giovedì 31 maggio 2012

Roma, che fare con Kjaer? 'Non torno al Wolfsburg'..!


Simon Kjaer, difensore del Wolfsburg in prestito nell'ultima stagione alla Roma, non ha nessuna intenzione di fare ritorno in Bundesliga in estate, quando partirà ufficialmente il calciomercato.
Il 23enne difensore danese ha un contratto con la formazione tedesca fino al 2014, ma non ha nessuna intenzione di ritornare, almeno fino a quando Felix Magath sarà in panchina: "Non lo chiamerò - ha detto - non c'è nemmeno da discutere, al Wolfsburg non torno".
L'ex difensore del Palermo, arrivato alla corte di Magath al termine della stagione di due anni fa, non fa parte dei piani del club tedesco. La Roma non ha ancora presentato nessun'offerta per il nazionale danese e vedremo cosa dirà il calciomercato: "Al momento mi sto solo concentrando sull'Europeo - ha detto a Kicker - ma non giocherò sotto la gestione di Magath nuovamente"..!

Zeman alla Roma: Sabato l'annuncio..!


Si terrà sabato sera allo Stadio Adriatico di Pescara, prima dell'inizio del Memorial 'Franco Mancini', la conferenza stampa dell'allenatore del Pescara, Zdenek Zeman, che comunicherà ufficialmente dove allenerà la prossima stagione. E' stato lo stesso Zeman a dare la notizia questa sera, presso la Camera di Commercio di Pescara, al termine della cerimonia di premiazione dell'Ente camerale..!

giovedì 24 maggio 2012

Calciomercato Roma, Legrottaglie su Montella, Gomez e Barrientos..!


Sembra ancora lontana la soluzione dell’intrigoMontella: il tecnico, da qualche settimana indicato come prossimo allenatore della Roma, non è ancora ufficialmente giallorosso. Di questa situazione e del mercato del Catania, parla a ‘Radio Kiss Kiss Napoli’, NicolaLegrottaglie: “Sono dispiaciuto che Montella vada via, ma anche contento perché corona il suo sogno di allenare una grande. Non ho mai creduto ai tradimenti nello sport, se la società ed il nostro tecnico riusciranno a trovare la soluzione ideale, è giusto anche che le strade si separino. Il mio futuro? Ho un contratto e lo rispetterò, sempre se il Catania sarà contento di me”.Legrottaglie parla anche di alcuni suoi compagni di squadra, finiti al centro di voci di mercato: “Gomez eBarrientos sono giovani di grandi prospettive, possono avere una grande chances di giocare in futuro in un top club. Bergessio invece spero rimanga, perchè è un grande attaccante e svolge un lavoro importante per la nostra squadra”..!

Calciomercato Roma..Sabatini punta i giovani:Destro e Markel..!


Due giovani cresciuti nelle giovanili di Inter e Milan, che si sono fatti le ossa in giro per l’Italia consacrandosi a buoni livelli in Serie A.
Mattia Destro e Alexander Merkel sono due obiettivi della Roma e oggetto della chiacchierata di ieri a Milano tra Walter Sabatini ed il Genoa, proprietaria di metà cartellino dell’attaccante italiano e del centrocampista tedesco.
Sul piatto il ds giallorosso mette qualche contropartita tecnica, oltre che economica. Si sa che al Genoa piacciono Rosi e Greco, ma è spuntato anche il nome di Bertolacci.
Sfumato Palacio, quindi, la Roma vuole rispondere anticipando le mosse sulle promesse del presente ma soprattutto del futuro..!

Calciomercato Roma, Giroud se parte Osvaldo..!


Pablo Daniel Osvaldo è stato il capocannoniere della Roma in questa stagione, ma in società sono comunque decisi a cederlo nel prossimo calciomercato, soprattutto per i continui problemi creati nello spogliatoio con i suoi atteggiamenti da prima donna. L’attaccante italo argentino dovrebbe tornare in Spagna dove ha ancora molti ammiratori. È seguito anche dal Napoli, ma solo come sostituto di Cavani, che non dovrebbe essere ceduto in estate.
In Spagna invece piace a molti club. I giornali spagnoli oggi parlavano dell’offerta del Real Madrid, ma l’unico club ad aver manifestato un interesse concreto è il Malaga, un altro dei club in mano agli sceicchi del Qatar. Gli sceicchi non baderanno a spese per costruire un grande Malaga, che al primo anno ha conquistato la qualificazione alla prossima Champions League. Per Osvaldo la Roma chiederà 25 milioni.
Soldi che verranno subito reinvestiti per arrivare a un grande centravanti, un attaccante centrale, necessario per il 4-3-3 di Montella. Il primo obiettivo è Olivier Giroud, attaccante potente fisicamente del Montpellier campione di Francia. Il francese era anche nel mirino del Napoli, ma sempre come possibile erede di Cavani. Rivale temibile invece l’Arsenal di Wenger, che in estate deve sostituire Van Persie, destinato alla cessione.
Alla Roma piace moltissimo anche Mattia Destro, ma la situazione del giovane attaccante si chiarirà solo tra qualche settimana. Prima Siena e Genoa dovranno risolvere la comproprietà; trattativa non semplice, dato che dietro i due club ci sono le grandi italiane. La Roma per via del rapporto privilegiato con Mezzaroma, presidente del Siena. Juventus e Inter invece hanno iniziato a trattare con il Genoa di Preziosi..!

Osvaldo-Real Madrid: dettagli e retroscena..!


Il suo arrivo a Roma non aveva scatenato la fantasia dei tifosi, forse per i ricordi un pò sbiaditi lasciati in Italia con le maglie di Atalanta, Lecce, Fiorentina e Bologna: Pablo Daniel Osvaldo è stato fortemente voluto dai dirigenti giallorossi, tanto da sborsare 15 milioni per farlo sbarcare nella Capitale da Barcellona, sponda Espanyol.
La sua stagione con la maglia giallorossa però smentisce tutti: l'attaccante italo-argentino stupisce a suon di gol e buone prestazioni, tanto da zittire anche i tifosi più scettici.
Osvaldo arriva anche in Nazionale: la cittadinanza la ottiene anni fa grazie a dei suoi avi originari della Provincia di Ancona e il 5 ottobre 2011 arriva la prima chiamata di Cesare Prandelli, mentre l'esordio sei giorni più tardi.
Una stagione da incorniciare insomma, tanto che in questi giorni arriva la presunta chiamata di Josè Mourinho, con il Real Madrid interessato a riportarlo in Spagna. Il suo nome viene inserito nella trattativa che dovrebbe lasciare Fernando Gago a Roma. 7-8 milioni di euro più il riscatto del centrocampista per l'erede di Batistuta. Una trattativa, o presunta tale, che oggi ha vissuto una giornata importante con le parole di Filippo Fusco, avvocato molto vicino al mercato spagnolo, che ha dichiarato di non sapere nulla di un suo possibile ritorno in Spagna. Le sensazioni sono dunque di un Osvaldo punto fermo del futuro della Roma..!

Roma, Borini, Sabatini non vuole perderlo ma il Parma...!


Tutti pazzi per Fabio Borini. L'attaccante della Roma è reduce da un'ottima stagione, in cui, almeno fino all'infortunio, ha segnato e mostrato cose egregie. Al suo primo anno in A, ha realizzato 9 reti in 24 presenze, nemmeno tutte da titolare: un bottino niente male, a cui va aggiunto un acuto in Coppa Italia. Il calciomercato della Roma spera di non perdere il ragazzo che si è dimostrato umile, coraggioso, sfrontato. Il suo agente Marco De Marchi se lo mangia con gli occhi e ha sempre sottolineato la sua voglia di far bene. Cosa che in una piazza come quella capitolina, con tutte le pressioni che ci sono, non è affatto facile, eppure il buon Fabio è riuscito a superare l'esame. Naturale, quindi, che alla sua porta si affollino i grandi club. Inter e Juve farebbero follie per lui e, secondo le ultime indiscrezioni, avrebbero già bussato più volte in casa Parma per sondare il terreno. Già, perchè il ragazzo è a metà tra i giallorossi e i ducali, che ora, per bocca del presidente Tommaso Ghirardi - intervenuto oggi ai microfoni di Sky - hanno fatto sapere che aspettano le prossime mosse dei 'dirimpettai'. "Vediamo se la Roma lo riscatta o lo vorrà vendere", ha spiegato il patron, scartando l'ipotesi di un ritorno in Emilia "perchè guadagna troppo". L'obiettivo del club emiliano è presto detto: "Vogliamo capitalizzare il più possibile". Sabatini e soci, dunque, sono avvertiti. Guai, in ogni caso, a farsi sfuggire un talento come Borini, incluso dal ct Cesare Prandelli tra i pre-convocati per Euro 2012. Il romanista è molto stimato dal mister, e le possibilità di far parte dei magnifici 23 della spedizione in Polonia e Ucraina sono piuttosto alte. Prima gli Europei, dunque - 'Prando' permettendo - e poi il mercato. Non è detto, comunque, che il nodo-futuro non venga sciolto prima dell'inizio della manifestazione continentale. Il ragazzo, dal canto suo, è stato molto chiaro: vuole rimanere alla Roma, che gli ha dato subito la necessaria fiducia, grazie ad un tecnico coraggioso come Luis Enrique. Uno che avrà mille difetti, ma che ha dimostrato di non avere alcun timore a puntare sui giovani, gettando nella mischia anche i baby Piscitella, Viviani e Tallo. E' dalla linea verde che si ripartirà a Trigoria, anche in assenza dell'asturiano, che ha deciso di fare le valigie dopo un'annata avara di soddisfazioni. E uno come Borini non potrà non esserci..Le big si mettano il cuore in pace, a meno che non presentino la classica proposta indecente. L'Inter è pronta a tuffarsi sul giocatore italiano ma Parma e Roma hanno buoni rapporti e dunque troveranno l'accordo per la cessione a titolo definitivo. Ma in caso contrario anche la Juventus entrerebbe in gioco per Borini..!

mercoledì 23 maggio 2012

Mercato Roma, Totti goliardico: "Montella? Chi viene viene. Voglio 100 acquisti!"


