sabato 31 dicembre 2011

poesia totti

Calciomercato Roma: Pizarro segue Borriello alla Juve?!


Sono giorni frenetici in casa Roma, dove si continua a pensare al calciomercato per modellare e rinforzare la squadra secondo le esigenze di Luis Enrique, il quale ha chiesto in particolar modo che la rosa venga ridotta per poter lavorare meglio e il ds Walter Sabatini è da tempo al lavoro per accontentarlo.
Una cessione è praticamente già stabilita, quella di Marco Borriello alla Juventus. I giallorossi e i bianconeri hanno risolto anche gli ultimi dettagli e sono d’accordo praticamente su tutto (prestito con diritto di riscatto), ma prima di poter definire l’affare bisogna attendere che la Juve riesca a risolvere la grana Amauri, il quale, nonostante la sua volontà di cambiare aria, continua a rifiutare le destinazioni proposte mettendo così al palo i piemontesi. Tuttavia, appena questo problema sarà risolto e l’italo-brasiliano sarà ceduto, allora Borriello potrà partire per raggiungere Antonio Conte. Ma l’attaccante potrebbe non essere l’unico romanista a raggiungere Torino. Secondo le ultime indiscrezioni, lo stesso Conte avrebbe richiesto alla dirigenza un vice Pirlo, un giocatore in grado di sostituirlo in caso di necessità, squalifica o infortunio del regista bianconero e della Nazionale, e Marotta avrebbe pensato a David Pizarro. Su di lui permangono molte perplessità riguardo la sua condizione fisica, ma il cileno rappresenta di sicuro una pedina ideale per Conte, in virtù della sua grande esperienza di Serie A che gli permetterebbe di non avere problemi d’inserimento.
Qualora Pizarro lasciasse la Capitale, si aprirebbero le porte per Casemiro. La partenza del centrocampista cileno libererebbe un ulteriore posto in mediana, dove Sabatini da tempo sogna di mettere un giocatore come il 19enne brasiliano del San Paolo, che segue ormai da molti mesi. Nelle ultime ore, i contatti tra le due società si sono intensificati, con la Roma che ha fatto pervenire un’offerta di 5 milioni di euro. Una cifra bassa, stando alla richiesta del club verdeoro, ma appare più come una mossa strategia dello stesso ds giallorosso per mettere alle corde il San Paolo, magari convincendolo alla fine a lasciar partire il giocatore in prestito con diritto di riscatto, operazione che sarebbe un capolavoro. Ad ogni modo, sono previsti ulteriori sviluppi a breve.
Infine, una curiosità che riguarda proprio la Roma. Nei prossimi giorni potrebbe essere ufficializzato l’ingresso di Kevin Garnett, giocatore Nba e fuoriclasse dei Boston Celtics, come azionista di minoranza e non è escluso che possa anche diventare un testimonial dei giallorossi. L’idea è di James Pallotta, uno dei maggiori azionisti della franchigia bostoniana e recentemente diventato il socio forte del consorzio americano che attualmente è a capo della società capitolina...!

Roma, piace Guarin ma il sogno è Thiago Alcantara..!


L'asse di calciomercato Roma – Juventus è quello più caldo in queste ultime ore, chiuso il colpo Borriello i bianconeri pensano infatti a Pizarro per rinforzare la linea mediana; non c'è però solo il mercato in uscita nella testa del diesse giallorosso Walter Sabatini. Si pensa anche a possibili rinforzi da inserire nella rosa di Luis Enrique, senza dimenticare l'ormai eterna telenovela riguardante il rinnovo di contratto di Daniele De Rossi. Per quanto riguarda il fronte entrate si cerca un centrocampista centrale i nomi caldi sono tre: Guarin, Thiago Alcantara e Casemiro. Rigorosamente in ordine di preferenza. Il centrale del Porto è, senza alcun dubbio, il primo nome sul taccuino del direttore sportivo romanista; in questa fase però, la società capitolina non può far altro che aspettare con attenzione l'evolversi della situazione. Guarin, dopo l'addio di Villas Boas ha infatti perso quello smalto e quella inamovibilità che avevano caratterizzato la sua precedente annata sia a livello di club sia in Coppa America, per questo motivo il colombiano potrebbe essere messo sul mercato per una cifra vicina ai 10 milioni. I giallorossi vorrebbero ulteriormente trattare il prezzo e per questo hanno da tempo intensificato i contatti anche con Casemiro. L'ex baby prodigio del San Paolo non sta attraversando un grandissimo momento in patria ed ha visto vertiginosamente calare le sue quotazioni, ora giunte a poco più di 5 milioni di euro, tuttavia questo improvviso appannamento pare aver raffreddato al contempo l'interesse dei top club europei nei suoi confronti, relegandolo al ruolo di pista di ripiego per tutte le contendenti. Il vero sogno di Luis Enrique è pero Thiago Alcantara, ultimo splendente gioiello prodotto dalla cantera del Barça, che il tecnico asturiano ha già allenato nella precedente avventura sulla panchina del Barcellona B. Lo spagnolo sarebbe il giocatore ideale per il modulo di Enrique, tuttavia le difficoltà sono numerose e appaiono quasi insuperabili. Innanzitutto sembra difficile che il club catalano se ne privi a titolo definitivo. Si può tutt'al più strappare un prestito, ma difficilmente il Barça rischierà di perdere prematuramente un tale gioiello, la lezione Fabregas ha consigliato una maggior prudenza in casa blaugrana. Lo stesso Fabregas, però, potrebbe rivelarsi l'arma sulla quale Sabatini potrà fare affidamento..!

Roma, si lavora in uscita: quante cessioni in vista...!


Luis Enrique è stato chiaro. Il tecnico asturiano ha ribadito di recente che vuole lavorare con un gruppo più ristretto di giocatori. Il ds Walter Sabatini ha recepito l'ordine: serve una Roma più 'snella'. Via libera, dunque, alle operazioni in uscita. Tanti i nomi in partenza, alcuni dei quali celebri, come quelli di Borriello e Pizarro. Entrambi potrebbero finire alla Juventus. Se sull'addio del primo si è detto e scritto di tutto, per il cileno la situazione rimane ancora da decifrare. Il playmaker potrebbe decidere di rimanere a Trigoria fino a giugno, per poi fare ritorno in patria: e questa è la soluzione numero 1. Oppure non è da escludere che alla fine decida di accettare la corte di Madama; a Torino è già pronto per lui un posto come vice-Pirlo. A meno che lo stesso Pizarro non scelga di continuare la sua avventura giallorossa, nella speranza di riuscire a conquistare la fiducia dell'allenatore. Da tempo in lista di sbarco c'è anche il brasiliano Cicinho, in scadenza di contratto. Non sarà facile, però, trovare un compratore, visto anche l'alto ingaggio percepito dall'esterno. La Roma sembra quasi rassegnata a perderlo a parametro zero, a meno di non trovare un club, forse in Brasile, disposto a prelevarlo già a gennaio, ad una cifra, ovviamente, modica. Un altro che farà le valigie è l'attaccante Stefano Okaka, quasi mai preso in considerazione da Luis Enrique. Per lui si parla dell'ipotesi Parma: da decidere la formula del trasferimento, probabilmente a titolo temporaneo. Non è da escludere che Okaka rinnovi il contratto per poi trasferirsi in gialloblù in comproprietà: questa, almeno, è l'ultima voce in materia. Sabatini deve inoltre mettere ordine alla voce portieri. Naturalmente intoccabile l'olandese Stekelenburg, protagonista finora di un'ottima stagione (dopo un avvio così così), non è da scartare l'acquisto di un nuovo dodicesimo. Curci, infatti, sembra destinato ad emigrare in direzione Lecce; il cub salentino ha pensato all'ex-doriano per sostituire il deludente Julio Sergio, che tornerebbe così a Roma, ma solo di passaggio. Per il brasiliano - che ha un contratto fino al 2014 - sembra molto probabile l'opzione del ritorno in patria. Rimane Lobont: potrebbe diventare lui il secondo portiere, promuovendo così un giovane come terzo..!

Mercato Roma..La lista è Guarin, Fucile e Montoya..!


