tocca'..!

Prima doppia seduta settimanale in casa Roma in vista del derby. Alcuni tifosi hanno incitato la squadra a Trigoria ed esposto uno striscione di fronte all'ingresso del centro sportivo a favore della permanenza di De Rossi. Il testo suona come un avvertimento eloquente: 'Baldini, Sabatini, Zeman: Ddr non si tocca'. Intanto, Capitan Futuro ha recuperato dal virus gastrointestinale che lo ha colpito ieri e ha preso parte regolarmente alla seduta del mattino. Accertamenti per Osvaldo per una contusione alla caviglia.!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Guadagna da casa tua

beruby.com - Guadagna acquistando online