In occasione della 'partita del cuore' disputata stasera a Palermo tra nazionale magistrati e cantanti, Francesco Totti è sceso in campo nell'inedita veste di portiere. Prima e dopo la gara, c'è stato il tempo anche per alcune dichiarazioni del capitano giallorosso in chiave mercato, rilasciate a 'Radio Radio'.
Il numero 10 prima scherza: "Il ritorno di Montella sulla panchina della Roma? Chi viene viene, ma mi aspetto almeno 100 acquisti!". Poi, spiega: "Adesso non penso al futuro della squadra mi godo le vacanze. Non so niente sul prossimo allenatore, aspettiamo"..!

Calciomercato Roma,esclusivo:problemi per Montella..!


Ormai da giorni si attende la fumata bianca che sancisca ufficialmente il ritorno di Vincenzo Montella sulla panchina della Roma, ma una strada che sembrava priva di ostacoli, si sta rivelando più difficile del previsto. A mettere in dubbio il buon esito della trattativa, concorrono diversi aspetti, a partire da quelli di natura diplomatica. Secondo le fonti in possesso di Calciomercato.it, infatti, i frequenti contatti dell'allenatore del Catania con Unicredit (compreso un pranzo con Fiorentino) hanno irrigidito la proprietà americana e contribuito appunto a raffreddare una pista che sembrava caldissima. Non è un caso che le trattative abbiano subito un rallentamento dopo il viaggio di Franco Baldini negli USA. Ulteriori elementi di disturbo sono anche alcune richieste di mercato fatte al ds Walter Sabatini, cui è stato chiesto di mandare Erik Lamela in prestito per una stagione. Allo stato attuale della situazione, le alternative più forti all'ex areoplanino rispondono ai nomi di Villas-Boas e Zeman..!

Roma, ag. Borini: Juventus? Non mi stupisce..!



Tra Roma e Juventus nuovo intrigo di calciomercato: Fabio Borin, attaccante giallorosso in comproprietà con il Parma, è entrato nel raggio d'azione di Beppe Marotta che si è rivolto ai ducali per sferrare l'attacco decisivo. Venti anni sulle spalle, un campionato da protagonista ed una pre-convocazione in nazionale per i prossimi europei di Ucraina e Polonia: si tratta di Borini, il cui futuro resta ancora tutto da decifrare. Nelle ultime ore si è vociferato di un inserimento della Juventus nella comproprietà tra le due società per assicurarsi le prestazioni della giovane punta italiana, con un passato tra le fila del Chelsea. La volontà della Roma americana è ovviamente quella di riscattare l'intero cartellino del giocatore, tra le poche note positive della stagione giallorossa, ma nelle ultime ore Marotta ha messo in dubbio la permanenza nella capitale del talento classe 1991. Per capire quanto c'è di vero nelle voci che si sono sparse in questa mattinata, abbiamo contattato in esclusiva per IlSussidiario.net, l'agente del centravanti giallorosso, Marco De Marchi. “Inserimento della Juventus per Fabio? Non mi stupirebbe sentire l'interesse di un grande club che stia provando ad inserirsi nella compartecipazione tra Parma e Roma”. Però... “In questo momento io non so nulla, nessuno mi ha contatto, e non posso analizzare una cosa di cui non ho idea. Il giocatore, nel momento in cui è in compartecipazione tra una squadra e l'altra, ha già gli accordi con entrambe le formazioni, quindi tocca ai club trovare un accordo. Dovreste chiedere al Parma.”. Messaggio chiaro e tondo, che nella lingua dei procuratori si traduce come: meglio non sbilanciarsi. “Il giocatore in questo momento è concentrato sulla convocazione in nazionale ed ha come obiettivo prioritario quello di andare agli Europei”. Nonostante l'interesse dei bianconeri ed una stagione tutt'altro che esaltante, il giocatore sembra comunque avere ancora fiducia nella società capitolina. “Roma? Il giocatore crede ancora nel progetto giallorosso e lo ha sempre dimostrato con i fatti. Fabio dà sempre il massimo per la sua squadra di cui fa parte. Lui ha sposato questo progetto ed ha sempre difeso la sua scelta con le prestazioni ed i gol.”. La Juventus comunque starebbe trattando la metà del cartellino in mano al Parma e potrebbe fare perno sulla situazione Giovinco per convincere la società ducale a cedere la propria metà. “Ripeto devo parlare ancora con il Parma e la Roma; quando le due società avranno le idee chiare sul da farsi, me ne parleranno e valuteremo di conseguenza. In ogni caso, io non sono stato contattato dalla Juventus”. Non solo italiane però sul giocatore...“Fabio lo conoscono tanto, e bene, anche all'estero. È uscito dal Chelsea, ha fatto quattro mesi buonissimi allo Swansea ed ora è un nazionale italiano. Così come noi osserviamo i giocatori stranieri, mi sembra scontato che i top club europei puntino i nostri gioielli. Fermo restando che il giocatore è già in una big”. Un messaggio piuttosto chiaro. Borini dovrebbe rimanere alla Roma. Peccato solo che ci sia ancora quel condizionale di troppo a non chiudere la vicenda...!

Calciomercato Roma, è sprint Montella-Villas Boas per la panchina..!


Scadono oggi i dieci giorni indicati dal ds della Roma Walter Sabatini per l’annuncio del nuovo allenatore che andrà a sostituire il dimissionario Luis Enrique.
Con tutta probabilità Sabatini non potrà mantenere la promessa, ritardando ancora di qualche giorno la scelta definitiva. In ballo ci sono due giovani: Vincenzo Montella e André Villas Boas.
Al direttore sportivo piace tantissimo l’allenatore del Catania, già ex della Roma lo scorso anno non confermato per dare “discontinuità” ai progetti societari dopo il passaggio di consegne dalla gestione Sensi a quella americana.
Per il direttore generale Franco Baldini tuttavia il preferito sembra essere lo “special two”, così come era stato definito dopo i successi alla guida del Porto ed il successivo passaggio, fallimentare, alla corte del Chelsea.
La differenza sostanziale tra i due è soprattutto economica, con le richieste del portoghese nettamente più alte rispetto al napoletano che, però, deve fare i conti con la “tigna” del presidente rosanero Antonio Pulvirenti, assolutamente inamovibile sulla possibilità d liberare Montella.
Difficile ipotizzare un nome a sorpresa. Ai tifosi piacerebbe molto Zdenek Zeman, non preso in considerazione a Trigoria ma che metterebbe d’accordo tutta la piazza..!

domenica 13 maggio 2012

Roma, De Rossi: 'Servono investimenti'..!


Daniele De Rossi, ai microfoni di Sky Sport, traccia un bilancio del 2011-12 della Roma e guarda al futuro: "Il bilancio non è positivo, ci sono state cose non buone e anche cose importanti sopratutto a livello umano. Abbiamo conosciuto persone che ci hanno segnato. Il risultato sportivo è negativo, anche se non è il peggior anno nella storia della Roma. Sono arrivato anche quintultimo. Chi vuole farlo passare come tale si vede che ha interesse a farlo. Siamo in linea con tanti campionati fatti in passato e questo non è andato peggio ad esempio di quello dei 4 allenatori cambiati. Serve organizzazione, velocità e investimenti per migliorare. Montella? Non lo so, non l'ho mai sentito, anche perché non è mio compito contattare altri allenatori"..!

Roma:Osvaldo sul mercato..!


Molti giocatori, dopo l’addio di Luis Enrique, non sono sicuri di restare alla Roma. Difficile prevedere il futuro di Kjaer, José Angel, Rosi, Marquinho e Bojan. La Gazzetta dello Sport sottolinea come uno dei possibili partenti, fino ad ora impensabile, pare essere Osvaldo: pagato 18 milioni di euro la scorsa estate ha dal punto di vista tecnico ma non comportamentale.
Troppe quattro giornate di squalifica e insopportabili molti comportamenti verso arbitri ed avversari. Osvaldo prima dell’infortunio era anche nel giro della Nazionale, adesso difficilmente andrà agli Europei..!

Cesena 2-3 AS Roma - ALL GOALS & HIGHLIGHTS - 13/05/12

Cesena-Roma 2-3: Tabellino..!


Cesena: Ravaglia; Moras, Von Bergen, Rodriguez; Ceccarelli (57′ Filippi), Guana, Parolo, Lauro (21′ Djokovic); Santana, Del Nero (70′ Arrigoni); Rennella. A disp.: Antonioli, Malonga, T. Arrigoni, Benalouane, Urso, Filippi. All. Beretta.