Alberto GILARDINO è vicino al Genoa, anche se la Fiorentina prima di cedere il suo attaccante vuole trovare l'alternativa. Così si intensificano i contatti dei viola con MAXI LOPEZ (che piace anche in Premier, ad Everton e Tottenham), visto che Zamparini ha detto no per Mauricio PINILLA. Per il futuro i viola tengono d'occhio il 18enne Cheik Alan DIARRA, del Digione. Intanto AMAURI attende (piace anche a Firenze, dove però sono spaventati dal suo ingaggio), Marco BORRIELLO sta mettendo a punto i dettagli del suo trasferimento in prestito alla Juventus ed il Milan si interroga sul futuro di Alexandre PATO e se sia davvero il caso di prendere Carlos TEVEZ. In ogni caso, rimane il mercato delle punte, con molti club alla ricerca di attaccanti. Si era sparsa la voce che anche il Napoli ne volesse uno, nonostante l'arrivo del cileno Eduardo VARGAS, ma dal capoluogo campano smentiscono, anche se non è detto che la campagna acquisti invernale sia definita. In uscita c'è Giuseppe MASCARA, che potrebbe tornare al Catania. Di attaccanti sta discutendo anche la Lazio, ma soprattutto in uscita per capire se Djibril CISSE ha voglia di rimanere (se andrà via è sempre possibile che arrivi Pippo INZAGHI) e se sia il caso di cedere in prestito Libor KOZAK: per il ceco si è già fatto avanti il Cesena. In Romagna potrebbe finire anche FLORO FLORES, visto che con l'Udinese sta prendendo corpo l'ipotesi di uno scambio con Marco PAROLO. Oggi un colpo l'ha messo a segno il Cagliari, che si è ripreso quel Daniele DESSENA che già in passato ha vestito la maglia dei sardi. Ora il presidente Cellino potrebbe cedere Davide BIONDINI, richiesto con insistenza dal Genoa, mentre Mustafa EL KABIR ha smentito di voler tornare in Svezia. La Roma ha deciso che la sua priorità è il centrocampista e i nomi che circolano sono sempre quelli di Fredy GUARIN, CASEMIRO E PAULINHO. Il problema è che nessuno tra Porto, San Paolo e Corinthians è intenzionato a cedere con la formula del prestito. In casa giallorossa hanno poi preso atto dei tentativi del Flamengo per JUAN, che avrebbe fatto presente di voler tornare a casa (è cresciuto proprio nel club carioca) ma non subito. Per la fascia destra il sogno di Luis Enrique è Martin MONTOYA del Barcellona B, ma i catalani, se decideranno di prestarlo, lo hanno già promesso al Siviglia. Così, secondo quanto scrive 'A Bolà in Portogallo, i dirigenti di Trigoria potrebbero puntare su Jorge FUCILE, in uscita dal Porto. Tornando al Siviglia, ha deciso di cedere l'attaccante esterno Diego PEROTTI, che un anno fa piaceva molto alla Juventus e che ora potrebbe comunque trovare altri estimatori in Italia. Il Palermo vuole un centrocampista, il sogno sarebbe David PIZARRO ma il cileno non è intenzionato, almeno fino a giugno, a lasciare la Roma. Così Zamparini pensa a Mssimo DONATI, mentre dal Brasile qualcuno gli ha offerto l'ex romanista Marcos ASSUNCAO..!

La Roma su Casemiro..le ultime novità..!


.Home » Calcio » Calciomercato » Casemiro alla Roma, le ultime novità

31 dicembre 2011 | 0 Commenti

Casemiro alla Roma, le ultime novità


La Roma di Luis Enrique è in cerca di un centrocampista da affiancare a De Rossi e Gago. Nelle ultime settimane si parlava di Guarin del Porto, ma il giovane brasiliano del San Paolo Casemiro sembra un obiettivo più realistico. Vediamo le ultime novità.
Walter Sabatini sta lavorando alacremente durante queste festività natalizie per ottimizzare al meglio i fondi per il calciomercato Roma. Dopo la cessione in prestito di Borriello alla Juventus, e la trattativa messa in piedi sempre con i bianconeri per il trasferimento a Torino del cileno Pizarro, la Roma pensa a un centrocampista di valore per rinforzare la rosa a disposizione di Luis Enrique. L’ultimo nome è quello di Casemiro, il calciatore brasiliano entrato nel circuito del mercato europeo per il talento espresso nella scorsa stagione durante il Brasilerao. La situazione rispetto alla scorsa estate è decisamente cambiata. Casemiro non è più incedibile, e il prezzo attuale è di molto inferiore ai 15 milioni richiesti dal presidente del San Paolo Juvenal.Il centrocampista brasiliano da sei mesi sta attraversando un periodo difficile dopo le voci di mercato che l’hanno interessato durante l’estate. Per questo motivo il San Paolo ha deciso di ascoltare le pretendenti al calciatore e i giallorossi sono attualmente in pole position. Il procuratore di Casemiro Roberto Calenda avrebbe recapitato l’offerta della Roma di 5 milioni di euro al club sudamericano. La trattativa sembra sul punto di decollare e nei prossimi giorni potrebbero esserci importanti novità. Non è da escludere infatti che il ds Sabatini riesca a portare nella Capitale il talentuoso centrocampista già nella prima settimana di gennaio, affinché il tecnico spagnolo Luis Enrique possa averlo a disposizione già per l’ultima partita del girone d’andata. Un innesto prestigioso per i giallorossi, grazie al quale possono realizzare una linea di centrocampo invidiata da molti top club italiani ed europei, City permettendo: i Citizen infatti tramite il manager Mancini hanno espresso la volontà di prendere De Rossi a qualunque costo. Capitan futuro resisterà alla tentazione delle sirene inglesi?!

Calciomercato Roma..Sandro 'insidia' Casemiro. Anche il Psg su De Rossi!


Un problema in più per la Roma. Pare, infatti, che anche il Paris St. Germain abbia deciso di gettarsi all'assalto di Daniele De Rossi, sfruttando la fase di stallo sul fronte-rinnovo. Carlo Ancelotti, fresco di nomina sulla panchina dei parigini, è un grande estimatore del centrocampista dai tempi del Chelsea e sarebbe felicissimo di allenarlo. La Roma non sa più che pesci pigliare per convincere il giocatore a prolungare. La mossa decisiva potrebbe essere questa: un incontro con James Pallotta. Come riferito dalla Gazzetta dello Sport, il patron americano avrebbe in agenda una riunione con De Rossi per provare a strappargli il sì. I tempi? Probabilmente subito dopo la ripresa del campionato, che vedrà i giallorossi affrontare il Chievo all'Olimpico, il prossimo 8 gennaio. Pallotta sarà allo stadio e visiterà per la prima volta il centro sportivo di Trigoria. La società, però, si tiene pronta al peggio. Ecco perchè i sondaggi sul mercato alla ricerca di un centrocampista di spessore (o due, se davvero 'Capitan Futuro' dovesse salutare) proseguono a ritmi febbrili. Uno dei preferiti rimane Casemiro, ma sembra sia ritornata in auge anche la pista che porta ad un altro brasiliano, ovvero Sandro del Tottenham. Il ds Walter Sabatini potrebbe volare a Londra nei prossimi giorni per sondare il terreno con gli Spurs. Più facile, comunque, arrivare al talento del San Paolo, che potrebbe sbarcare nella Capitale con un esborso tutto sommato limitato, attorno ai 7-8 milioni di euro. Il mediano, classe 1992, piace molto ai giallorossi, che lo seguono già dalla scorsa estate. "La Roma? Ora fatemi godere le vacanze", ha risposto evasivo lo stesso Casemiro alle domande dei cronisti. Tutto può succedere, insomma, per colui che è stato definito il 'nuovo Emerson', dalle parti di Trigoria e non solo. Casemiro-Sandro, un duello tutto verdeoro, quindi, con il primo nettamente favorito. Senza dimenticare, poi, un altro brasiliano, quel Paulinho del Corinthians da tempo nel mirino del club capitolino. Altro sudamericano che fa gola, com'è noto, è il colombiano Fredy Guarin, che il Porto, però, non vorrebbe cedere, se non a carissimo prezzo. La Roma vuole giocatori sì bravi, ma non troppo costosi, perchè le casse societarie non consentono follie. Meglio, dunque, fare un mercato saggio ed equilibrato..!

Calciomercato Roma: non solo Borriello, la Juventus pensa anche a Pizarro..!


Il pressing del Flamengo su Juan non si attenua. Approfittando del fatto che il calciatore è a Rio de Janeiro per trascorrere gli ultimi giorni di vacanza, prima di far ritorno in Italia, la società carioca continua le sue avances. Quello che sorprende è che il tutto non avvenga - come spesso accade dalle nostre parti (Sabatini insegna, ndc) - sotto traccia ma alla luce del sole. E così, a parlare ieri è stato Rafel De Piro, il vicepresidente del club rubro-negro: «La nostra volontà di riavere Juan aumenta di giorno in giorno. Faremo il possibile e intensificheremo il tutto dopo la fine dell’anno. Dobbiamo anche consultare la Roma». Forse, più che la congiunzione «anche», bisognerebbe utilizzare l’avverbio «soprattutto». Già, perché la Roma, almeno per ora, non ha nessuna intenzione di privarsi del difensore brasiliano che dopo un avvio di stagione a dir poco problematico, ha ritrovato di colpo forma e affidabilità.
Nell’attesa che si concretizzi il trasferimento di Borriello alla Juventus (possibili novità entro domani, ndc), gira voce anche di un interessamento dei bianconeri per Pizarro, che non rientra nei piani di Luis Enrique. Okaka rinnoverà sino al 2016 (poi verrà girato in comproprietà al Parma). Chi invece ha molto mercato è Simplicio: oltre al Parma e al Napoli, nelle ultime ore è tornato in forte pressing il Bologna. Il giovane Caprari è stato richiesto dal Pescara..!

martedì 27 dicembre 2011

Calciomercato Roma: Casemiro, Guarin, Borriello, Okaka; il punto..!


Calciomercato Roma: Casemiro, Guarin, Borriello, Okaka; facciamo il punto sulle strategie da parte della società di Thomas Richard DiBenedetto per rafforzare la rosa durante la sessione di mercato invernale in vista degli impegni del prossimo anno calcistico (campionato di serie a e Coppa Italia). Andiamo a scoprire meglio i calciatori che interessano al club capitolino.
Dopo quello di Mirko Vucinic si prospetta un altro passaggio sulla tratta Roma-Torino: Borriello sembra infatti aver fatto un altro passo verso la Juve. Si tratta sulla formula, perche’ i bianconeri hanno varato un mercato all’insegna del fair play finanziario e quindi niente spese folli.
Un innesto in ogni reparto e solo per sopperire ad alcune carenze. La Roma dal canto suo ha necessita’ di sfoltire la rosa soprattutto di quelli che non rientrano nei progetti di Luis Enrique: tra questi Cassetti e Cicinho, in procinto di lasciare la capitale, e anche Okaka. Il tecnico spagnolo non si opporrebbe nemmeno alla cessione di Pizarro, mentre Simplicio, su cui pure avrebbe messo gli occhi anche il Napoli, ha riconquistato la fiducia dell’allenatore e quindi e’ piu’ probabile che resti.
La Roma lavora anche nel calciomercato in entrata; interessano due calciatori sudamericani: Guarin del Porto e Casemiro del San Paolo. Casemiro è un centrocampista centrale completo, nato come volante classico, all’occorrenza interditore, è stato schierato anche come difensore centrale nella Nazionale brasiliana Under-20 ai Mondiali 2011.
Casemiro è cresciuto nelle giovanili del San Paolo, fa il suo esordio in prima squadra il 25 luglio 2010 scendendo in campo da titolare nella gara di Série A contro il Santos. Il 15 luglio viene convocato dal c.t del Brasile under 20, Ney Franco, per i mondiali U-20, vinti dalla Seleçao in finale contro il Portogallo.
Fredy Alejandro Guarín Vasquez, conosciuto come Fredy Guarín, è una calciatore colombiano, centrocampista del Porto. Dopo gli esordi in patria, nel 2005 va a giocare in Argentina, nel Boca Juniors. Dopo una stagione viene acquistato dai francesi del Saint-Étienne; rimane in Ligue 1 per due anni prima di essere ceduto al Porto.
Nella stagione 2010/2011 risulta decisivo per la conquista dell’Europa League e della Primeira Liga. La cessione di Raul Meireles al Liverpool permette all’allenatore Andrè Villas-Boas di utilizzare Guarin con continuità, soprattutto nella seconda metà di stagione e nelle fasi finali dell’Europa League. Il colombiano è decisivo realizzando 5 reti in 22 presenze in campionato, 5 reti in Europa e, nella finale contro il Braga, l’assist per il gol decisivo di Radamel Falcao.
All’inizio della stagione 2011/2012 è protagonista in negativo della Supercoppa europea persa 2-0 contro il Barcellona: con un retropassaggio sbagliato offre a Messi la palla del vantaggio blaugrana e a fine match si fa espellere per un fallo da tergo su Javier Mascherano.
Ha fatto parte della Nazionale colombiana Under-20 e dal 2005 fa parte della Nazionale maggiore..!

Calciomercato Juventus: per Borriello manca solo l’ufficialità ..!


Marco Borriello è un calciatore della Juventus. Manca soltanto l’ufficialità ma è ormai certo che a partire dal prossimo gennaio l’ex attaccante di Genoa e Milan, attualmente di proprietà della Roma, vestirà la maglia bianconera. Secondo alcune indiscrezioni rimane un ultimo piccolo ostacolo al completamento della trattativa, ossia quello legato al costo del prestito, con la Juventus pronta ad offrire 500 mila euro e la Roma che vorrebbe almeno un milione in più. La sensazione è che i due club finiranno per venirsi incontro, accordandosi su una cifra a metà strada e che Borriello potrà unirsi alla squadra di Antonio Conte già a partire dal prossimo mini ritiro di Dubai, in programma a partire dal 31 dicembre. Il riscatto, che la Juventus non dovrà esercitare obbligatoriamente, verrà invece fissato ad 8 milioni di euro.
Ma l’arrivo di Borriello non frena la vivacità sul mercato di Beppe Marotta, attivissimo nella ricerca di calciatori da innestare soprattutto nel reparto avanzato. Tra questi potrebbe esserci Sebastian Giovinco che, dopo le ottime stagioni a Parma, potrebbe far ritorno a Torino già in questa sessione di calciomercato. Ai ducali, oltre ad un lauto conguaglio economico, potrebbero andare come contropartita tecnica Luca Toni o Amauri, già protagonista in maglia gialloblù la scorsa stagione. Altri nomi per l’attacco sono quelli di Mauricio Pinilla, cileno del Palermo su cui c’è anche il forte interessamento della Fiorentina, e Mattia Destro, giovane punta che sta mettendo in luce le proprie qualità nel Siena.
Il nome di spicco per il centrocampo rimane invece quello di Angelo Palombo che con la sua grinta, esperienza ed abilità in entrambe le fasi (di interdizione e costruzione) è il candidato ideale per fare da alternativa a Marchisio, Vidal e Pirlo. Marotta ha mantenuto ottimi rapporti con la sua ex squadra e pare che l’affare potrebbe concludersi con uno scambio di comproprietà che porterebbe a Genova qualche giovane talentuoso bianconero (Marrone o Sorensen) che avrebbe così maggiori occasioni per trovare continuità nel campionato cadetto.
Per la zona mediana del campo restano sotto la lente bianconera Riccardo Montolivo, la cui partenza da Firenze è ostacolata dalla linea adottata dai Della Valle che vogliono che il calciatore onori fino in fondo il suo contratto coni viola, ed il colombiano Freddy Guarin, per il quale bisognerà tuttavia superare le intransigenze e le esigenti richieste del Porto..!

Calciomercato Roma: Borriello-Juve, siamo ai dettagli..!


Il Natale è appena passato ma in casa Roma, mentre i giocatori sono in vacanza, i dirigenti continuano a lavorare al calciomercato, per rinforzare la squadra e cedere i giocatori in esubero. Anche se può sembrare strano, uno di essi si chiama Marco Borriello. L’attaccante ex Milan e Genoa è stufo di restare in panchina, ha rotto con Luis Enrique e ha già le valigie pronte, pronto per andare via. La sua prossima destinazione sembra essere Torino, sponda bianconera. Lo stesso Borriello ha già dato il suo assenso e ora spetta ai club trovare l’accordo, che potrebbe arrivare già in giornata. Nel pomeriggio infatti le due società dovrebbero avere un nuovo incontro, che dovrebbe essere quello risolutivo. La Roma è venuta incontro alle richieste della Juventus, accettando la soluzione del prestito oneroso a 1 milione di euro con diritto di riscatto a giugno (tramontata dunque l’ipotesi di uno scambio con Quagliarella) ma non c’è ancora l’intesa sulle cifre. I bianconeri non vorrebbero spendere più di 7 milioni, mentre i giallorossi ne vorrebbero almeno 9 per ammortizzare la minusvalenza dovuta alla cessione, visto che i capitolini quest’estate lo hanno pagato 10 milioni al Milan. Ad ogni modo, la distanza è davvero minima e siamo ormai ai dettagli. Borriello potrebbe raggiungere il ritiro juventino nei prossimi giorni, anche prima di gennaio, previa autorizzazione della Roma.
Nel frattempo, il ds Sabatini pensa anche al mercato in entrata. Secondo le ultime indiscrezioni, i giallorossi avrebbero mosso dei passi concreti per il 25enne Fredy Guarin, chiedendone il prestito al Porto. Il centrocampista colombiano non va d’accordo con il nuovo tecnico Pereira, subentrato in estate a Villas Boas, ed è intenzionato a cambiare aria. Guarin ha già detto sì alla Roma e quindi ora la palla passa alla società lusitana, che però preferirebbe cedere il giocatore a titolo definitivo per circa 8 milioni, soluzione poco gradita a Trigoria, dove si continua a monitorare le piste che portano a Casemiro e Paulinho. Per quanto riguarda il reparto arretrato, dall’Inghilterra ritorna di moda Stevan Savic, con il City che, dopo un iniziale rifiuto, si sarebbe convinto a cederlo in prestito a gennaio, come confermato anche dall’agente del 20enne difensore, e a questo punto Sabatini potrebbe riaprire la trattativa.
Infine, la telenovela legata al contratto di De Rossi potrebbe arrivare alle battute finali. E’ previsto infatti nella Capitale l’arrivo di James Pallotta, uno dei membri della cordata americana a capo della Roma e, dopo l’ultimo CdA, diventato il vero socio forte del consorzio, il quale sembra intenzionato a risolvere personalmente la vicenda e a far sedere sul tavolo ‘Capitan Futuro’ con l’accordo su carta e la penna in mano...!

Calciomercato Roma, fuori Borriello dentro Guarin..!