Roma: Lobont; Rosi, Kjaer (46′ Cassetti), Heinze, Jose Angel; Pjanic (69′ Greco), De Rossi; Marquinho (53′ Perrotta), Lamela, Bojan; Totti. A disp.: Curci, Osvaldo, Gago, Perrotta, Greco, Borini. All. Luis Enrique.

Arbitro: Russo

Reti: 9′ Del Nero, 90′ Santana (C); 27′ Bojan, 32′ Lamela, 49′ De Rossi (R)

Ammoniti: Del Nero (C)

venerdì 11 maggio 2012

La Roma ha 35 milioni: Li spenderà per la difesa..!


Trentacinque milioni, cessioni escluse. E' questo il budget a disposizione di Sabatini per allestire la nuova Roma. Gran parte del tesoretto sarà speso per la difesa. A cominciare dalle fasce: Van Der Wiel è il primo nome della lista, ma l'inserimento del Real Madrid sul terzino olandese sta complicando i piani del ds giallorosso. Le attenzioni si sono quindi spostate su Piszczek del Borussia Dortmund. A sinistra, oltre a Dodò, potrebbe arrivare Cisskho dal Lione (valore 7 milioni) mentre nel ruolo di centrale titolare (da affiancare a Burdisso) è lotta a tre tra Silvestre, Spolli e Danilo. Per la panchina Musacchio del Villarreal o lo svincolato Boularhouz..!

Josè Angel: Da Roma a Barcellona?!


L'esterno sinistro Josè Angel continua ad avere estimatori in patria. Fra questi, secondo quanto scrive il giornale spagnolo 'Sport', c'è perfino il Barcellona, deciso a prendere il calciatore voluto nella capitale italiana dal tecnico Luis Enrique.
Il giornale scrive che con l'annunciato addio dell'attuale allenatore della Roma, Josè Angel potrebbe prendere in considerazione l'idea di tornare in Spagna e la Roma non avrebbe problemi a cederlo. Il Barcellona vuole almeno due rinforzi per la fascia sinistra ed uno potrebbe quindi provenire da Trigoria, anche perchè Barça e Roma devono discutere del futuro di Bojan e Josè Angel, che piace al club campione d'Europa fin dalla scorsa estate, potrebbe rientrare nella trattativa.
La prima scelta del Barcellona come esterno sinistro è Gareth Bale del Tottenham ma, secondo 'Sport', viene giudicata eccessiva la richiesta minima di 40 milioni di euro da parte della società londinese. Così i dirigenti catalani avrebbero deciso di puntare su due prodotti 'autoctoni', cioè spagnoli, individuati in Jordi Alba del Valencia, ex vivaio 'blaugrana', e, appunto, in Josè Angel. Ma la trattativa per Jordi Alba non si presenta facile, visto che il Valencia ha chiesto 12 milioni di euro per un giocatore che tra poco più di un anno, a giugno del 2013, si svincola..!

Roma, Luis Enrique. Guardiola: 'Lì non è facile'..!


«Ha fatto un lavoro straordinario. Lì non è un ambiente facile, ed io lo so perchè ci ho giocato. Non so perchè abbia lasciato, la decisione è stata di Luis e se lo ha fatto è stato perchè ne era convinto».
Così Pep Guardiola, nel corso della sua conferenza stampa di oggi, ha giudicato l'esperienza dell'ex compagno di squadra 'blaugrana' Luis Enrique alla guida della Roma. Sul proprio futuro il tecnico che sta per lasciare il Barcellona ha ribadito che vuole prendersi un anno 'sabbaticò. «Per un anno mi riposerò e poi vedremo - ha detto Guardiola - Non ho fatto altri piani e non penso di allenare. Il resto lo vedremo a suo tempo. Qualcosa farò, però mi vedrete poco in giro». Ha poi smentito il deteriorarsi delle sue relazioni con l'assistente, e futuro allenatore del Bar‡a, Tito Vilanova. «Lasciate che il nostro rapporto sia quello che è sempre stato - ha detto Guardiola -, comunque certe cose sono molto lontane dalla verità. Tito dà una lezione di forza e coraggio nel farsi carico del Barcellona. Io spero che rimanga qui per molto tempo, perchè vorrebbe dire che le cose vanno bene»..!

Roma, Tancredi: 'Stek può solo migliorare'..!


'Dico ai tifosi della Roma di stare tranquilli, Stekelenburg può solo migliorare'. Parola di Franco Tancredi, preparatore dei portieri della Roma, sulle pagine del sito ufficiale di Gianluca Curci: 'Innanzitutto serve ricordare che questa è stata la sua prima stagione in Italia e che all'inizio del campionato ha subito un bruttissimo infortunio durante di Inter-Roma - spiega Tancredi -. Incidente dal quale il ragazzo si è ripreso molto bene e in tempi abbastanza rapidi, a differenza di altri portieri, come per esempio Cech, che hanno impiegato qualche anno. Quando ha ritrovato la continuità di rendimento si è nuovamente infortunato alla spalla, e ciò ha condizionato le sue prestazioni. Il valore di questo portiere non lo scopro di certo io, stiamo parlando di uno dei primi cinque d'Europa e quindi del Mondo'.

Sui portieri della Roma in generale: 'Complessivamente il bilancio del rendimento è buono, con qualche punta di ottimo. Tutti e tre i portieri (Stekelenburg, Lobont e Curci, ndr), mi hanno dato grandi soddisfazioni, tre ragazzi che prima di tutto sono amici tra loro e questo aspetto ha facilitato non poco il mio operato. Sono stato aiutato anche dalla loro bravura e quindi ho solo dovuto portare i miei metodi di lavoro ed esperienza. Ripeto, sono molto soddisfatto'.
A livello personale: 'Tornare a casa è stato fantastico e mi ha riempito d’orgoglio. Grazie soprattutto alla nuova società nella persona di Franco Baldini, che da tempo conosce i miei metodi di lavoro e la mia professionalità. Un ringraziamento va anche a Luis Enrique, persona stupenda e bravo allenatore, che mi ha ha dato l’opportunità di entrare nello suo staff. Il giorno che sono rientrato a Trigoria ho provato un fremito, ho ritrovato facce che conoscevo e tanti vecchi amici. Come dicevo prima, è stato proprio come tornare a casa'.
Sul futuro: 'Quest’anno sono state gettate le fondamenta con investimenti fatti in calciatori di prospettiva, ai quali aggiungere le qualità di quelli già presenti in rosa come Totti e De Rossi. Io penso che questa squadra e questa società abbia un grande futuro. La fretta è cattiva consigliera e se andiamo a rivedere il nostro passato ci accorgiamo che, per vincere, Viola ha impiegato cinque anni e Sensi otto'..!

Luis Enrique: 'Chiedo scusa, ho fallito'..!


Il progetto finisce in lacrime. Un fallimento personale e una piccola sconfitta per tutti: aldilà delle barriere del tifo, rappresentava qualcosa di nuovo, interessante e diverso per tutti..!

Roma, Burdisso: 'Peccato per Lucho'..!


All'uscita da Trigoria, Nicolas Burdisso ha rilasciato due battute:
Dopo le parole di ieri di Luis Enrique come vi siete sentiti?
“Delusi perché speravamo che continuasse per portare avanti questa idea. Siamo tutti cresciuti in un anno in cui abbiamo imparato tantissimo.”
Tu come stai?
“Benissimo”..!

Catania, ag. Spolli: 'Non so se segue Montella'..!


Daniel Liuzzi, agente di Nicolas Spolli, parla a Gazzettagiallorossa.it: "Spolli alla Roma? Non so se seguirà Montella, ma Nicolas ha un contratto da rispettare fino al 2014 con il Catania. Sono continuamente in contatto con Lo Monaco e la società e fin’ora non mi sono arrivate ne voci, ne offerte da parte della Roma. Se seguirà Montella poi non lo so, se dovesse arrivare l’offerta se ne parlerà"..!

Roma, Baldini: 'Non posso dimettermi'..!


«Dimissioni? In tribuna al termine di Roma-Napoli qualcuno mi invitava a mandare via Luis Enrique e io dissi piuttosto vado via io, e questo non è successo perchè non lo abbiamo mandato via, ma abbiamo cercato di trattenerlo in tutte le maniere. Per quanto riguarda le mie dimissioni, paradossalmente non lo posso fare perchè sarebbe come premiarmi e questo momento non merito. Io non posso sottrarmi alle mie responsabilità, mi ero legato molto a lui e al progetto che non è fallito. Volevamo proporre un certo tipo di calcio, provare a farlo con una persona che pensavamo fosse in grado di farlo, così come lo era».
Franco Baldini, direttore generale della Roma, in un'intervista a SkyTg24 difende il progetto intrapreso e non pensa alle dimissioni perchè sarebbe come sottrassi alle proprie responsabilità. «Ieri sono uscite le statistiche della Lega sulla qualità del gioco e nei numeri, taccio su quelli difensivi che mi conviene, ma per quelle che parlano della proposta del gioco, la Roma è prima nel possesso palla, e in tutte le altre classifiche che parlano della qualità del gioco, dalla supremazia territoriale, ai passaggi riusciti, al numero dei tiri è terza dietro Milan o Juve, questo parla della qualità del gioco che era stata espressa. Il fallimento è più percepito per l'andamento altalenante, ma il gioco che siamo stati in grado di proporre lo avremmo voluto fin dall'inizio», prosegue Baldini..!

Roma, Luis Enrique: Poche gioie, tanti flop..!