Dopo le ultime gare positive del 2011 la Roma si prepara in vista del mercato invernale. Mancano ancora tanti pezzi al mosaico di Luis Enrique e molti giocatori emarginati stanno per lasciare la Capitale. Walter Sabatini è in piena attività per una sessione invernale che si preannuncia molto vivace..
POSSIBILI CESSIONI – Il partente numero uno è senza dubbio Marco Borriello da inizio stagione fuori dal progetto. Le strade per la punta centrale sono tre e portano alla Juventus, al Paris Saint Germain e al Genoa. In particolare l’asse Torino-Genova è molto caldo. L’attaccante sarebbe infatti in procinto di passare ai bianconeri, ma a condizione che Amauri accetti l’offerta di ingaggio pari a 1,8 milioni di euro a stagione che gli propone Preziosi. A quel punto le due società sarebbero entrambe soddisfatte con l’acquisto di una punta di peso e la concorrenza milionaria dei parigini sarebbe spazzata via.
Altro calciatore in partenza è Marco Cassetti. Il numero 77 giallorosso non gode della fiducia del tecnico e dopo tanti anni alla Roma potrebbe andare al Parma insieme al più giovane collega Stefano Okaka in cerca di minuti da giocare. Anche Cicinho lascerà di sicuro il club romanista dopo averlo dichiarato apertamente. Il brasiliano guadagna più di 2 milioni e a 32 anni non ha grande mercato e si profila una rescissione contrattuale o nella migliore delle ipotesi un ritorno in Brasile. Solo voci di corridoio, invece, per la cessione di Juan che la società ritiene indispensabile.
POSSIBILI ACQUISTI - Il miglior acquisto per la Roma potrebbe essere la firma sul nuovo contratto di Daniele De Rossi che tarda ad arrivare. Le parti sembrano essersi avvicinate, ma il tempo avanza e la pressione del Manchester City fa paura. Sul piatto per il Biondo di Ostia ci sono i 6 milioni a stagione offerti dalla Roma contro i 9 offerti dal City. La sensazione è che il centrocampista voglia chiudere la carriera nella sua città, ma l’atteggiamento della società nei fatti non sembra andare nella stessa direzione.
Sul fronte acquisti veri e propri invece il nome dominante è quello di Guarin 25enne mediano del Porto. Il procuratore è in contatto con Sabatini e la trattativa è possibile, ma ci sono problemi sulla modalità. I portoghesi vorrebbero un acquisto secco a 8 milioni di euro, la Roma vorrebbe prenderlo in prestito con promessa di riscatto. Il giocatore, comunque, avrebbe già accettato l’offerta giallorossa. Sempre in tema centrocampo si susseguono le voci dal Brasile su Casemiro e Paulinho ambiti da svariati club europei, ma l’avanzamento della trattativa Guarin sembra allontanare queste altre ipotesi..!

sabato 24 dicembre 2011

Tu Corri - Omaggio a Francesco Totti

Sfogo Totti: 'Tradito dai tifosi'..!


«Non volevo offendere i tifosi, ma mi sono sentito tradito quando ho dato il mille per mille per questa maglia e ci ho messo la faccia». Francesco Totti, capitano della Roma, torna così sul suo sfogo dopo il rigore sbagliato contro la Juventus e le contestazioni di alcuni tifosi giallorossi. «Vorrei specificare lo sfogo post-partita nei confronti dei tifosi della Roma, che so quanto mi amino e mi vogliano bene, e la cosa è reciproca. Però, mi è dispiaciuto il modo in cui si sono esposti in certi momenti, soprattutto davanti ai miei figli», fa notare Totti rispondendo alle domande di Christian Panucci, suo ex compagno di squadra, in un'intervista che Sky manderà in onda il 25 dicembre alle 21. «Finchè la critica è costruttiva, accetto tutto a testa alta, ma se mi offendono davanti ai miei figli non ci sto», aggiunge il n.10 della Roma. «Un rigore sbagliato a volte basta per far scoppiare un putiferio? Purtroppo nel calcio capita anche questo. Io, di rigori, ne ho sbagliati parecchi», sottolinea Totti..!

Roma, Borriello: Via ai tagli..!


Il mercato in uscita. Vale a dire cessioni, vale a dire riduzione della rosa a disposizione di Luis Enrique proprio come richiesto dal tecnico, vale a dire taglio del monte ingaggi per risparmiare un po’ in un momento in cui le casse giallorosse non attarversano un grandissimo momento. Le operazioni in programma per gennaio passano soprattutto per queste logiche. E dalla cessione di Marco Borriello, pezzo pregiato che ha tanti estimatori in giro. La Juventus più degli altri. Borriello ha già detto sì al club bianconero e aspetta. Cosa? Che la Juve sistemi altrove Amauri e Iaquinta, più che Toni. L’affare si dovrebbe chiudere per 1,5 milioni di euro per il prestito oneroso fino al termine della stagione, con un diritto di riscatto fissato a 8 milioni. La Roma avrebbe preferito la soluzione Olympique Marsiglia, che avrebbe accettato di concordare con un accordo privato l’obbligo del riscatto, ma ormai il club giallorosso sembra orientato a dire sì. L’ingaggio di Borriello, naturalmente, sarà tutto a carico della Juventus. Enrico Preziosi, presidente del Genoa che cerca un centravanti, ha detto che «Borriello non arriverà in rossoblù perché è gia stato promesso alla Juve» ..!

Da Guarin a Casemiro: Roma, quante idee..!


GUARIN - Per strappare il sì del Porto a gennaio serve un’offerta di almeno 10 milioni
E’ forte. E’ uno dei migliori nel ruolo. E, dall’estate scorsa, da quando cioè ha vinto l’Europa League con il Porto, Fredy Guarin, 25 anni, ha parecchi occhi puntati addosso. Trattare con il club portoghese non è mai stato facile, la conferma arriva direttamente dalle parole di Marcelo Ferreyra, agente di Guarin: «Proprio così, per portarlo via già a gennaio deve arrivare l’offerta giusta. Il giocatore piace molto in italia e dei contatti ci sono stati anche con la Roma. Ma si è trattato di richiesta di informazioni, nessuna offerta concreta». Costa 10 milioni e Sabatini ci pensa. (...) Fisico possente, gioca indefferentemente interno o mediano centrale davantialla difesa. Non disdegna le conclusioni da lontano: grazie al buon destro garantisce anche un buon numero di gol
PAULINHO - Il Corinthias chiede 10 milioni, il ragazzo prende tempo: «Sogno l’Europa ma per ora...»
Paulinho è un altro nome sul quale la Roma sta lavorando. (...)l prezzo, anche in questo caso, si aggira intorno ai 10 milioni di euro. I tempi però, non sembrano maturi, visto che il club di Paulinho giocherà la Libertadores.«Sono orgoglioso che in Italia si parli di me, ma non ho fretta, sto bene qui. Certo, il sogno di qualsiasi giocatore è quello di misurarsi in Europa con i campioni più forti del mondo». ha detto ieri il giocatore. Sabatini ci proverà ancora, perché le referenze che gli sono arrivate su Paulinho sono ottime. E parlano di un giocatore già pronto per la serie A, che non avrebbe alcun problema di ambientamento. Paulinho ha segnato 8 gol nell’ultimo campionato brasiliano e ha Vampeta, ex centrocampista dell’Inter, come idolo. (...) Se arriva l’offerta giusta può partire anche a gennaio
SANDRO - Smaltito l’infortunio al ginocchio, da poco ha rinnovato fino al 2016 col Tottenham
Quest’estate il suo nome era stato accostato a molte squadre italiane. Milan, Inter, ma anche e soprattutto Roma con Walter Sabatini che sembrava aver bruciato sul tempo la concorrenza. Sandro, ventiduenne centrocampista e gioiello del Tottenham, alla fine non si è allontanato dall’Inghilterra e dal White Hart Lane. Complice anche un infortunio al menisco del ginocchio sinistro subito il 17 luglio scorso con la maglia della nazionale brasiliana impegnata in Coppa America. A distanza di due mesi e mezzo dall’infortunio e dall’operazione al ginocchio Sandro è tornato in campo, ha giocato otto partite con la maglia degli Spurs e nell’ultima gara giocata e pareggiata contro il Chelsea è rimasto in campo per tutti i 90’. (...) Non è facile però strapparlo a un Tottenham che, forte di un rinnovo contrattuale fino al 2016, quest’estate valutava il giocatore non meno di 14 milioni di euro, visto che che gli inglesi, per portare il brasiliano in Europa, ne avevano versati 10 nelle casse dell’International di Porto Alegre
FERNANDO - Il Porto ha rifiutato i 12 milioni offerti dal Liverpool: ne vuole almeno 15
Con il Porto lo scorso anno Fernando ha vinto tutto: campionato, Europa League, supercoppa e coppa nazionale. E’ per questo che “O polvo”, il polpo, come lo chiamano i tifosi portoghesi per la capacità di recuperare palloni, quest’estate è stato al centro dell’interesse di mezza Europa. (...) Il centrocampista classe 1987 è tornato poi a essere uno dei cardini della squadra portoghese, ma il mercato di gennaio potrebbe riservare qualche sorpresa per il brasiliano. Da vincere ci sarà anche questa volta la resistenza del club portoghese che per il cartellino del brasiliano chiede 15 milioni di euro. Una cifra probabilmente trattabile, ma che difficilmente potrà scendere sotto i 12 milioni, la cifra che nell’ultima finestra di mercato sembrava pronto a versare il Liverpool per riuscire ad arrivare al giocatore
DIARRA - Per il francese è dura convincere il Real
Nella lista della Roma c’è anche Lassana Diarra, 26 anni, francese del Real Madrid. L’asse per imbastire l’affare è quello che lega Franco Baldini al suo ex club, dal quale ha preso in estate Gago. L’operazione sarebbe simile a quella che ha portato l’argentino a Trigoria, con un prestito oneroso, un accordo per il riscatto a fine stagione e lo stipendio pagato solo in parte dalla Roma. Il problema è proprio l’ingaggio di Diarra (oltre 4 milioni a stagione) e il fatto che ora il francese è tra il blocco di 14-15 titolari di Mourinho.
CASEMIRO - L’asso del San Paolo di nuovo in vendita
L’estate scorsa è stato a un passo dalla Roma. Casemiro, 19 anni, astro nascente del calcio brasiliano, è di proprietà del San Paolo. E’ classe ‘92, come Lamela (...). Ieri, Juvenal Juvencio, presidente del San Paolo, ha detto che Casemiro «dopo il rinnovo del contratto non ha più giocato allo stesso modo e di fronte a un’offerta di 10 milioni potrebbe essere lasciato libero di partire». Probabilmente il presidente ha voluto aprire l’asta...!!

Totti su De Rossi: 'Deve restare alla Roma'..!


Un racconto lungo come una storia d'amore che alla fine, tra le righe, porta con sé la richiesta di un dono. Perché il passaggio di testimone ci sia, perché il futuro abbia i colori del presente. Così Francesco Tottisi è confessato all'amico Christian Panucci in un'intervista che andrà in onda domani alle 21 su Sky Sport. Per questo il capitano, a proposito del rinnovo di De Rossi, sempre più corteggiato dal Manchester City, sceglie di essere chiaro: «Se fossi Baldini gli direi: "O firmi, o firmi. Perché sei romano e della Roma e fai parte di questo progetto. Quindi firma a qualsiasi cifra (ride, ndr)". Spero che Daniele rimanga a Roma».
«Champions non impossibile» Totti parla dei suoi genitori («le persone più importanti»), della somiglianza che ritrova tra lui e il figlio Cristian («un giocherellone»), dei paragoni con Rivera («un orgoglio»). Francesco è sincero. «Quando esordii venti anni fa non pensavo che avrei avuto una carriera così prestigiosa. Ho sempre cercato di dare il massimo e sono arrivato fino a questo punto». Poi gli allenatori. «Mazzone? È stato un secondo padre. Zeman? Mi ha fatto capitano e ho coronato un sogno. Capello? Ho avuto un buonissimo rapporto. Quando è andato via c'è stato un piccolo screzio, ma è finita là, anche perché l'ho sempre stimato e lo stimerò sempre. E poi abbiamo vinto insieme uno scudetto, ciò che ho sempre voluto. Abbiamo avuto la possibilità di vincere anche negli anni successivi. Purtroppo abbiamo sbagliato le partite più importanti. Poi invece abbiamo incontrato l'Inter più forte di tutti i tempi, era devastante. Spalletti? A Genova, contro la Sampdoria mancavano 4 attaccanti e mi disse: "Te la senti di giocare da prima punta?". Mi sono detto: "Proviamoci, i piedi sono quelli. Al massimo finisce 0-0". Invece ho segnato e non mi ha più tolto da lì. E ho capito che quello era il ruolo che preferivo. Con lui in Champions abbiamo fatto dei miglioramenti. Certo, è difficile vincerla, ma non impossibile perché niente è impossibile. Il 7-1 di Manchester? Speravo che la partita finisse il prima possibile, era un incubo».
Pressione Roma L'universo giallorosso, comunque, non è semplice da gestire. «L'ambiente è difficile. Io, fortunatamente, ho la possibilità di conoscerlo, so cosa vorrebbero i tifosi dalla squadra, però, purtroppo, non sempre nel calcio si può ottenere ciò che si desidera». La pressione riporta anche al rigore sbagliato con la Juve. «Purtroppo nel calcio capita. Io ne ho sbagliati parecchi, ma vorrei specificare il mio sfogo. So quanto i tifosi mi amino, ma mi è dispiaciuto il modo in cui alcuni mi si sono rivolti davanti ai miei figli. Finché la critica è costruttiva, accetto tutto a testa alta, ma se mi offendono davanti ai bambini non ci sto. Non volevo offendere i tifosi ma mi sono sentito tradito, quando ho dato il mille per mille per questa maglia e ci ho messo la faccia».
Casemiro & Paulinho Totti vorrebbe metterla anche davanti ad altri successi. Per questo il d.s. Sabatini sta lavorando. Se Paulinho (Corinthians) dice dal Brasile che — senza fretta — è intrigato dall'idea di giocare in Italia, il presidente del San Paolo, Juvenal, su Casemiro dice chiaro: «Da quando ha rinnovato il suo rendimento è sceso, la sua testa è altrove. Ora lo vendo anche a dieci milioni». La Roma, pur scottata dal no estivo, prende nota. Siamo convinti che Totti gradirà..!

venerdì 23 dicembre 2011

Giannini..La Roma ha trovato un equilibrio con Totti, Osvaldo e Lamela’..!


“Finalmente la Roma ha trovato l’equilibrio, e Luis Enrique è stato bravo a cambiare qualcosa”. Queste le parole di Giuseppe Giannini, intervistato da ReteSport. L’ex capitano giallorosso parla oltre che della Roma anche del suo esonero a Grosseto: “Avevamo perso con la Juve Stabia ed avevo pensato di andare via, ma non volevo si dicesse che avevo timore di affrontare il Pescara di Zeman, così sono rimasto. Ma volete sapere cosa mi ha fatto davvero andare via? Un sms. Avevo mandato un messaggio al presidente Camilli, lui non si è degnato di rispondermi, e da quel momento ho deciso che me ne sarei andato. La situazione societaria era insostenibile, soprattutto a causa del massimo dirigente, perché come ha detto Mazzone in una recente intervista i rapporti umani sono tutto. Chiaro che il Presidente voglia essere al corrente di quello che succede e questo avviene in ogni categoria, ma non puoi essere giudicato solo dal risultato della domenica, non sei un fenomeno se perdi o se vinci una domenica, serve l’equilibrio di saper giudicare il gioco. Subentrare in una situazione positiva era già difficile, quando poi ti accorgi di essere giudicato dal risultato ed in un periodo di tempo limitato, non va bene. Luis Enrique per esempio, ha avuto il tempo per lavorare e dopo mesi si vede il progresso della squadra, e questo va dato come merito alla società. Fosse stato da un’altra parte non sarebbe successo magari, non avrebbe avuto tutto il tempo necessario.Il tecnico qualcosa ha rivisto rispetto all’inizio, anche nel considerare chi non vedeva all’inizio, ed in quello è migliorato, non so se gli è arrivato qualche input dalla società. Da Roma- Juve forse la società gli è stata più vicina“. Sulla squadra: “La Roma ha trovato un equilibrio dopo molte prove, con Totti, Lamela ed Osvaldo, e lo stesso Simplicio che ha dato il suo contributo aiutando il tecnico a trovare il bandolo della matassa. Totti gioca leggermente più basso che con Spalletti, ma uno come lui l’occasione se la crea sempre anche giocando più lontano dalla porta. Ed infatti ha avuto diverse occasioni nelle ultime partite. Osvaldo? Se guardiamo il gol che ha fatto a Bologna è un gol straordinario, praticamente da fermo. All’inizio ha sofferto ma si è adattato ed è giocatore vero, di personalità. Non so se sarei intervenuto come Luis Enrique sull’episodio con Lamela, forse una multa sarebbe stata sufficiente. Non puoi tagliarti le gamne per una discussione, sono cose che capitano e capiteranno sempre”..!

Ag. Borini: ‘Nessuna possibilità che vada via a gennaio”..!


Marco De Marchi, agente di Fabio Borini, ha parlato ai microfoni di Tele Radio Stereo 92.7, della situazione del suo assistito: “Fabio sarà disponibile subito dopo la sosta natalizia. Sta lavorando per rimettersi subito al lavoro con Luis Enrique. Il mio assistito ha sempre dichiarato di avere come unico obiettivo quello di farsi riscattare dalla Roma. Vuole restare a lungo in giallorosso per dare seguito a un percorso iniziato la scorsa estate. La Roma ha dimostrato da subito l’interesse per Borini, fissando un prezzo non indifferente per il riscatto. Dipendesse da noi, saremmo ovviamente felici se la Roma lo riscattasse subito, ma è un discorso che devono affrontare le due società, quella giallorossa e il Parma. Si parla di Borriello che possa andare via. Fabio vuole trovare spazio attraverso il lavoro, ciò è accaduto finora anche con Borriello in rosa, quindi non c’è timore che rimanga Borriello o meno.Non esiste possibilità, proprio per le ragioni spiegate, che Borini lasci la Roma in prestito alla riapertura del mercato a gennaio”..!

lunedì 19 dicembre 2011

La Roma vince e convince. Luis Enrique può sorridere: recuperati Gago, Pizarro, Cassetti e Kjaer..!