L'avventura comincia male e finisce peggio. Pochi squilli, tanti flop. E addio con amarezze, rimpianti e una certa sensazione di fallimento. Senza dover necessariamente ricordare che Luis Enrique sia una brava persona, dai sani principi, al quale giocatori e dirigenti hanno voluto e vogliono bene, a distanza di quasi un anno dal suo arrivo, si può sostenere che sono più i picchi negativi che quelli positivi della sua Roma. I due derby persi, l'eliminazione precoce in Europa League, non contro il Real ma con lo Slovan di Bratislava (sì, lo Slovan di Bratislava), il mucchione di gol presi in varie (inaspettate) occasioni come contro Atalanta, Lecce e Cagliari (sì, Atalanta, Lecce, Cagliari), più la doppia caduta rovinosa a Torino contro la Juventus, in coppa Italia e in campionato. E la Roma, di fatto, non è quasi mai stata realmente in corsa per i primi tre posti.
Tutto doveva cambiare e nulla è cambiato con Luis. Da un punto di vista disciplinare, il codice etico è andato a farsi benedire: 79 gli ammoniti, 10 i rossi, seconda in questo solo al Genoa. Per non parlare poi, delle auto espulsioni di Osvaldo (Firenze) e di De Rossi (Bergamo). Discutibili alcune scelte tattiche. La prima, in ordine cronologico, Borriello attaccante esterno, poi Perrotta terzino destro a Milano contro l'Inter, le varie esclusioni in Europa di Totti per mandare in campo Okaka, Verre e Caprari e in seguito addirittura Cicinho.
Intuizioni? Qualcuna. De Rossi centrale è una bella intuizione, ad esempio, ma parliamo di De Rossi, poi Luis ha valorizzato Borini, ecco questo sì, e nessuno o pochi sapevano (o pensavano) che fosse così bravo. Di contro: José Angel è peggiorato nel tempo, Heinze è andato incontro a molte brutte figure, così come Juan e Stekelenburg, Rosi non è cresciuto, Bojan ha fatto poco, Perrotta è stato messo ai margini, Cassetti è sparito subito senza meritarsi una convocazione nemmeno nell'ultima all'Olimpico..!

giovedì 10 maggio 2012

Roma: Offerto di nuovo Yacob..!


Il centrocampista del Racing Avellaneda, Claudio Yacob, è stato offerto alla Roma. Il procuratore dell'argentino Marcelo Simonian è legato da una vecchia amicizia con Walter Sabatini, offuscata l'anno scorso dal caso Alvarez. I due però sono tornati in buoni rapporti.
Yacob è un regista di centrocampo (alla De Rossi) e potrà arrivare a parametro zero. Il giocatore fu offerto anche l'anno scorso a Sabatini, ma dopo un vertice con Baldini si decise di puntare su Gago..!

Gago e Borriello: Roma, questione di sconti..!


Occhio alle scadenze: 30 maggio per Gago e 20 giugno per Borriello. Ieri Marca, quotidiano vicinissimo al Real, ha dato per imminente il riscatto dell'argentino per 7 milioni. La Roma, potendo usufruire su un contratto in scadenza nel 2013 e sulla voglia di non tornare a Madrid dell'ex Boca, conta di farlo a cifre molto più basse. Se ne riparlerà dopo aver risolto il nodo allenatore, ma entro il 30.
Per Borriello, invece, è la Juve a puntare a uno sconto: tra i 4 i 5 milioni contro gli 8 fissati a gennaio. Per Pizarro, oltre al discorso City (subordinato alla conferma di Mancini), ci sarebbe un interessamento dell'Universidad de Chile..!

Cesena-Roma, arbitra Russo..!


Sarà Carmine Russo di Nola ad arbitrare Cesena-Roma, ultima giornata di campionato in programma domenica alle ore 18. Gli assistenti di gara saranno Rosi e Cucchiarini. Quarto uomo Calvarese..!

Candela: “Vincenzo farà strada”..!


Vincent Candela commenta il possibile approdo di Vincenzo Montella sulla panchina della Roma.
Con Montella ha giocato 6 anni alla Roma. È la scelta giusta?
«Senza dubbio, l’ho detto in passato e lo ripeto: Vincenzo farà strada. Era un vincente da giocatore e lo è ancora di più da allenatore, inoltre conosce bene la piazza di Roma».
L’inesperienza può essere un limite?
«Conte e Allegri hanno dimostrato di no, poi Vincenzo già ha fatto vedere belle cose a Catania dove pur allenando una piccola non ha mai rinunciato al gioco offensivo. Il suo punto di forza è la capacità di saper creare un gruppo solido. Montella sa farsi rispettare da tutti: da chi va in panchina a chi gioca titolare».
Un giudizio sulla stagione di Luis Enrique.
«Non ho capito certe sue scelte come la gestione di Totti, il trattamento riservato a De Rossi a Bergamo e i continui cambi di formazione. Però Baldini crede molto in lui quindi deve essere bravo per forza»..!

Luis Enrique dice addio: “Il progetto della Roma è vincente, seguitelo. Non sono riuscito a dare il 100%”..!


Oggi è il giorno dell’addio (ufficioso) di Luis Enrique alla Roma. Il tecnico spagnolo ha comunicato alla squadra (ai dirigenti lo aveva già detto nei giorni passati) la sua intenzione di lasciare il club giallorosso dopo la partita contro il Cesena, che chiuderà il campionato 2011/12. Molto probabilmente sarà la stesso allenatore a comunicare alla stampa la sua decisione già nella giornata di sabato, quando incontrerà i giornalisti per la consueta conferenza stampa prepartita.
Nei 5 minuti di colloquio con la squadra Luis Enrique è apparso molto determinato e sembra abbia detto:
“Il progetto roma è vincente continuate a seguirlo. Io non sono riuscito a dare il 100%”. Inoltre il tecnico è intenzionato a dimettersi dal ruolo di allenatore, quindi rinuncerà ai soldi che la società gli avrebbe garantito per i prossimi 2 anni..Nonostante la notizia fosse nell’aria e molti si aspettassero questa conclusione, nei volti dei giocatori della Roma, che hanno sempre sostenuto e difeso il loro allenatore, c’era molta rabbia e tristezza, per non poter continuare a lavorare con un tecnico che ha da subito instaurato con loro un rapporto ottimo e basato sulla fiducia reciproca.
Per il successore dell’asturiano sulla panchina della Roma i nomi caldi sono quelli usciti su tutti i giornali: Vincenzo Montella è il favorito numero uno, ma non si scartano le ipotesi Prandelli, Villas Boas o Bielsa..!

As Roma: Montella accetta l'offerta di Baldini..!


Montella potrebbe tornare a casa dopo l’anno alla guida del Catania. L’allenatore degli etnei tornerebbe di corsa alla guida dei giallorossi ed ha ammesso che l’anno trascorso in Sicilia lo ha fatto maturare molto come uomo e come mister.
Ieri c’è stato un contatto con Baldini e, almeno per ora, l’Aereoplanino sembra in pole position. Sfuma invece la pista che portava a Prandelli dato che retserà alla guida della Nazionale fino al 2014..!

Calcio scommesse - Procura Figc acquisisce atti Bari: tremano Lazio e Genoa..!


Sono appena scattati i deferimenti per il secondo filone dell'inchiesta calcioscommesse legata agli atti della procura di Cremona, e la giustizia calcistica si muove sul fronte di quelli di Bari.
Domattina alle 10 il procuratore federale Stefano Palazzi, infatti, sarà nel capoluogo pugliese per incontrare il capo della procura della Repubblica locale, Antonio Laudati, e prendere in consegna i primi fascicoli della sua inchiesta che minaccia di scuotere ulteriormente il mondo del calcio. Nel mirino ci sono senza dubbio le società publiesi Bari e Lecce, ma anche le più blasonate Lazio e Genoa, che rischiano molto sia per il coinvolgimento di alcuni giocatori che per la responsabilità oggettiva dei club..!

Roma - Striscione pro-Luis Enrique: 'Tieni duro, il tuo futuro è qui'..!


Roma - Ultime fatiche per la Roma prima del rompete le righe di fine stagione. La formazione giallorossa si prepara all'ultima sfida di questo campionato, in programma al Manuzzi di Cesena domenica alle ore 18:00.
Da verificare le condizioni di Curci, uscito in anticipo nella seduta di ieri, e Kjaer, assente 24 ore fa. Sicuro assente Stekelenburg, volato in Olanda.
Ma la vera notizia è rappresentata da un sostegno sorprendente nei confronti del tecnico spagnolo. E' infatti presente uno striscione di sostegno per Luis Enrique: "Luis tieni duro, è qui il tuo futuro"..!

Roma, è fatta per il riscatto di Gago: ecco la cifra per il Real..!


Sono giorni di attesa in casa Roma. In quel di Trigoria si attende infatti di capire chi sarà il prossimo allenatore e sembra ormai molto difficile la riconferma di Luis Enrique. Nelle ultime ore in quel della capitale stanno accadendo diversi fatti e su tutti, l’addio ormai certo del tecnico asturiano. L’ex Barcellona B ha deciso di salutare i giallorossi dopo soli 12 mesi, deluso dalla stagione attuale ma nel contempo anche da un ambiente che non ha saputo attendere. Al suo posto dovrebbe tornare a Roma l’Aeroplanino Vincenzo Montella, protagonista assoluto con il suo Catania formato Europa. La questione dovrebbe essere definita nei prossimi giorni o addirittura nelle prossime ore e nel frattempo si cercherà di portare avanti il mercato in previsione estate 2012. Le situazioni maggiormente pregnanti sono quelle relative ai riscatti e ad eventuali rinnovi di contratti in scadenza. Del primo filone fa parte Fernando Gago, centrocampista di proprietà del Real Madrid in prestito all’Olimpico. Secondo quanto riportato dalla stampa iberica e precisamente da Marca il giocatore di origini argentine diverrà a breve a tutti gli effetti di proprietà della Roma. Gago si è ambientato in Italia e ha convinto la dirigenza. Il 30 maggio sarà l’ultimo giorno disponibile per esercitare l’opzione d’acquisto dopo il prestito con diritto di riscatto e la società romana ha tutta l’intenzione di riscattare il giocatore. Nei prossimi giorni è quindi atteso in Italia l’agente del giocatore per il definitivo riscatto del proprio assistito e nel contempo firmare il nuovo contratto con la Roma. Un’operazione che dovrebbe costare ai capitolini circa 7 milioni di euro, e voluta fortemente dal direttore generale Franco Baldini, primo grande estimatore del giocatore albiceleste. Gago potrebbe essere di fatto il primo colpo della Roma in ottica 2012-2013 in attesa poi che si chiariscano i molti dubbi relativi al futuro di Van der Wiel. Secondo diversi esperti del settore il terzino dell’Ajax avrebbe già firmato un contratto con i giallorossi, per altri invece, si tratta solamente di una notizia non veritiera. Anche l’agente dello stesso nazionale olandese non ha chiarito la questione, smentendo ma in maniera non troppo convincente l’affaire.Restiamo quindi in attesa di capire come evolverà la situazione e se la Roma potrà far partire la famosa fumata bianca..!

Roma, Moussa Sissoko si avvicina, a sinistra c'è Cissokho..!


L'avventura di Luis Enrique a Roma sta per esaursirsi dopo una sola stagione dal suo arrivo. Il calciomercato della Roma l'estate scorsa aveva creduto molto nel tecnico asturiano e aveva supportato le idee dell'ex allenatore del Barcellona B acquistando giocatori funzionali al progetto. Ma le idee dello spagnolo non hanno convinto la piazza giallorossa che ha criticato aspramente il gioco della Roma e soprattutto le sconfitte. Quest'anno i giallorossi non sono riusciti a qualificarsi neanche in Europa League a dispetto di un calciomercato che in estate ha portato giocatori importanti. L'addio di Luis Enrique potrebbe essere seguito anche dalla cessione di qualche giocatore fidato del tecnico asturiano. In particolare Josè Angel, giovane terzino spagnolo arrivato dallo Sporting Gijon che ha dimostrato grandi lacune in fase difensiva. Il giocatore giallorosso potrebbe andare via perchè ci sono offerte dal campionato spagnolo, il mercato della Roma ha già scelto l'eventuale erede. Si tratta di Aly Cissokho, terzino sinistro classe 86' che gioca nel Lione e che l'Italia l'ha sola sfiorata qualche anno fa con le visite mediche effettuate per il Milan prima che i rossoneri decidessero di scartare l'arrivo del francese per problemi dentali immaginari. La Roma invece vuole andare decisa sul giocatore che nel Lione non è più titolare e ha un prezzo di mercato di circa 8 milioni di euro. Il calciomercato della Roma è vicino all'acquisto di Van der Wiel a destra, Cissokho completerebbe la difesa che dovrebbe acquistare anche un altro centrale difensivo. Cissokho sarebbe ben contento di approdare in Italia, a gennaio si era sparsa la voce di un suo arrivo imminente alla Juventus ma la dirigenza di Corso Galileo Ferraris ha voluto puntare su De Ceglie, prodotto di casa bianconera. Anche a centrocampo potrebbero esserci delle novità. Ieri si è parlato del riscatto di Gago, l'argentino non ha fatto male al suo primo anno e potrebbe diventare a titolo definitivo un giocatore della Roma. Il calciomercato dei giallorossi ha però messo nel mirino Moussa Sissoko, centrocampista francese classe 87' in forza al Tolosa. Un giocatore forte fisicamente che a centrocampo sarebbe una vera diga. Moussa Sissoko piace a molti club italiani ma la Roma è molto vicina al suo acquisto.Sabatini sa bene che il contratto in scadenza nel 2013 del giocatore francese potrebbe essere un punto di forza per la Roma nella prossima stagione. Il direttore sportivo dei giallorossi vorrebbe rinforzare la squadra con un giocatore che in Francia considerano l'erede di Vieira..!

Calciomercato Roma: Cè il sì di Montella..!


«Montella va alla Roma» . La frase di Zamparini racconta una verità ormai diffusa tra gli uomini di calcio. Tutti danno per scontata la scelta di Baldini, che ha incrociato il suo possibile allenatore sabato sera allo stadio Olimpico, e che è pronto a firmare un contratto biennale. Ma la decisione definitiva non è stata presa. Montella ha dato la sua disponibilità, chiaramente, è orgoglioso di essere stato richiamato e ha assicurato che per qualche giorno non prenderà impegni con altre squadre. Anche il Catania è sicuro di non poterlo trattenere davanti allofferta della squadra a cui Montella è più legato. Però Montella è uno dei papabili, attendibile e verosimile. Non ancora lallenatore della Roma. RAGIONAMENTI – A suo favore giocano la conoscenza perfetta dellambiente, la personalità di un allenatore che ha già imparato a gestire uno spogliatoio, e il calcio propositivo che ha fatto divertire i catanesi. Il suo 4-3-3 è diverso da quello di Luis Enrique ma è ugualmente impostato per creare e non per speculare. Queste sono caratteristiche fondamentali nella ricerca di Baldini. Contro la sua candidatura, che è stata suggerita da Sabatini, vanno le solite perplessità che accompagnano i novizi: ha solo un anno intero di serie A alle spalle, in Sicilia è andato bene, ma riuscirà a ripetersi a Roma dove lasticella delle ambiziosi è molto più alta soprattutto dopo un anno di frustrazioni? E cè di più. Baldini, assumendolo, dovrebbe ammettere pubblicamente di aver perso un anno di lavoro, tornando sui propri passi. Non proprio la cosa più facile del mondo. PAZIENZA – Baldini vuole aspettare, valutare con calma, e per questo non ha ancora comunicato nemmeno informalmente laddio di Luis Enrique. Ma non passeranno troppi giorni. Lannuncio del nuovo allenatore dovrebbe arrivare allinizio della prossima settimana, dopo la partita di Cesena. Pochi giorni più in là, Baldini partirà per gli Stati Uniti dove ha in programma un incontro con James Pallotta e gli altri soci della cordata americana. In quelloccasione, saranno ufficializzate le date della tournée della squadra, che sarà negli Usa a fine luglio. Con una nuova guida. ALTERNATIVE – Accanto a Montella, rimane plausibile lidea Villas Boas. La Roma smentisce con decisione contatti recenti. Ma in Portogallo continuano a dire che laccordo è possibile. Villas Boas ha il profilo caratteriale, oltre che tecnico, per lavorare con Baldini. E il più vicino a Luis Enrique come mentalità e umanità. Ma anche qui, cè la controindicazione: uno straniero ha bisogno di adattarsi al calcio italiano. E un rischio che andrebbe calcolato, a maggior ragione perché Villas Boas si presenterebbe dopo il fiasco-Chelsea, e che Baldini sta valutando con attenzione. FUORI – Sembra invece uscire di scena Cesare Prandelli, che pure martedì sera ha cenato in un ristorante di Trastevere. E non per il suo annuncio ( «Voglio restare ct della Nazionale fino al 2014» ) ma per un problema di programmazione. Prandelli deve concentrarsi sullEuropeo, potrebbe liberarsi solo a luglio. La Roma non può permetterselo. E difficilmente aggancerà Marcelo Bielsa, ieri sera battuto dallAtletico Madrid nella finale di Europa League con lAthletic Bilbao. SUGGESTIONI – Si torna a parlare invece di Fabio Capello, che ha contatti frequenti con Baldini e sarebbe felice di ricominciare dalla Roma, otto anni dopo il discusso addio. E una pista complicata ma non assurda. E attenzione a un outsider di lusso: Gianfranco Zola, su cui è andata forte la Lazio. E ancora disponibile a trattare..!

mercoledì 9 maggio 2012

Calciomercato Roma: Stekelenburg va in Olanda ma giura amore. A Cesena ultima chiamata per Lamela?!


La Roma si prepara a tirare le somme di una stagione decisamente deludente, con il tecnico asturiano, Luis Enrique, ormai pronto a dire addio alla capitale, ed alcuni giocatori, indisponibili per l’ultimo match contro il Cesena, con la testa già al prossimo anno. Fra questi c’è l’estremo difensore olandese, Maarten Stekelenburg, che dopo l’espulsione rimediata all’Olimpico contro la Juventus, dovrà rinunciare anche all’ultima sfida a causa di un problema alla spalla. Per evitare guoi in vista dell’Europeo, infatti, il numero uno giallorosso è pronto con le valigie per fare ritorno in patria dove verrà esaminato e curato dai medici della nazionale orange. Arrivato in pompa magna la scorsa estate dopo un’estenuante trattativa con l’Ajax, Stekelenburg ha dovuto pagare lo scotto delle disattenzioni difensive della Roma, subendo 40 reti in 29 partite. Nonostante i risultati non esaltanti, però il portiere ha rassicurato il tifo giallorosso dando appuntamento alla prossima stagione. Chi invece a Cesena ci sarà sicuramente è il fantasista argentino Erik Lamela, acquistato la scorsa estate per circa 20 milioni di euro, e adesso salito anche lui sul banco degli imputati per il tracollo dell’ultimo periodo della squadra capitolina. In Romagna, Lamela avrà l’occasione di riscattare lo sputo a Lichtsteiner e la conseguente squalifica, nonché le ultime deludenti apparizioni che hanno alzato dei dubbi sul suo valore. Luis Enrique potrebbe decidere di mandarlo in campo sin dal primo minuto accanto ad Osvaldo, anche se a scalpitare sono altri due giocatori in attesa di riconferma, Fabio Borini e Bojan Krkic, con il primo leggermente in vantaggio sul secondo..!