NEWS DELLA GIORNATA - Archiviata la partita di ieri con il Napoli, che ha portato in dote i tre punti ed una prestazione convincente, la Roma è tornata al lavoro a Trigoria per preparare la sfida di mercoledì con il Bologna, recupero della prima giornata di campionato ed ultimo impegno del 2011. Clima disteso (e freddo) quello che si respirava oggi al “Fulvio Bernardini”. La prestazione offerta ieri al San Paolo ha regalato l’immagine di una nuova Roma, più cinica, fortunata e concreta ma non per questo meno spettacolare. Questo è quanto si evince dai pareri di opinionisti e tifosi, raccolti nelle rubriche di Romanews.eu. Infine, con l’avvicinarsi della sosta natalizia, non mancano le voci di mercato.
LA GIORNATA A TRIGORIA – La truppa giallorossa si è ritrovata nel primo pomeriggio nel centro sportivo giallorosso per preparare il match con il Bologna (arbitra De Marco, assistenti Petrella e De Luca). La seduta, svoltasi in un clima di grande armonia e divertimento, è stata aperta alla stampa nella prima mezz’ora ed ha portato buone notizie per Luis Enrique: Gago, Pizarro, Kjaer e Cassetti, assenti ieri al San Paolo, hanno lavorato con il resto del gruppo e dovrebbero essere pienamente recuperati per la sfida con i rossoblù. I giocatori scesi in campo con il Napoli hanno effettuato lavoro defaticante, mentre il resto del gruppo si è esercitato sulla circolazione della palla e sulla tecnica individuale. Domani (alle 11.30), Luis Enrique inconterà i giornalisti presso la sala stampa del Fulvio Bernardini per la conferenza stampa di presentazione del match tra Bologna e Roma.
MERCATO – L’approssimarsi dell’apertura della finestra di riparazione, alimenta molte voci di mercato. La Roma, dopo l’infortunio di Burdisso, è alla ricerca di un centrale di livello che riempia il vuoto lasciato dall’argentino. Uno dei nomi che nell’ultimo periodo è circolato con più frequenza in ottica giallorossa è quello di Ian Vertoghen, centrale dell’Ajax. Tuttavia la pista più concreta, per ora, è quella che porta in Inghilterra. Il Newcastle infatti avrebbe contattato direttamente l’entourage del giocatore e sarebbe prossimo alla presentazione di un’offerta concreta. Sempre per il reparto arretrato, ormai sfumato il “baby” Curti, sembra vicino l’ingaggio di un altro giovane: il talento romeno Dejan Boldor (classe ’95), ad un passo dalla Roma già in estate e obiettivo dei migliori club italiani. Sembrano spegnersi definitivamente le possibilità di arrivare a Van Der Wiel; il talento olandese, con tutta probabilità, a gennaio vestirà la maglia del Valencia. Il club giallorosso avrebbe quindi dirottato le sue attenzioni su Mario Fernandes del Gremio. Per quanto riguarda il mercato in uscita, Fabio Simplicio rimane al centro di molte trame di mercato (il Genoa sarebbe sulle sue tracce). Tuttavia l’ottimo rendimento del brasiliano nell’ultimo periodo sembra aver ribaltato la situazione e la sua permanenza a Roma sembra ormai un dato di fatto, come confermato dal suo agente. Anche Greco attira le attenzioni di molti club, in particolare quelle della Juventus che starebbe seguendo con attenzione il centrocampista giallorosso con il contratto in scadenza il prossimo giugno. Il club bianconero secondo alcune indiscrezioni, sarebbe anche sulle tracce di Marco Borriello. Tuttavia questa voce viene smentita dal dg del club piemontese, Beppe Marotta: “Fre nomi è inopportuno. Non c’è nulla di concreto”. Infine l’agente di Juan, Michele Gerbino, chiude ad una partenza del centrale brasiliano: “E’ un giocatore forte ed ambito da grandi club ma si trova benissimo a Roma e non ha nessuna intenzione di cambiare aria”
“LA MIGLIOR ROMA DELLA STAGIONE” – All’indomani della vittoria con il Napoli, nelle diverse emittenti radiofoniche capitoline il giudizio è quasi unanime: quella vista al San Paolo è stata la miglior Roma della stagione. Questo il parere di Dario Bersani, che dai microfoni di Tele Radio Stereo afferma: “E’ stata la miglior Roma, non avevamo mai battuto una squadra più accreditata. Alla faccia di chi continua a parlare di italianizzazione di Luis Enrique continuando a storpiargli il nome“. Gli fa eco il suo “gemello” radiofonico David Rossi: “Ora tutti a dire Luis Enrique si è italianizzato, ma a me pare che ieri abbia messo parecchi attaccanti dentro…“. Mario Corsi promuove la prestazione dei giallorossi “La Roma ha dominato, hanno avuto anche loro occasioni, ma abbiamo dominato. Vedi il palo di Lamela”, ma boccia l’operato di Franco Baldini: “Manderei via Baldini che ha fatto danni”. Ugo Trani sottolinea l’ottima prova della squadra e parla di un Luis Enrique “Vicino alla giusta formula. Non so se si può sognare il 3° posto ma potrebbe essere stata la svolta“. Roberto Renga sposta la lente d’ingrandimento su Bojan, spesso utilizzato negli ultmi venti minuti: “Non vorrei che fosse questo il suo limiti, al contrario di Lamela che limiti non ne ha”. Infine Sebino Nela, ospite della rubrica di Romanews.eu “3 domande a…”, sottolinea l’importanza delle parole di Francesco Totti nel post partita. Il capitano giallorosso infatti, ha dedicato la vittoria a Luis Enrique: ” Ci ha pensato un secondo poi ha detto: ‘Al Mister’. Credo sia un’ulteriore conferma che il gruppo sia sempre stato dalla parte dell’allenatore”..!

MERCATO. Ag.Juan: “E’ ambito da grandi club ma non ha nessuna intenzione di lasciare la Roma”..!


MERCATO: AG.JUAN SU FUTURO – Michele Gerbino procuratore di Juan per fare il punto sulla situazione del suo assistito è stato intervistato dalla redazione di GazzettaGiallorossa.it . Di seguito le dichiarazioni rilasciate:
Qual’è la situazione contrattuale del suo assistito?
“Juan ha il contratto in scadenza nel 2013 e intende rispettarlo è della Roma e rimane della Roma”.
Ha ricevuto offerte per il giocatore?
“Ricevo da tempo offerte per Juan. E’ un giocatore forte ed ambito da grandi club ma, e lo ribadisco, si trova benissimo a Roma e non ha nessuna intenzione di cambiare aria. Quindi non abbiamo mai prese in considerazione le offerte ricevute”.
Che rapporto ha con Luis Enrique?
“Rapporto ottimo, si stimano e non ci sono assolutamente problemi. Allenatore e giocatore hanno lavorato insieme per far tornare Juan a giocare titolare. Purtroppo il rosso preso a Firenze ha rallentato questo percorso. Contro il Napoli è stato protagonista di un’ottima prestazione2.
Quindi esclude problemi con Luis Enrique?
“Li escludo categoricamente. Ribadisco che c’è un ottimo rapporto con il tecnico”.
Quanto c’è di vero sull’interessamento del Flamengo?
“Nulla di vero da parte nostra. E’ successa una situazione spiacevole. Un avvocato/procuratore, del quale non faccio il nome, ha inviato una mail al Flamengo dove affermava di avere in mano un mandato da parte della Roma a vendere i giocatori brasiliani Juan, Simplicio e Cicinho. Sono assolutamente certo che la Roma sia estranea a questa iniziativa e sono pronto a prendere provvedimenti nelle sedi appropriate verso questa persona”.
Ma in Brasile hanno dato molto eco a questa indiscrezione di mercato..
“Verissimo, la stampa brasiliana ha cavalcato questa notizia. Juan è un idolo in Brasile. Poi la presidentessa Amorin non ha mai fatto mistero di apprezzare il mio assistito ma nulla di più”.
Come si è integrato con la colonia argentina della Roma?
“Juan ha un ottimo rapporto che va oltre l’ambito lavorativo con Nicolas Burdisso. Si frequentano anche fuori dal campo. Poi si trova benissimo anche con Heinze e gli altri argentini. E’ un ragazzo taciturno ed educato, caratterialmente simile ad Aldair, e si trova a suo agio con chiunque”.
Da esperto di calcio brasiliano quale giocatore consiglierebbe a Sabatini?
“Il giocatore che più mi piace e che credo possa cambiare una squadra in positivo è Casemiro. A mio avviso è un fuoriclasse. Mi ricorda Emerson da giovane quando lasciò il Brasile per la Germania. E’ molto giovane ma è già maturo di testa”.
Possibilità che Juan rinnovi il contratto?
“Ribadisco si trova benissimo a Roma, non avrebbe problemi, ma non sono domande che vanno fatte a me chiedete a Sabatini”.
Capitolo nazionale?
“Al momento non rientra nei piani del c.t. Mano Menezes ma se il c.t. dovesse convocarlo risponderebbe presente”..!