Roma, Zamparini annuncia Montella ai giallorossi, e lui...!


"Il prossimo allenatore del Palermo? Sarò io. Vi sto dando un grande scoop, è la notizia bomba del prossimo anno". A parlare è Maurizio Zamparini, presidente del Palermo, nel corso della trasmissione Un giorno da pecora, in onda su Radio 2. Una semplice battuta? Conoscendo il personaggio, saremmo portati a pensare che possa non essere così. Zamparini è un mangia allenatori, un personaggio estroso, quindi non ci stupiremmo più di tanto se all'inizio della prossima stagione i rosanero avessero lui sulla panchina. La notizia, comunque, il grosso scoop di Zamparini, non è questa, e non è nemmeno la dichiarazione su Sannino ("E' l'allenatore del Siena"), secondo molti prossimo tecnico del Palermo, vista la nomina di Giorgio Perinetti quale direttore sportivo dei siciliani. La notiza è quella che, indirettamente, Zamparini concede all'inizio della sua risposta, quando gli viene appunto chiesto chi sarà il successore di Bortolo Mutti. "Montella? Non verrà a Palermo, lui va alla Roma". Fermi tutti: un'altra boutade? Qui ci andremmo con i piedi di piombo. Montella è uno dei principali candidati alla panchina dei giallorossi, forse addirittura il numero uno sulla lista di Walter Sabatini. E' in ballottaggio con altri due nomi, ovvero Villas-Boas e Marcelo Bielsa, e negli ultimi tempi erano circolate indiscrezioni secondo le quali la società sarebbe stata divisa tra una soluzione italiana e una straniera. Con Villas-Boas ci sono stati contatti, anche avanzati, ma a questo punto sembra davvero probabile che sarà Montella il prossimo allenatore della Roma. Naturalmente, l'addio di Pietro Lo Monaco al club spinge l'Aeroplanino lontano dalla Sicilia. A Roma, sarebbe un clamoroso ritorno: al di là dei tanti anni da giocatore (nove) passati all'Olimpico, lo scorso anno l'Aeroplanino era stato chiamato da Rosella Sensi a chiudere il campionato con i giallorossi, a seguito dell'esonero di Claudio Ranieri. Montella non fece male: vinse, per esempio, il derby di ritorno contro una lanciatissima Lazio, e questa è una cosa che non si dimentica. Ma nemmeno riuscì a portare ad altri livelli la squadra, che terminò il campionato al sesto posto in classifica, centrando solo la qualificazione ai preliminari di Europa League. A fine stagione non fu confermato: era considerato un traghettatore, nel frattempo si lavorava alla pista Luis Enrique. Montella si è quindi ritrovato a Catania...dove ha ottenuto grandi risultati, salvando gli etnei con largo anticipo, trovandosi a un certo punto al settimo posto in classifica e centrando il record di punti in serie A e quello di striscia di imbattibilità più lunga per il club nella massima serie. Risultati che avrebbero convinto la dirigenza della Roma a riportarlo a "casa" Su di lui, però, ci sono dei dubbi legati al fatto che, una volta trattatosi di fare il salto di qualità e di provare ad agganciare l'Europa, il Catania si è squagliato, perdendo contatto dalla stessa Roma e dall'Inter e facendosi rimontare e superare da Parma e Bologna. Poi, questo è un dato di fatto che non si può non citare, a Catania negli ultimi anni hanno fatto tutti bene: da Zenga, a Mihajlovic, a Diego Simeone. Evidentemente, la società rossazzurra garantisce un ambiente ottimale nel quale lavorare senza troppe pressioni. Vedremo se alla Roma, sempre che la dichiarazione di Zamparini trovi riscontri nei fatti, Montella troverà la stessa serenità..!

Roma, Baldini ci prova ancora per tenere Luis Enrique..!


Domenica la Roma scenderà in campo al Dino Manuzzi di Cesena per l'ultima gara del campionato 2011/2012. La partita più importante, però, si giocherà dopo: è previsto un incontro, probabilmente l'ultimo, tra Baldini e Luis Enrique. Lampante l'argomento che verrà trattato: la dirigenza proverà a trattenere il proprio allenatore, come era nei piani: ma Luis Enrique ha già scelto, vuole abbandonare, e sarà difficile smuoverlo dalla sua posizione. In realtà, nei giorni scorsi il tecnico asturiano aveva lievemente fatto marcia indietro, dicendo che sulla sua decisione avrebbero potuto ancora influire squadra e tifosi; ma la sua convinzione "al 100%" di aver già preso una decisione allontana decisamente l'ipotesi di un secondo anno a Trigoria. Finirà così, dunque, con una trasferta a Cesena, a questo punto anonima perchè la Roma non può più migliorare il suo settimo posto in classifica, non andrà in Europa e può addirittura rischiare di finire nona. Che non fosse un anno da lotta scudetto si sapeva: era nelle previsioni, la squadra era stata ampiamente rinnovata e il progetto tecnico appena nato faceva presagire una transizione. Momenti positivi ce ne sono stati, come il 4-0 rifilato all'Inter o il pareggio contro la Juventus ma al termine di una gara condotta con autorità; ma le troppe cadute, le troppe pause, la snaturazione del gioco e le troppe amnesie difensive hanno fatto abbassare l'asticella del grandimento dei tifosi, che comunque hanno sempre avuto pazienza, ben di più di quanto fossimo abituati a vedere nella capitale giallorossa. Ora, il futuro della Roma è quanto mai incerto: dando per scontato che Luis Enrique partirà (per lui ritorno in Spagna, non si sa ancora con quale mansione, ma è possibile un rientro al Barcellona B dove al momento l'allenatore è Eusebio Sacristan), la società deve nuovamente guardarsi in giro alla ricerca di un allenatore. I nomi più caldi sono tre: in pole position c'è Vincenzo Montella, come ipotizzato anche dal giornalista di Sky Sport Paolo Assogna. L'Aeroplanino qui ha giocato nove stagioni e allenato lo scorso anno, non è mai stato dimenticato dalla piazza e il buon campionato disputato alla guida del Catania ha fatto salire le sue quotazioni. Ma parte della società spinge per una soluzione straniera:André Villas-Boas sembrava cosa fatta, e invece non è così. Rimane una pista concreta, sia chiaro, ma non così certa come poteva apparire. Il terzo nome è quello di Marcelo Bielsa, ma El Loco ha un contratto importante con l'Athletic Bilbao, lo vuole rispettare, si trova bene nei Paesi Baschi e stasera si gioca l'Europa League: in caso di vittoria (sarebbe il primo titolo europeo nella storia del club), difficile che la società spagnola lo lasci andar via a buon mercato. E allora, cosa succederà?!

Francesco Totti e le messicane..è un mito..!

Calciomercato Roma: si avvicina l’addio di Luis Enrique, è caccia al sostituto..!


L’addio di Luis Enrique è praticamente ufficiale, del resto ventilato da tempo. La dirigenza giallorossa cerca allora dei sostituti, uomini in grado di risollevare la squadra dal periodo d’empasse che sta vivendo e soprattutto caratterizzando quest’ultima fase di stagione. Scartata l’ipotesi Villa Boas. Il portoghese ha altre mire e forse resterà in Inghilterra. A Liverpool, però, visto il flop col Chelsea.
Si pensa dunque agli italiani. Baldini torna a puntare su Prandelli e Montella. Il primo ha un contratto conla Federcalcio blindato fino al 2014, ma potrebbe accordarsi in segreto conla Roma nelle prossime settimane e arrivare all’ufficializzazione entro fine giugno. Ostacolo simile per quanto riguarda Montella, impegnato col Catania fino al 2013. Se comunque dovesse giungere la chiamata da Trigoria, pare difficile che gli etnei riusciranno a trattenerlo. In più, l’ex giallorosso, già convocato e scartato un anno fa, non subirà il problema di dover allenare giocatori cui è troppo legato per esperienza pregressa. Nel club capitolino lo scenario è infatti molto cambiato.Intanto a sfogarsi è appunto Luis Enrique, uscito scottato dopo l’ultima deludente prestazione contro il Catania. “Le parole di Totti nei miei confronti?”, esordisce l’asturiano riferendosi alla dichiarazione del Capitano ‘Spero che Luis Enrique rimanga’. “E’ difficile che un giocatore parli male di un suo allenatore. E’ normale che la società cerchi un altro allenatore, ma ora non dico nulla fino al termine della stagione perché devo sapere se al 100% posso aiutare la squadra, lo devo sapere io perché voglio essere corretto nei confronti di me stesso e la squadra. Altrimenti non avrebbe senso. E’ stato un piacere allenare la Roma”, conclude Luis Enrique, “e sarà nel caso un piacere continuare ad allenarla. Io sono un perfezionista, mi piace pensare di poter migliorare e ogni sconfitta mi dà un dispiacere incredibile”..!

Calciomercato Roma: Contatti per Van der Wiel e Subotic. E dalla Germania si offre Boulahrouz..!


Sei acquisti. Che possono diventare sette se partirà un calciatore di primo piano, come Osvaldo o Stekelenburg. Rispetto allanno scorso sarà una ristrutturazione meno sconvolgente ma altrettanto importante per la Roma. A prescindere dalla scelta di Luis Enrique che potrebbe condizionare alcune operazioni ma non lidea: alla squadra servono almeno quattro-cinque giocatori che siano pronti per giocare subito titolari. SMANTELLARE – Il reparto che ha bisogno di maggiori ritocchi è la difesa. Dove Heinze e Juan sono in partenza e Kjaer non ha la certezza di restare. Lunico sicuro di continuare il percorso a Trigoria è Burdisso, che evidentemente non è una garanzia dopo un anno di stop per infortunio. E allora, dentro almeno due uomini. I preferiti di Sabatini giocano tutti in Germania: Subotic e Hummels del Borussia Dortmund, Howedes dello Schalke 04 e, possibilità delle ultime ore, il nazionale olandese Khalid Boulahrouz dello Stoccarda, che si è offerto alla Roma a zero euro, avendo il contratto in scadenza. Può essere il sostituto di Heinze, nel rapporto qualità-prezzo: a dicembre compirà 31 anni. Come carta di riserva, inoltre, Sabatini ha sempre in mano largentino Musacchio del Villarreal. E in Italia resiste lipotesi Silvestre (Palermo). ESTERNI – Anche sulle fasce la Roma non risparmierà risorse. Sia a destra che a sinistra entrerà gente di livello, approfittando delladdio di Cicinho e Cassetti che sono arrivati alla fine del contratto. Sul lato mancino piacciono due giocatori del Lione: Cissokho e Bastos. A destra invece le opzioni principali sono Isla (però vicino allInter) e Van der Wiel. A proposito di Gregory Van der Wiel, altro nazionale olandese, classe 88, va registrato un contatto recente tra Sabatini e i dirigenti dellAjax. La Roma ha il gradimento del giocatore e cerca di strappare il sì degli olandesi, che ripeteranno la mossa riuscita lo scorso anno con Stekelenburg: vendere un giocatore importante un anno prima della scadenza del contratto. Ma servono 10-12 milioni per chiudere. E non va dimenticato che a gennaio Van der Wiel si era accordato con il Valencia (per cinque anni) senza tener conto della rigidità dellAjax, che fece saltare laffare contro la sua volontà. Il sogno di Sabatini sarebbe Bacary Sagna, il francese con le treccine dellArsenal, ma costa ancora di più. IL RESTO – Le altre due novità rinforzeranno il centrocampo e lattacco. In mezzo, il favorito rimane Moussa Sissoko (Tolosa) che si è esposto molto chiaramente rivelando di voler lasciare la Francia per trasferirsi alla Roma. Ma attenzione alle esigenze dellallenatore: se arriva Villas Boas, possono interessare anche Fernando e Moutinho del Porto. Per lattacco, Sabatini ha messo in cima alla sua lista Doumbia del Cska. E dura però, la concorrenza è folta. Più semplice, oltre che breve, è la strada che porta a Palacio del Genoa. Un nome comodo e affidabile, anche se non entusiasmante..!

Roma, Bojan chiarisce: mio futuro non legato a Luis Enrique..!


A Esports Cope, è intervenuto oggi Bojan Krkic, per fare un po' di chiarezza circa il suo futuro. In questi giorni si sono fatte diverse ipotesi: conferma alla Roma, ritorno a Barcellona, addirittura un'ipotesi Bundesliga (allo Schalke, per sostituire Raul). L'attaccante spagnolo ha voluto mettere in chiaro una cosa: "Il mio futuro non dipende da Luis Enrique: deciderò io stesso se rimanere o meno alla Roma, al momento la priorità è quella di concludere al meglio la stagione, poi valuterò il da farsi". Cosa che avverrà presto, visto che manca una sola partita per chiudere l'anno. Bojan aggiunge poi che "a Roma mi sono sempre trovato bene, anche se Barcellona è casa mia". Sono parole importanti, perchè finora il destino di Bojan e quello di Luis Enrique erano sempre stati considerati legati: è stato il tecnico asturiano a volere l'attaccante spagnolo, di origine serba, conoscendolo molto bene e confidando sulle sue doti di realizzatore (ha uno score impressionante nelle giovanili della società blaugrana). Le cose non sono andate benissimo: nel corso della stagione, Bojan ha realizzato appena sei reti, partendo spesso e volentieri dalla panchina, chiuso da Osvaldo e Totti, e poi dall'esplosione di Borini. Ha sicuramente pagato il lento adattamento al calcio italiano, e anche una posizione di campo non propriamente sua: è una prima punta, ma qui a Roma ha di fatto agito da esterno, oppure molto lontano dalla porta. A Barcellona aveva avuto lo stesso problema con Guardiola, ed era per questo che aveva deciso di accettare la proposta dei giallorossi. Il suo contratto è complicato: il prestito dura due anni e il Barcellona, se lo rivuole indietro, dovrà sborsare i 13 milioni previsti dalla clausola, ma la Roma ha il diritto di riscattarlo entro la stessa data con un esborso però di quasi il doppio. Questo fa sì che i giallorossi debbano ponderare per bene la propria scelta: potrebbero tenerlo un altro anno, per poi lasciarlo libero di tornare in Catalogna. Ragionando anche in chiave Barcellona, al Camp Nou i posti in attacco sono piuttosto affollati: Messi è intoccabile, Sanchez sarà confermato perchè ha fatto molto bene, Cuenca dovrebbe far parte del progetto Vilanova, c'è anche Tello che si è affacciato alla prima squadra e tornerà David Villa: Bojan, insomma, non sarebbe una necessità... ma è anche vero che a Barcellona ha lasciato un ottimo ricordo e può rappresentare un'ottima alternativa, magari a Pedro, non più troppo sicuro di essere un punto fermo. Poi, aspettiamo di capire cosa succederà con Luis Enrique: sarà pur vero che i destini dei due non sono concatenati, ma se l'asturiano dovesse realmente lasciare la capitale, l'attaccante dovrebbe ragionevolmente fare la stessa cosa. Ma è un intrigo, per ora..!

Roma, conferme per Moussa Sissoko..!


Arrivano conferme anche dalla Francia: la Roma è seriamente sulle tracce di Moussa Sissoko. Il centrocampista centrale del Tolosa, 22 anni, ha il contratto in scadenza nel 2013, pertanto si rende necessaria, da parte del club di appartenenza, la cessione al termine di questa stagione, a meno che non si trovi un accordo per il rinnovo, cosa che al momento appare improbabile perchè il calciatore sembra pronto a fare il grande salto e la società vuole monetizzare adesso, avendone la possibilità. Come elemento si tratta di un centrocampista che ricorda molto, soprattutto nel fisico, il suo omonimo Mohamed, che il calcio italiano conosce bene per essere stato un punto di forza della Juventus tra il gennaio 2008 e il giugno del 2011. In realtà, in campo, la posizione è leggermente diversa: l'ex bianconero è prettamente un interditore, portato a difendere e recuperare palloni, mentre Moussa preferisce buttarsi negli spazi e attaccare la porta (sono 21 i gol realizzati nelle cinque stagioni con la maglia biancomalva del Tolosa). La Roma cerca un centrocampista che abbia forza fisica ma anche qualità, che cerchi la via della rete, che dia un'alternativa valida a un attacco che non ha girato benissimo. Il prezzo si aggira intorno ai 7-8 milioni di Euro, ma attenzione: bisogna battere la concorrenza di almeno tre squadre europee. La prima è sempre in Italia ed è l'Inter, alla ricerca di un centrocampista fisico da poter accoppiare a Guarin, punto fermo per la prossima stagione. Tra gli indiziati c'è anche Yann M'Vila e questo fa capire quale sia l'identikit che i nerazzurri hanno impresso sul taccuino. Poi, il solito, immancabile Paris Saint-Germain, che ha il vantaggio di poter osservare da vicino Sissoko praticamente ogni settimana e soprattutto ha risorse economiche illimitate: una linea mediana formata dai due Sissoko certamente sarebbe un passo avanti nel rafforzamento di un squadra che, vittoria del titolo o meno, il prossimo anno affronterà la Champions League. Il terzo avversario sul mercato è il Bayern Monaco: i bavaresi hanno la testa alla finale dell'Allianz Arena contro il Chelsea, ma sono già attivi sul mercato, tanto è vero che appena hanno potuto si sono cautelati con il difficile rinnovo di Robben e adesso vogliono trovare qualcuno che sia una valida alternativa a Schweinsteiger, o possa essere affiancato a lui. In tutto questo, la Roma ci perde:la valutazione di Moussa Sissoko si alzerà inevitabilmente, perchè il Tolosa ha tutto l'interesse ad ascoltare le offerte dei club e quindi aprire un'asta. Certo, c'è sempre il rischio che a tirare troppo la corda questa si spezzi: è successo in più di un'occasione. Sabatini, insomma, dovrà lavorare ai fianchi e cercare di anticipare le mosse degli avversari..!