Roma, Trigoria: Serenità in allenamento..!


La Roma torna ad allenarsi a Trigoria dopo la bella vittoria ottenuta al San Paolo contro il Napoli. Clima sereno, in campo soltanto chi non ha giocato ieri. Cicinho ha scherzato con Fabio Simplicio, autore di un'entrata molto rischiosa: 'Vacci piano, che ho soltanto sei mesi di contratto', gli ha ricordato con il sorriso.
Il prossimo impegno sarà mercoledì prossimo a Bologna, quando si recupererà la prima giornata di campionato. Si sono allenati Kjaer, Cassetti, Pizarro e Gago, ma considerata la massima cautela di Luis Enrique sui giocatori reduci da un infortunio, i quattro rimangono in dubbio. Rientrerà Pjanic dopo il turno di squalifica..!

Roma, Simplicio resta: Via Cassetti ed Okaka..!


'Non cedere più Simplicio: può essermi utile'. La frase è di Luis Enrique, rivolta a Walter Sabatini, lunedì scorso nella pancia dell'Olimpico, subito dopo la fine della gara con la Juventus. Il diesse ha detto va bene, anche se la Roma lo aveva promesso da tempo al Parma, nell’ambito dell’operazione che porterà al riscatto di Borini, con la società giallorossa che dovrà versare 7 milioni in tre anni per avere l’attaccante a titolo definitivo.
Sabatini ha intanto proposto al club emiliano la comproprietà di Okaka: il centravanti, con il contratto in scadenza, dovrebbe rinnovare con la Roma entro fine dicembre e partire appunto nel mercato di gennaio, ma non a titolo definitivo. Sempre con il Parma è in piedi un discorso per la cessione di Cassetti..!

giovedì 15 dicembre 2011

FRANCESCO TOTTI CONTESTATO: "LASCIO LA ROMA". FIORELLO: "TENETEVELO STRETTO"


ROMA - Critiche, provocazioni, offese. Finora le aveva ricevute quasi esclusivamente fuori dal Grande Raccordo Anulare. Nella Capitale, solo i tifosi della Lazio, per manifesta rivalità sportiva e cittadina, si erano scagliati contro il simbolo della Roma. Stavolta, invece, Francesco Totti si è trovato a dover fronteggiare un inedito: insultato più volte nell'arco della giornata di ieri, anche vicino casa in presenza dei figli, da alcuni sostenitori giallorossi per il rigore fallito contro la Juventus. Insomma, da bandiera a bersaglio. «Se il problema sono io, e se le cose continuano in questo verso, continuerò a pensare» di poter lasciare la Roma, «mi dispiace sentire gli insulti dei tifosi romanisti nei miei confronti». Uno sfogo in piena regola quello di Totti, ritrattato al termine della cena di Natale organizzata dal club giallorosso. «Sono stato male interpretato, resto qui». Parole che però non bastano a cancellare lo stato d'animo del numero 10, che sta vivendo la sua stagione più negativa in maglia giallorossa. Dall'estate a oggi, infatti, le complicazioni in campo e fuori non sono di certo mancate. Le perplessità sulla nuova gestione del club in mano alla cordata americana - così distante dalla conduzione 'familiarè dei Sensi -, le frizioni a distanza con Baldini, che da Londra invitava il capitano a «liberarsi della sua pigrizia», le stoccate di Sabatini inviate per far capire a Totti che «nel calcio moderno non possono esserci giocatori intoccabili. Francesco deve mettere da parte qualsiasi forma di vanità». Tasselli di un unico puzzle, incastrati uno dopo l'altro per 'normalizzare' la figura di Totti nella Roma, per spingerlo a fare «soltanto il calciatore».

Ma anche sul terreno di gioco le cose non sono andate meglio, anzi. Prima i dissapori con Luis Enrique, poi i problemi fisici, infine le difficoltà in fase realizzativa (ancora nessun gol in stagione) hanno minato lo stato d'animo dell'attaccante. E le accuse dei romanisti, dopo l'errore dal dischetto contro la Juventus, non hanno fatto altro che intaccare ancor di più la corazza del numero 10. «Il 2011? Speriamo finisca presto - ha ammesso Totti a Roma Channel - anche perchè, vedendo le ultime partite, non stiamo riuscendo a fare quello che vorremmo. Ma con questo gruppo, con l'allenatore e con questa società abbiamo un unico obiettivo: vogliamo risalire e dimostrare che abbiamo un grande futuro». Futuro che, secondo Baldini, vedrà Totti ancora in giallorosso: «Se continuerà con la maglia della Roma? Esiste la possibilità che lo faccia con qualcun altro? È un pensiero che non mi ha mai sfiorato - le parole del direttore generale -. La gente dovrebbe usare un pò di buon senso. Attaccare Francesco per un rigore sbagliato? I calciatori che sbagliano i rigori sono quelli che li tirano». E in difesa del numero 10 si è schierato anche il portiere della Juventus, Gigi Buffon: «Contestare Totti è una vergogna, protestare contro Francesco è uno scandalo calcistico». Sulla stessa lunghezza d'onda Fiorello: «I romanisti non dovrebbero criticarlo mai. Lui è una bandiera, la sola rimasta insieme a Del Piero. Totti ha ragione: uno che ha dato tanto e viene criticato dagli stessi che lo hanno osannato, sai che dovrebbe dire? 'Ma andatevene tutti a quel Paese'». E se dovesse sentirsi ancora attaccato o, peggio, tradito dalla 'suà gente potrebbe anche scappargli.

mercoledì 14 dicembre 2011

Roma: Osvaldo, calmati e segna..!


Un, due, tre. Osvaldo. Purtroppo non si parla di gol, ha smesso di segnarli dalla partita contro il Novara, ma di uscite di testa. Gli ultimi 15 giorni sono stati un incubo: il pugno a Lamela a Udine, poi il litigio a Trigoria con Josè Angel durante una partitella, e lunedì scorso il disappunto plateale nel momento della sostituzione, con tanto di mancato saluto al subentrante Borriello. Chissà se a fine partita gli avrà ricordato di come lui non metteva piede su un terreno di gioco dal 26 ottobre.
Il dg Franco Baldini ha tentato subito di smorzare i toni: 'Il suo disappunto rappresenta la voglia di lottare. Era stato accolto con molto scetticismo, invece sta dando grosse soddisfazioni. L'episodio va confinato come il disappunto di chi voleva vincere la partita'. Di questo avviso non è stato, invece, l'altro direttore, Walter Sabatini. Il ds oggi è stato a colloquio con Osvaldo e lo ha rimproverato dell'ennesima mancanza di rispetto ad un compagno. L'italoargentino ha spiegato di non avercela con Borriello, ma di esser stato nervoso semplicemente per la sostituzione. Stretta di mano e pacca sulla spalla sia con Sabatini che con il suo compagno di reparto, e via a scaricarsi in palestra. Situazione appianata. Ma dal Napoli dovrà tornar a parlare di sé soltanto per i gol..!

Roma, Trigoria: Kjaer migliora, Pizarro c'è..!


A Trigoria i cambi di programma sono all'ordine del giorno. L'allenamento odierno è stato anticipato di un'ora e mezza su richiesta dei giocatori arrivati al centro sportivo intorno le ore 8 per sottoporsi a delle analisi del sangue. Controllo di routine.
In campo alle 10.30. Si è rivisto Pizarro: il cileno ha svolto tutto l'allenamento e aumentano le possibilità di vederlo al San Paolo. Rimangono in dubbio invece Kjaer e Gago: entrambi sono segnalati in netto miglioramento, domani proveranno ad allenarsi con il gruppo. A proposito: domani seduta posticipata alle ore 14..!

Roma: Al mercato con 20 milioni..!



Pallotta ha anche deciso di alzare l'aumento di capitale a 70 milioni consentendo al dg di lavorare sul mercato con maggiore liquidità (circa 20 milioni). Soldi che si aggiungeranno a quelli ricavati dalle cessioni di Borriello (vicino al Genoa), Greco e Cicinho.
La Roma comprerà almeno un difensore centrale. Al posto dell'infortunato Burdisso arriverà uno tra Spolli, Canini, Breno e Corluka, mentre il colpo grosso potrebbe essere Bastos. A centrocampo, oltre a Paulinho, si seguono Tomic del Partizan e Leskovic dell'Osijek..!

giovedì 8 dicembre 2011

FIORELLO & BORRIELLO

Nico Lopez: “Darò tutto”..!