Calciomercato - Montella-Roma: a volte ritornano...!


Domenica, a Cesena, sarà quasi certamente l'ultima partita sulla panchine della Roma per Luis Enrique. Arrivato la scorsa estate per costruire un progetto giovane, innovativo e divertente, l'asturiano ha deluso le aspettative della nuova dirigenza statunitense. Un divorzio inevitabile, nonostante le preghiere continue di Franco Baldini.
L'AEROPLANINO PLANA DI NUOVO A ROMA? - In Portogallo sono sicuri che il prossimo tecnico il della Roma sarà André Villas Boas. Giovane, innovativo, vincente e con un pizzico d'esperienza in più rispetto a Luis Enrique. Nelle ultime ore, però, si fa sempre più forte la voce di un ritorno di fiamma della Roma per Vincenzo Montella. Il giovane tecnico partenopeo, subentrato l'anno scorso a Ranieri, aveva deciso a fine anno di volare a Catania. Una scelta calcolata, avallata anche dai nuovi proprietari della Roma, per dare un taglio netto al cordone ombelicale con la Capitale e cominciare così a camminare da solo. Una sfida stravinta dall'Aeroplanino. Il suo Catania, infatti, è stato sicuramente una delle più piacevoli rivelazioni di questo campionato. Squadra divertente e vincente. Montella si è dimostrato un tecnico giovane, ma con le idee già molto chiare: dal punto di vista del gioco in primis, ma anche nell'atteggiamento. Tecnico preparato alla centrifuga del calcio italiano. Una morsa fatale per Luis Enrique, arrivato per cambiare la Serie A ma costretto alla fine ad ammettere la propria sconfitta.
BALLOTTAGGIO CON VILLAS BOAS - Ecco perché la Roma starebbe pensando a Montella. Walter Sabatini, più di Baldini, spinge per l'Aeroplanino considerato decisamente più pronto al nostro campionato rispetto a Villas. Boas. Il lusitano, comunque, è molto apprezzato e se la giocherà con Montella fino alla fine. Molto dipenderà anche dalla volontà dello stesso allenatore napoletano che potrebbe anche decidere di restare per un'altra stagione a Catania. Inutile rischiare di bruciarsi subito in una piazza difficile come Roma: un'altra esperienza in 'provincia' potrebbe essere infatti molto più formativa rispetto a un salto suggestivo ma sensibilmente più rischioso..!

Roma, Montella: da Vincenzino a mister..!


Le voci sul prossimo futuro allenatore della Roma si rincorrono. Ieri una radio romana dava per scontato il 'sì' di Luis Enrique, dopo le dichiarazioni d'amore dei giocatori dopo Roma-Catania. Ma la vecchia guardia giallorossa pur rispettando e stimando l'asturiano, proprio alla vigilia della partita contro gli etnei, ha avuto un contatto telefonico con Vincenzo Montella, già precedentemente sondato dal ds Sabatini: 'Se decidi di tornare, noi saremo contenti', il succo del discorso.
Insomma, se l'asturiano dovesse andare via, i giocatori non avrebbero dubbi. Tifano per il ritorno di Vincenzino. Totti, De Rossi e Perrotta hanno con lui un rapporto straordinario, al di là della sfera lavorativa, e hanno raccontato agli altri compagni i suoi metodi di allenamento. Infatti rispetto all'anno scorso sono proprio loro tre gli unici ex compagni di squadra. La rivoluzione della rosa effettuata dalla dirigenza quest'anno escluderebbe quindi il problema della connivenza affettiva, di scelte influenzate da rapporti di amicizia.
Durante la stagione scorsa fece scalpore il rientro immediato immediato di Pizarro e soprattutto la decisione di ripristinare in porta Doni, a discapito di Julio Sergio. Insomma, Montella non sarà più Vincenzino (come sbatamente lo chiamò De Rossi in un'intervista dopo l'esordio vincente a Bologna), ma semplicemente e solo mister. Il suo eventuale ritorno sarebbe condito anche dall'arrivo di due giocatori: Spolli e Gomez, apprezzati anche dalla dirigenza romanista. A Sabatini piacciono anche Marchese, Izco, Bergessio e Barrientos, ma quest'ultimo sarà molto complicato strapparlo al Catania..!

Roma, Baldini: Lo convince, Lucho?!


Luis Enrique resta o no? Il dubbio a Roma persiste. Il tecnico è deluso dall'esperienza in giallorosso e vorrebbe lasciare già al primo anno. Ma l'ad Baldini proverà fino all'ultimo a convincerlo a rimanere a Trigoria. Dopo la partita con il Cesena ci sarà un incontro tra l'allenatore e il dirigente per decidere il da farsi..!

Tifosi Roma a Trigoria: 'Bojan, crediamo in te'..!


Alcuni tifosi della Roma hanno voluto rivolgere un messaggio d'incoraggiamento a Bojan, esponendo uno striscione con la scritta 'Bojan, l'angelo giallorosso. Crediamo in te'. Arrivato con grandi aspettative dal Barcellona, è stato l'attaccante meno utilizzato della stagione, realizzando appena 6 gol in campionato. 'Non so nulla riguardo il prossimo anno', ha dichiarato ieri a Esports Cope. Se lascerà Trigoria, Schalke 04 e Liverpool sono pronte ad abbracciarlo..!

Roma, occhi su Fernando..!


Come riferito da Pato Moure, durante la trasmissione sportiva “La città nel pallone” in onda sulle frequenze 99.8 di RadioIes, la Roma sarebbe sulle traccie del gioiello classe 1992 del Gremio, Fernando Lucas Martins. Il giovane, già protagonista con l’Under 20 della nazionale brasiliana, ha fatto il suo esordio nel 2009 con la prima squadra e finora ha collezionato 36 presenze e 1 gol, mettendo in bacheca un campionato Gaucho nel 2010 e il bis di tornei (sudamericano e il mondiale) con l’Under 20. Le buone prestazioni messe in campo con la squadra di Porto Alegre, hanno attirato le attenzioni di diverse squadre, tra le quali anche l’Inter di Stramaccioni..!

Roma, Kjaer: Arrivederci o... addio?!


Simon Kjaer ha terminato con una giornata di anticipo il suo campionato nella Roma. Durante l'ultimo allenamento si è procurato una distorsione alla caviglia sinistra. Nulla di che, ma lo staff medico adotterà lo stesso metro di cautela utilizzato con Stekelenburg: entrambi i giocatori saranno impegnati in estate con l'Europeo e non si vuole rischiare per una partita di importanza limitata..
Per Simon Kjaer, dunque, quella contro il Catania potrebbe essere stata l'ultima partita in giallorosso. Il ds Sabatini è in trattativa con il Wolfsburg per il rinnovo del prestito. I tedeschi sono favorevoli a patto che ci sia l'obbligo del riscatto. La Roma accetterà a sua volta se la cifra si abbasserà dai 7 pattuiti la scorsa stagione a 3-4..!

Attenta Roma: Tutti vogliono Stoian..!


Il gioiellino rumeno Adrian Stoian del Bari, ma di proprietà della Roma, ha attirato su di sé l'interesse di importanti squadre europee come lo Zenit San Pietroburgo, l'Ajax ed il Villareal, lo afferma tuttoB.com. Stoian è un trequartista, classe '91, che può giocare anche come esterno offensivo. Cresciuto tra i giallorossi con cui ha esordito in Serie A nel 2009, quest'anno ha offerto ottime prestazioni in Puglia, realizzando 5 reti in 27 incontri..!

Roma: avanti con il progetto..!


Il progetto e le strategie per il futuro dell'As Roma, peraltro chiari e condivisi con l'azionista di maggioranza (ovvero la cordata Usa di James Pallotta e Thomas DiBenedetto), sono confermate. È quanto riferiscono fonti vicine ad UniCredit. Inoltre, viene precisato che non mancherà occasione di condividere progetto e strategie con tutti i consiglieri a partire già dalla prossima riunione del consiglio d'amministrazione. Il prossimo appuntamento in calendario dovrebbe essere lunedì..!

martedì 8 maggio 2012

Luis Enrique, sì o no? La Roma è divisa...!


Luis Enrique, dopo lo shopping fatto ieri mattina in centro con la moglie, sarà oggi regolarmente a Trigoria. Da allenatore della Roma festeggerà il suo 42° compleanno, con brindisi nello spogliatoio, e dirigerà la seduta pomeridiana. E, come sempre, si confronterà con i dirigenti giallorossi, ai quali, ormai da una decina di giorni, ha preannunciato la sua intenzione di andar via dopo la gara di fine campionato, in programma domenica a Cesena. Insomma, l'asturiano si prepara all’addio. Ma ancora non l'ha ufficializzato, nonostante sia sfumato pure l'ultimo obiettivo possibile, la partecipazione alla prossima Europa League. Ha solo disdetto il contratto d'affitto della sua villa all'Olgiata (e il suo vice Moreno quello della sua casa all'Eur). Bisogna vedere dove farà il trasloco.
Il preavviso, però, non basta alla Roma. Che ora vuole sapere se la decisione di Lucho è definitiva. E' la settimana della verità. Non è da escludere che sia Franco Baldini, già oggi, a prendere di petto la situazione. Per avere una risposta più chiara dal tecnico, in modo da cominciare a programmare la seconda stagione della nuova era..!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Guadagna da casa tua

beruby.com - Guadagna acquistando online