Come riferisce ‘Il Romanista’, la Roma attende a braccia aperte l’ultimo acquisto di Sabatini: il talentuoso uruguaiano proveniente dal Nacional di Montevideo, Nicolas Lopez. Da gennaio, ‘el Conejo’, sarà a disposizione della prima squadra. Per il momento si allenerà con la Primavera. Ieri è arrivata l’ufficialità del suo acquisto e lui non poteva che essere raggiante: «Sono un giocatore della Roma – ha scritto sul suo profilo Facebook-. Mi alleno con Alberto De Rossi fino a gennaio». Proprio De Rossi si mostra disponibile a preparare il ragazzo: «Su Nico Lopez non ho ancora avuto indicazioni – ha detto il tecnico giusto sabato scorso al termine della gara con il Bari-. Noi siamo a disposizione: abbiamo tanti giocatori bravi, se ne avessimo uno in più troveremmo il modo di farlo giocare». Nel frattempo, Lopez ha incominciato a fare delle promesse importanti ai tifosi giallorossi: «Voglio segnare un gol alla Lazio. Per questa maglia voglio dare tutto il cuore. Forza Roma!»..!

Daniele e Totti incoronano Pjanic: “E’ il più forte”..!


Certo, detto da Totti e da De Rossi, non può che essere un grande onore. Come riporta ‘Il Romanista’, i due monumenti della Roma hanno incoronato Miralem Pjanic. All’inaugurazione della gioielleria “Brusco“, martedì sera, il Capitano aveva elogiato il talento bosniaco ex Lione: «Ecco il nostro giocatore più forte», ha commentato ad alta voce Totti, nel presentare il numero 15 giallorosso che era in sua compagnia. Non solo Totti. Anche ‘Capitan Futuro’, ha voluto sottolineare le grandi qualità del giocatore: «Confermo le parole di Francesco». Una consacrazione in piena regola..!

Come bloccare Marchisio? Ipotesi Perrotta..!


Claudio Marchisio, centrocampista della Juve e della Nazionale, sta attraversando un momento di forma straordinario. Come sostiene ‘La Gazzetta dello Sport’, il giocatore bianconero è tra i migliori interpreti del nostro campionato, per lui contano solo i numeri: 6 gol in 12 partite (0,50 di media a gara), quando finora ne aveva segnati appena 10 in 84 gare in Serie A (0,12 a partita). È il prototipo del centrocampista moderno: attacca, difende e contrasta. Praticamente, fa tutto.Riuscirà la Roma a tamponare le sue frequenti incursioni in area? Luis Enrique sta provando alcune contromosse: sulla fascia di Marchisio dovrebbe andarci a giocare Perrotta, che a conti fatti è forse il più indicato per constrastarne corsa e inserimenti. Chi conosce bene il bianconero è Daniele De Rossi. I due sono grandi amici. Proprio ‘Capitan Futuro’, in passato, aveva speso belle parole per lui: «Marchisio continua a migliorare e a stupire, con personalità. Se non è già uno dei centrocampisti più forti del mondo, lo diventerà presto». Complimenti contraccambiati dallo juventino: «Daniele è un grande campione, il giocatore che toglierei alla Roma. Gli auguro di chiudere la carriera nella sua squadra del cuore»..!

sabato 3 dicembre 2011

De Rossi: «Progetto Roma? I tifosi hanno già vinto»..!


Il centrocampista della Roma, Daniele De Rossi, parla ai microfoni a Sky 3D (ch 150), in vista di Roma-Juventus che lunedì 12 dicembre andrà in onda in 3 dimensioni su Sky 3D.

LA SFIDA - "Dopo il derby, credo che quella con la Juve sia la più sentita a Roma. Sarà perché ho molti amici alla Juventus, ma non sento questa rivalità così forte nei loro confronti. Forse in Italia ci sono altre squadre che mi fanno sentire di più l’avvicinarsi dell’appuntamento. Però, la Juve è la Juve e sarà un grande spettacolo, soprattutto quando si gioca qui a Roma, la gente lo sente moltissimo".

MARCHISIO - "Claudio Marchisio, in particolare, sta avendo una crescita incredibile. Continua a migliorare, anche quando sembra che sia diventato un giocatore completo, che si sia stabilizzato. Invece, continua sempre a stupire con grande personalità, come sta facendo ultimamente in Nazionale. Se non lo è già, credo che diventerà uno dei più forti centrocampisti del mondo".

LUIS ENRIQUE - "Il progetto è basato quasi tutto su di lui. E’ un tecnico giovane, con una mentalità completamente diversa da quella caratteristica del calcio italiano. E’ offensivo, ma dal punto di vista umano, è anche molto leale, per quello che ho conosciuto di lui. E’ una persona diretta, che ha delle idee e che percorre la sua strada nonostante i risultati e i fattori esterni".

I TIFOSI - "Il convolgimento dei tifosi? Ci speravo, speravo in questa pazienza che stanno dimostrando. A volte Roma non ha reagito così, per quanto riguarda i risultati. Invece, quest’anno i tifosi ci hanno insegnato che si può cambiare e loro sono stati i primi a farlo dopo il derby e dopo qualche altra sconfitta cocente. Sicuramente questa è già una piccola vittoria del nuovo progetto che stiamo vivendo".

Luis Enrique: «Osvaldo? Non sono un dittatore»..!


"So che sarebbe stato meglio arrivare a Firenze con Osvaldo, ma non ci sarà". Il tecnico della Roma, Luis Enrique, conferma l'esclusione dell'attaccante italo-argentino, punito con una multa salata ed una giornata di stop dopo il colpo rifilato a Lamela al termine della gara con l'Udinese. "La cosa più facile - ha detto lo spagnolo in conferenza stampa a Trigoria - sarebbe stato fare una multa, prendere soldi al calciatore e dimenticare tutto. Osvaldo è la punta che ha giocato più minuti con la Roma, ma abbiamo un gruppo e ho fatto la scelta di voler essere una vera squadra, che soffre quando perde, si diverte quando vince e si rispetta sempre". "Non voglio che fatti del genere si ripetano, il primo passo per essere una squadra è che ci sia rispetto per tutti. Osvaldo è un bravo ragazzo - ha aggiunto Luis Enrique -, con un cuore grande, ma tutti debbono sapere che in casi del genere si è punti e la punizione colpisce anche la squadra. La mia non è una dittatura, ci sono tre regole comportamentali che valgono per ogni gruppo". Al posto di Osvaldo però non ci sarà Borriello: "Non giocherà a Firenze, si è allenato solo due giorni con la squadra e non è a disposizione. Con lui però non ho alcun problema".

OSVALDO E BORRIELLO NON CONVOCATI - Confermata l'assenza per motivi disciplinari di Osvaldo, ma anche quella annunciata in conferenza stampa dal tecnico Luis Enrique di Borriello a causa dei pochi allenamenti in gruppo sostenuti dalla punta in settimana. La Roma si appresta quindi a giocare la gara in casa della Fiorentina con gli attaccanti contati: al Franchi ci saranno infatti solo Bojan, Lamela e Totti, col giovane Caprari chiamato in extremis. Rientra invece nella lista dei convocati il brasiliano Cicinho. Assenti gli infortunati Burdisso, Rosi, Kjaer, Pizarro e Borini. Questa la lista completa: portieri Stekelenburg, Curci, Lobont; difensori Juan, Heinze, Cassetti, Cicinho, Josè Angel, Taddei; centrocampisti De Rossi, Gago, Greco, Perrotta, Pjanic, Simplicio; attaccanti Caprari, Bojan, Lamela, Totti.

giovedì 1 dicembre 2011

Calciomercato Juventus Roma..Esclusivo: agenti Dedé e Mario Fernandes in Europa..!


Dedé e Mario Fernandes sono solamente due dei tanti difensori brasiliani seguiti dalle compagini italiane in vista delle prossime sessioni di mercato. Il primo, difensore centrale del Vasco da Gama, piace soprattutto alla Juventus, mentre per il secondo, terzino destro/centrale del Gremio, nelle ultime ore sono arrivate conferme all’anticipazione di Calciomercatoweb.it in merito ad un interessamento della Roma. Novità importanti sul futuro dei due calciatori potrebbero consumarsi proprio in queste settimane visto che, secondo quanto appreso in Brasile dalla nostra redazione, gli agenti degli stessi si trovano in questo momento in Europa..!

Il Bayern offre Breno, la Roma guarda Silvestre..!
























La Roma è pronta a tornare sul mercato durante la pausa invernale di campionato. L’infortunio di Burdisso spinge i giallorossi a cercare un centrale sostituto e, secondo quanto riportato da Repubblica.it, Matìas Silvestre (cercato in estate, oggi al Palermo) rappresenta un’opzione particolarmente gradita. Un’alternativa può essere Spolli del Catania, mentre sembrano scartati Breno (offerto dal Bayern Monaco), Savic (il City vuole farlo crescere in Premier) e il giovane argentino Fontani. A Trigoria si cercano anche due esterni bassi: Montoya (Barcellona B) e Tremoulinas (Bordeaux) sono in cima alla lista di Luis Enrique, ma costano caro..!

RICOMINCIAMO

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Guadagna da casa tua

beruby.com - Guadagna acquistando online